Xicotencatl I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Xicotencatl nell'Historia de Tlaxcala

Xicotencatl I, o Xicotencatl il Vecchio (ca. 11 Casa (1425) – 1522 4 Coniglio ca. [1]), è stato un tlatoani (regnante) di Tizatlan, un altepetl Nahua della confederazione precolombiana di Tlaxcala (stato Nahua), nell'odierno Messico.

Il suo nome nahuatl, pronunciato ʃiːkoʔˈteːŋkatɬ, viene a volte scritto Xicohtencatl. Nel 1519 fu battezzato col nome di Lorenzo Xicotencatl. Al tempo della conquista spagnola era molto vecchio e malato. Lo storico di Tlaxcala Diego Muñoz Camargo scrisse di lui dicendo che aveva oltre 120 anni, e che poteva vedere Cortés solo se qualcuno gli sollevava le palpebre. Disse anche che aveva 500 tra mogli e concubine, e di conseguenza innumerevoli figli.

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Si conosce un canto o poema attribuito a Xicotencatl.[2] È stato chiamato Cantares Mexicanos (57v.–58r.), una collezione di canti in nahuatl scritti probabilmente negli ultimi 30 anni del XVI secolo da Bernardino de Sahagún,[3] incentrati sulle guerre dei fiori svoltesi tra Tlaxcala e gli stati della Triplice alleanza azteca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ León-Portilla (1992): p. 232
  2. ^ León-Portilla (1992): p. 236
  3. ^ León-Portilla (1992): pp. 25–26

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Tlatoani di Tizatlan Successore
Xayacamach    
Conquista spagnola delle Americhe Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Conquista spagnola delle Americhe