XIII emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La copia originale del XIII emendamento conservata negli archivi nazionali.

Il XIII emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti d'America abolì ufficialmente e continua a proibire la schiavitù, e, con eccezioni limitate a chi sia stato riconosciuto colpevole di alcuni reati, proibisce i lavori forzati. Prima della sua ratifica, la schiavitù era rimasta legale solo in Delaware, Kentucky, Missouri, Maryland, e New Jersey; in tutto il resto degli Stati Uniti d'America gli schiavi erano stati liberati grazie all'azione dei governi statali o dal Proclama di emancipazione. Abraham Lincoln, estensore del proclama, e altri politici statunitensi erano tuttavia preoccupati che il Proclama sarebbe stato visto come una misura temporanea dovuta alla guerra, e quindi, oltre a liberare gli schiavi negli stati in cui la schiavitù era ancora legale, essi sostennero l'emendamento in modo da assicurare l'abolizione permanente della schiavitù. L'emendamento fu proposto dai rappresentanti James Mitchell Ashley (repubblicano, Ohio) e James Falconer Wilson (repubblicano, Iowa) e dal senatore John B. Henderson (democratico, Missouri). Dopo la sua approvazione vennero proposti e approvati altri due emendamenti, noti come emendamenti della Ricostruzione: il XIV per proteggere i diritti civili degli ex schiavi e il XV che garantì il diritto di voto anche ai nuovi cittadini.

Storia del processo di approvazione[modifica | modifica wikitesto]

I primi dodici emendamenti furono adottati entro i primi 15 anni dall'approvazione della Costituzione. I primi 10, noti sotto il nome di Dichiarazione dei Diritti, o Bill of Rights in inglese, furono approvati nel 1791, l'XI emendamento nel 1795 e il XII nel 1804. Quando fu proposto il XIII, quindi, non erano più stati approvati emendamenti da circa sessant'anni.

Il XIII emendamento segnò una svolta radicale nelle idee politiche: durante le crisi della secessione, prima dello scoppio della Guerra di Secessione, la maggioranza delle leggi approvate dal Congresso aveva, infatti, protetto la schiavitù, sebbene vi fossero state anche alcune proposte per abolirla. Fra queste ultime si ricorda quella di John Quincy Adams, allora deputato alla Camera dei Rappresentanti, che l'avanzò nel 1839. Il 14 dicembre 1863, James Mitchell Ashley (repubblicano, Ohio) presentò una proposta a sostegno di un emendamento che abolisse la schiavitù in tutti gli Stati Uniti; a questa fece immediatamente seguito una proposta simile fatta dal rappresentante James Falconer Wilson, (repubblicano, Iowa). Il Congresso e l'opinione pubblica avevano iniziato a prendere coscienza del problema e, per questo, immediatamente dopo le precedenti furono avanzate una serie di proposte legislative. Il senatore John Brooks Henderson del Missouri propose una risoluzione congiunta per un emendamento costituzionale volto ad abolire la schiavitù l'11 gennaio, 1864. L'abolizione della schiavitù era, storicamente, un tema associato ai repubblicani, tuttavia Henderson era democratico. La commissione del senato per gli affari giudiziari, presieduta da Lyman Trumbull (repubblicano, Illinois), fu coinvolta nel processo per proporre una versione unificata delle differenti proposte. Un altro repubblicano, il senatore Charles Sumner (Repubblicano radicale, Massachusetts), propose un emendamento per abolire la schiavitù e per garantire l'uguaglianza l'8 febbraio dello stesso anno.

Mentre il numero delle proposte e l'estensione della loro portata continuava a crescere, la commissione sottopose al Senato un emendamento che riuniva le proposte di Ashley, Wilson e Henderson.[1]

Il Senato approvò l'emendamento l'8 aprile 1864, con un 36 voti a favore e 6 contrari. Dato che l'emendamento fu proposto prima che gli stati sudisti fossero stati pienamente reintegrati nell'unione dopo la Guerra di Secessione, si prevedeva una sua rapida approvazione da parte del Congresso. Tuttavia, mentre al Senato l'approvazione fu immediata, la Camera dei Rappresentanti inizialmente lo respinse, fu solo dopo che James Mitchell Ashley lo ripropose, che lo stesso presidente Lincoln prese l'iniziativa per assicurarne il passaggio alla Camera, assicurandosi che l'approvazione dell'emendamento fosse aggiunta al programma elettorale repubblicano per le successive elezioni presidenziali. I suoi sforzi vennero ricompensati quando la Camera approvò la proposta nel gennaio 1865 con 119 voti a favore, 56 contrari ed 8 astenuti, quindi con appena 2 voti di scarto sul minimo di 2/3 di voti favorevoli necessari per emendare la Costituzione. A proposito del convinto sostegno della presidenza all'emendamento si può notare, osservando il testo originale dell'emendamento, che questo, contrariamente alla prassi, reca anche la firma del presidente, sotto quelle dei presidenti di Camera e Senato. La proposta fu quindi inviata agli stati per la ratifica e, una volta completato il processo, il Segretario di Stato William Henry Seward formalizzò l'avvenuta ratifica il 18 dicembre 1865.

