XGAM-71 Buck Duck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Convair XGAM-71 Buck Duck
Un XGAM-71 imbarcato sotto l’ala di un B-29
Un XGAM-71 imbarcato sotto l’ala di un B-29
Descrizione
Tipo aria-aria
Impiego ingannatore radar
Costruttore Convair
Impostazione 1955
In servizio progetto cancellato
Ritiro dal servizio 1956
Utilizzatore principale Stati Uniti Stati Uniti U.S. Air Force
Peso e dimensioni
Peso 703 kg
Lunghezza 4 m
Larghezza 4 m
Prestazioni
Vettori Stati Uniti Convair B-36
Gittata 370 km
Velocità massima Mach 0,55
Motore motore razzo a propellente liquido XLR85 da 4 kN di spinta[1]

[senza fonte]

voci di missili presenti su Wikipedia

Il Convair XGAM-71 Buck Duck (anatra maschio) era un ingannatore radar attivo (decoy) ideato per essere lanciato dai bombardieri strategici dell'U.S. Air Force come contromisura elettronica. Fu progettato per imitare l'eco radar del bombardiere Convair B-36, con lo scopo di disperdere le forze della difesa aerea dell'Unione Sovietica, generando falsi bersagli durante un attacco strategico.

La Convair costruì il primo prototipo con propri finanziamenti, ma ricevette un contratto ufficiale di sviluppo dall' USAF il 16 agosto 1954. Il progetto venne identificato con la sigla MX-2224 che venne cambiato in GAM-71 per la produzione.[2]

Il piano di utilizzo inizialmente contemplato dall'aeronautica americana prevedeva che uno dei tre B-36 componenti la formazione di attacco standard avrebbe assunto un ruolo esclusivo di supporto per la guerra elettronica venendo equipaggiato esclusivamente con 7 ingannatori GAM-71. Il B-36 poteva trasportare 2 GAM-71 per ogni vano bombe (tranne il vano numero 3). In teoria sarebbero state possibili configurazioni miste bombe-decoy, ma non vennero mai prese in considerazione dall'USAF.

Per rispondere a questo requisito, il GAM-71 venne ideato di piccole dimensioni e con ali ripiegabili durante il trasporto nel vano bombe. Per simulare le dimensioni del bombardiere B-36 vennero installati sull'ingannatore dei riflettori radar.

I test in caduta libera vennero iniziati sul prototipo XGAM-71 nel febbraio del 1955 utilizzando un B-29 come aereo madre. Il programma subì ritardi per mancanza di fondi e perché la Convair aveva altre priorità. Vennero effettuati 7 voli prova prima che il programma venisse cancellato nel 1956, presumibilmente anche in previsione del ritiro dal servizio del B-36 che avrebbe dovuto equipaggiare e che avvenne effettivamente agli inizi del 1959.[3][4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo Parsch, la maggior parte delle fonti indicano che il GAM-71 usava un razzo a propellente liquido XLR85. Parsch, però, ipotizza che la sigla riportata "LR85" sia un errore al posto di General Electric "J85", tenendo presente che i contemporanei ADM-20 Quail e XSM-73 Goose erano entrambi a turbogetto e che una fonte riporta che anche il GAM-71 era spinto da un turbogetto.
  2. ^ "Convair Development Department Annual Report 1953" (27-05-1954), pagina 7, and "Convair Development Department Fourth Annual Report" (8-9-1955), pagina 23. Citato da Jenkins. Fonti dell'Aerospace Education Center, Little Rock, Arkansas.
  3. ^ (EN) Andreas Parsch, Convair GAM-71 Buck Duck in Directory of U.S. Military Rockets and Missiles, 1º dicembre 2002. URL consultato il 9 gennaio 2007.
  4. ^ Kenneth P. Werrell, The Evolution of the Cruise Missile, Maxwell Air Force Base, Alabama, Air University Press, settembre 1985, pagg.123-124.
  5. ^ Dennis R. Jenkins, Magnesium Overcast, North Branch, Minnesota, Specialty Press, settembre 2002, pagina 142, ISBN 1-58007-042-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]