XENON Dark Matter Search Experiment

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo XENON Dark Matter Search Experiment ("Esperimento XENON di ricerca della materia oscura") è un esperimento teso a realizzare un rilevatore di materia oscura che utilizza xeno liquido come materiale bersaglio che possa interagire con particelle massicce poco interagenti (Weakly interacting massive particles, WIMPs). La sperimentazione è guidata da Elena Aprile, professore di astrofisica presso la Columbia University.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Un rilevatore con 15 kg di xeno liquido, è stato installato presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso, in Italia, nel marzo 2006 ed ha operato alla ricerca di WIMP fino all'ottobre 2007. Non sono state rilevate tracce di interazione con WIMP, i limiti della sezione d'urto WIMP-nucleone scendono fino a 10−43cm2 per una WIMP di massa di 30 GeV/c2.

L'attuale (2012) fase dell'esperimento, XENON100, sempre presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso, impiega 150 kg di xeno liquido. Ci si attende di aumentare la sensibilità dell'esperimento di 50 volte rispetto al precedente.

Tra gli istituti che partecipano a XENON100 si annoverano:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 42°25′14″N 13°30′59″E / 42.420556°N 13.516389°E42.420556; 13.516389