Xerente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xerente
Xerente
Nomi alternativi Sherenté, Acuen, Akwen
Luogo d'origine Brasile
Popolazione 3.017[1]
Lingua Xerente, portoghese
Religione animismo
Gruppi correlati Xavante, Xacriabá, Acroás

Gli Xerente sono un gruppo etnico del Brasile che ha una popolazione stimata in 3.017 individui (2010).[1] Il termine con cui si autoidentificano è Akwe. Costituiscono il ramo Akwe dei popoli della famiglia linguistica del Brasile centrale, insieme agli Xavante. Anche gli Xacriabá, stanziati nel Minas Gerais, e gli Acroás (estinti), sono gruppi considerati culturalmente e linguisticamente ad essi connessi.

Lingua[modifica | modifica sorgente]

Parlano la lingua xerente (codice ISO 639: XER), lingua che appartiene alla famiglia linguistica . Gli adulti parlano in lingua indigena in tutti i contesti della vita quotidiana quando si trovano all'interno dei villaggi ma quando dialogano con i non-indiani sono capaci di parlare fluentemente la lingua portoghese. Gli Xerente e gli Xavante parlano dialetti della stessa lingua.

Insediamenti[modifica | modifica sorgente]

Vivono nello stato brasiliano di Tocantins[1]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

I primi contatti con gli europei sono avvenui nel XVII secolo con le missioni dei Gesuiti e le spedizioni dei colonizzatori. Tra il 1750 e il 1790 iniziò la costruzione di vari siti indirizzati alle popolazioni indigene del luogo in un processo di pacificazione finanziato dalla Corona portoghese e dettato dal bisogno di sfruttare le miniere d'oro della zona appena scoperte. Ma la resistenza degli Xavante e degli Xerente continuò con attacchi contro le prigioni militari e le città non-indiane. Alcuni gruppi di preti cappuccini tentarono invano la mediazione. La definitiva separazione di questi due gruppi Akwe ebbe luogo proprio in questo periodo, alla fine del XIX secolo: gli Xavante migrarono verso l'interno del Mato Grosso, nei pressi del Rio das Mortes, mentre gli Xerente rimasero sulle rive del fiume Tocantins.

Nel XX secolo gli Xerente continuarono a morire a causa soprattutto degli allevatori che in massa occupavano le terre rimaste rendendo lo spazio assegnato agli indigeni sempre più piccolo. Solo a partire dagli anni quaranta, grazie alle azioni dello SPI (Serviço de Proteção aos Indios) e di alcune missioni battiste, gli Xerente poterono sfuggire al pericolo di estinzione. Nel 1972, dopo oltre duecento anni di conflitti e migrazioni forzate, gli Xerente ottennero la loro prima area indigena omologata, denominata Área Grande.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (PT) Scheda su socioambiental.org. URL consultato il 7 giugno 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]