Il tredicesimo emendamento completò la legislazione per l'abolizione della schiavitù, che era cominciata con il Proclama di Emancipazione, firmato nel 1863. Approssimativamente su tutto il territorio statunitense rimanevano, all'epoca dell'entrata in vigore del nuovo testo, circa 40 000 schiavi, tutti concentrati in Kentucky, che furono quindi liberati.[2]

Processo di ratifica[modifica | modifica wikitesto]

Il tredicesimo emendamento fu inviato per la ratifica ai 36 stati allora esistenti dal 38° Congresso degli Stati Uniti il 31 gennaio 1865, ed entrò in vigore il 6 dicembre 1865, dopo la ratifica di 27 stati. L'entrata in vigore fu dichiarata il 18 dicembre, 1865. La sua più recente ratifica, tuttavia, avvenne nel 1995 in Mississippi[3], che è stato l'ultimo dei 36 stati che esistevano all'epoca della proposta a ratificarlo. Gli stati che hanno ratificato l'emendamento sono stati:[4]

Elenco degli Stati che hanno ratificato l'emendamento e data della ratifica
Stato Data Stato Data
Illinois 1 febbraio 1865 Vermont 8 marzo 1865
Rhode Island 2 febbraio 1865 Tennessee 7 aprile 1865
Michigan 3 febbraio 1865 Arkansas 14 aprile 1865
Maryland 3 febbraio 1865 Connecticut 4 maggio 1865
New York 3 febbraio 1865 New Hampshire 1 luglio 1865
Pennsylvania 3 febbraio 1865 South Carolina 13 novembre 1865
West Virginia 3 febbraio 1865 Alabama 2 dicembre 1865
Missouri 6 febbraio 1865 North Carolina 4 dicembre 1865
Maine 7 febbraio 1865 Georgia 6 dicembre 1865
Kansas 7 febbraio 1865 Oregon 8 dicembre 1865[3]
Massachusetts 7 febbraio 1865 California 19 dicembre 1865[3]
Virginia 9 febbraio 1865 Florida 28 dicembre 1865[3][5]
Ohio 10 febbraio 1865 Iowa 15 gennaio 1866[3]
Indiana 13 febbraio 1865 New Jersey 23 gennaio 1866[3][6]
Nevada 16 febbraio 1865 Texas 18 febbraio 1870[3]
Louisiana 17 febbraio 1865 Delaware 12 febbraio 1901[3][7]
Minnesota 23 febbraio 1865 Kentucky 18 marzo 1976[3][8]
Wisconsin 24 febbraio 1865 Mississippi 7 febbraio 2013[3][9]

Interpretazione e limiti[modifica | modifica wikitesto]

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che questo emendamento non proibisce la coscrizione[10] ma che proibisce invece l'impiego coatto come forma di rimedio giudiziario nel caso di violazione di contratti per prestazioni personali (come i contratti d'impiego).

Violazioni di questa disposizione furono represse ancora nel 1947.[11][12]

Prima del 1988, ridurre una persona in uno stato di servitù involontaria tramite mezzi coercitivi psicologici era una pratica che si considerava vietata dall'emendamento; tuttavia la Corte Suprema dichiarò che imporre la sottomissione attraverso mezzi psicologicamente coercitivi non era una pratica considerabile come bandita dalla costituzione[13][14]; questo nonostante le pressioni psicologiche fossero state il mezzo primario per forzare alla servitù involontaria nel caso di Elizabeth Ingalls nel 1947.[15] Nel 1988, U.S. v. Kozminski, tuttavia queste furono circostanziate solo a significare coercizioni fische.[16] Tuttavia la corte mantenne ferme alcune eccezioni.[17]

La sentenza della Corte Suprema del 1988 circoscrisse la servitù involontaria ai casi in cui il padrone assoggetta lo schiavo con:

  1. uso della forza fisica o minaccia di ricorso alla stessa
  2. coercizione legale imposta o minacciata dallo stato
  3. frode o inganno quando lo schiavo sia un minore, un immigrato o una persona incapace di intendere e di volere

