XIV secolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da XIV Secolo)
bussola Disambiguazione – "Trecento" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Trecento (disambigua).
I millennio · II millennio · III millennio
XI secolo · XII secolo · XIII secolo · XIV secolo · XV secolo · XVI secolo · XVII secolo
Anni 1300 · Anni 1310 · Anni 1320 · Anni 1330 · Anni 1340
Anni 1350 · Anni 1360 · Anni 1370 · Anni 1380 · Anni 1390
1301 1302 1303 1304 1305 1306 1307 1308 1309 1310
1311 1312 1313 1314 1315 1316 1317 1318 1319 1320
1321 1322 1323 1324 1325 1326 1327 1328 1329 1330
1331 1332 1333 1334 1335 1336 1337 1338 1339 1340
1341 1342 1343 1344 1345 1346 1347 1348 1349 1350
1351 1352 1353 1354 1355 1356 1357 1358 1359 1360
1361 1362 1363 1364 1365 1366 1367 1368 1369 1370
1371 1372 1373 1374 1375 1376 1377 1378 1379 1380
1381 1382 1383 1384 1385 1386 1387 1388 1389 1390
1391 1392 1393 1394 1395 1396 1397 1398 1399 1400

Il XIV secolo inizia nell'anno 1301 e termina nell'anno 1400 incluso.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Una caratteristica fondamentale di questo secolo è la continuazione e l'accentuazione di quel processo di concentramento politico, che già da secoli veniva lentamente reagendo contro la frantumazione, anzi polverizzazione dell'Italia in un'inverosimile quantità di feudi e Comuni, ognuno dei quali aveva goduto di una quasi assoluta indipendenza.

L'autorità imperiale si sta man mano disgregando per il sorgere della coscienza nazionale, per l'esito infelice della spedizione di Arrigo VII, invano esaltato da Dante, e per quello disastroso dei suoi successori Ludovico il Bavaro, Carlo IV e Venceslao di Boemia. Il potere politico del Papato si è logorato nella estenuante lotta contro gli Hohenstaufen e gli Angioini. I Comuni si svenano nelle lotte intestine.

Occorre una forza nuova che elimini l'anarchia delle dissuasioni interne, compia la definitiva fusione degli elementi romano e barbarico, riunisca la sovranità di ogni Stato in un uomo solo o in un potere organico, solido, ben radicato, capace di stabilire l'ordine e garantire la sicurezza di vita: sorge così il periodo delle Signorie e dei Principati.

Naturalmente tutto ciò non avviene se non attraverso ad innumerevoli episodi drammatici, che da un lato, spesso, i capi di antiche casate ragguardevoli non accettano il giogo, cioè non si rassegnano a divenire sudditi del rappresentante di una famiglia che fu, fino a ieri, loro pari; dall'altro, il popolo trova nelle difficoltà economiche o nella nostalgia delle abolite libertà comunali l'energia della ribellione. Ma i Signori a lor volta giustificano la propria ragione d'essere estendendo il dominio dello Stato e promuovendo il progresso economico e civile, mentre, per far fronte a tutti i nemici interni, dispongono di una forza nuova di cui si erano serviti i Comuni, ma che acquista ora maggiore rilievo e potenza: le milizie mercenarie. Queste occupano un posto di primo piano nella storia d'Italia del Trecento e del Quattrocento e mettono in luce degli eccellenti condottieri, stranieri prima, poi italiani.

Come è noto, le Milizie mercenarie sono di origine straniera e possono riallacciarsi a quei gruppi di guerrieri del Nord e del Nord Ovest che, al ritorno dalle Crociate, non volendo o non potendo restituirsi al proprio paese, si fermavano in Italia a soldo di quel Signore o Comune che meglio li pagasse.

Accadde che, dopo qualche tempo, anche in Italia ci si rese conto che codesto mestiere di Uomini d'armi aveva dei vantaggi: da principio individui isolati o gruppi di Italiani si arruolarono sotto la bandiera di qualche capitano di ventura straniero; poi, man mano, essi divennero la maggioranza e dettero lo sfratto agli intrusi, costituendo, già sul finire del XIV secolo sotto Alberico da Barbiano, la prima Milizia Mercenaria italiana.

Il processo storico e politico si svolge in Italia con assai maggior lentezza che non in altri Paesi e soprattutto con ritmo diverso da zona a zona, tanto che si può ripartire l'Italia del Trecento in vari gruppi corrispondenti a varie posizioni geografiche e sistemazioni politiche.

In Alta Italia si consolidano, più rapidamente che altrove, le Signorie: i Conti di Savoia, i Principi D'Acaja, i Marchesi di Monferrato, i Marchesi di Saluzzo in Piemonte; i Torriani, i Visconti, gli Sforza a Milano; gli Scaligeri a Verona; i Gonzaga a Mantova; gli Estensi a Ferrara, Modena e Reggio.

Il secondo gruppo è costituito dalle tre grandi Repubbliche Marinare di Genova, Venezia e Pisa. La prima, retta a sistema nettamente aristocratico, estende le sue conquiste in terra ferma e in Oriente. La seconda, retta anch' essa da governo aristocratico, è animata da fiero spirito bellicoso, ma estenuata dalla secolare lotta contro la rivale Genova.Pisa (il cui porto sarà distrutto da Genova nella battaglia della Meloria),dibattendosi fra la libertà e la tirannide, declina a poco a poco e si prepara ad essere assorbita da parte di Firenze.

La Repubblica Fiorentina pur essendo anch'essa travagliata da rivolte, si fa più forte, anche per la ricchezza dei suoi banchieri; mentre Roma, disertata dai Papi che per settant'anni prendono dimora ad Avignone, vede dilagare l'anarchia di nobili facinorosi e di signorotti prepotenti, anarchia che il tribuno Cola di Rienzo malamente cercherà di troncare.

Nell'Italia Meridionale abbiamo un vasto Stato unitario, il Regno di Napoli, sotto gli Angiò, mentre la Sicilia gode di un secolo di autonomia, prima di passare sotto la dominazione spagnola.

Ha inizio la piccola era glaciale

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi significativi[modifica | modifica wikitesto]

Invenzioni, scoperte, innovazioni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tranfaglia Nicola, Firpo Massimo, Collana: I grandi problemi dal Medioevo all'Età contemporanea, opera in sei volumi, UTET, Torino

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]