Yakov Davydov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Yakov Dadykov (10 ottobre 188828 luglio 1938) è stato un politico russo.

Nacque nella regione Nakhichevan tra Russia e Iran in una famiglia armena.

Dopo aver lavorato per la Cheka, Davydov fu trasferito al servizio diplomatico, ma continuò ad operare come agente. Fu membro nelle Repubbliche Sovietiche di Lituania (1922) di Tuva (1924), successivamente un ambasciatore in Ungheria (1924), aiuto ambasciatore in Francia (1925–1927) e aiutante ambasciatore in Persia (1927–1930), Grecia (1932–1934) ed infine in Polonia (1934–1937).

Nel 1937, durante il periodo delle Grandi purghe di Joseph Stalin, fu accusato di appartenere alla fittizia fazione di Leon Trotsky-Grigory Zinoviev (vedi processo di Mosca) e l'anno dopo fu giustiziato.