Le leggi federali anti schiavitù furono aggiornate con il Trafficking Victims Protection Act del 2000 che ampliò la definizione di schiavitù per estenderla ai casi in cui le vittime erano state ridotte alla servitù tramite coercizione psicologica, oltre che fisica.[18]

Attualmente si ritiene che le vittime della tratta di esseri umani e delle altre condizioni di lavoro forzato siano comunemente minacciate di azioni legali nei loro confronti: ad esempio è noto che gli immigrati irregolari vengono minacciati di essere denunciati. Per queste persone la prospettiva di essere obbligati a lasciare gli Stati Uniti, nonostante la situazione degradante in cui sono costrette a vivere, alle volte serve da deterrente che permette ad una situazione di sfruttamento di continuare indisturbata.[19] Le vittime dei lavori forzati sono protette del titolo 18 del codice penale federale[20]

Emendamenti proposti precedentemente[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'adozione di questo emendamento, per due volte, il Congresso inviò agli stati due emendamenti che sarebbero potuti diventare, se adottati, il tredicesimo.

  • Uno, approvato dal congresso nel 1810 avrebbe revocata la cittadinanza a chiunque avesse accettato un titolo di nobiltà straniero o una paga da uno stato straniero senza l'autorizzazione del congresso.
  • L'emendamento Crownin approvato dal Congresso nel 1861 e ratificato da due stati, che avrebbe proibito qualsiasi emendamento costituzionale che avesse interferito con la schiavitù, o nelle istituzioni locali di uno stato.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

(EN)
« Section 1. Neither slavery nor involuntary servitude, except as a punishment for crime where of the party shall have been duly convicted, shall exist within the United States, or any place subject to their jurisdiction.

Section 2. Congress shall have the power to enforce this article by appropriate legislation. »

(IT)
« Sezione I La schiavitù o altra forma di costrizione personale non potranno essere ammesse negli Stati Uniti, o in luogo alcuno soggetto alla loro giurisdizione, se non come punizione di un reato per il quale l'imputato sia stato dichiarato colpevole con la dovuta procedura.

Sezione II II Congresso ha facoltà di porre in essere la legislazione opportuna per dare esecuzione a questo Articolo. »

(Tredicesimo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) [1] Storia delle proposte e dei voti in Congresso. A cura di Harper Weekly.
  2. ^ (EN) Documenti fondamentali della storia americana: il XIII emendamento Biblioteca del Congresso.
  3. ^ a b c d e f g h i j La ratifica del Mississipi del 1995 non fu formalmente archiviata. Questa venne certificata ufficialmente solamente il 7 febbraio 2013
  4. ^ (EN) Ratifica degli emendamenti costituzionali.
  5. ^ Confermato il 9 giugno 1869
  6. ^ Dopo averlo respinto il 16 marzo 1865
  7. ^ Dopo averlo respinto l'8 febbraio 1865
  8. ^ Dopo averlo respinto il 24 febbraio 1865
  9. ^ Dopo averlo respinto il 5 dicembre 1865
  10. ^ (EN) Butler v. Perry
  11. ^ (EN) "The 13th Amendment and the Lost Origins of Civil Rights" Risa Goluboff (2001) Duke Law Journal Vol 50 p. 1609. Sezione su Elizabeth Ingalls e Dora Jones. Riferimento a United States v. Ingalls, 73 F. Supp. 76, 77 (S.D. Cal. 1947) Corte distrettuale della California del Sud
  12. ^ (EN) U.S. v. Ingalls, 73 F.Supp. 76 (1947) come citata da Template:Cita di riccardo martucci
  13. ^ (EN) "Thirteenth Amendment--Slavery and Involuntary Servitude" Ufficio stampa del governo degli Stati Uniti. (pagina 1557)
  14. ^ (EN) "The 13th Amendment and the Lost Origins of Civil Rights" Risa Goluboff (2001) Duke Law Journal Vol 50 p. 1609. Vedere la nota numero 228
  15. ^ (EN) United States v. Ingalls, 73 F. Supp. 76, 77 (S.D. Cal. 1947)
  16. ^ (EN) United States v. Kozminski, 487 U.S. 931, 944 (1988)
  17. ^ (EN) United States v. Kozminski, 487 U.S. 931 (1988) Justia U.S. Supreme Court Center.
  18. ^ (EN) Victims of Trafficking and Violence Protection Act 2000 Dipartimento di Stato USA
  19. ^ (EN) Il colore della legge Programma per i diritti civili dell'FBI di Miami
  20. ^ pagina di approfondimento a cura del programma per i diritti civili dell'FBI di Miami

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto