X-Men: L'inizio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da X-Men - L'inizio)
« La pace non è mai stata un'opzione »
(Eric Lensheer)
X-Men: L'inizio
X-Men - L'inizio.png
Da sinistra: Charles Xavier, Sean Cassidy, Alex Summers, Erik Lehnsherr e Raven Darkholme.
Titolo originale X-Men: First Class
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2011
Durata 126 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere azione, fantascienza, supereroi
Regia Matthew Vaughn
Soggetto Bryan Singer, Sheldon Turner (dai fumetti della Marvel Comics)
Sceneggiatura Ashley Miller, Zack Stentz, Jane Goldman, Matthew Vaughn
Produttore Lauren Shuler Donner, Bryan Singer, Gregory Goodman, Simon Kinberg
Produttore esecutivo Stan Lee, Tarquin Pack, Josh McLaglen, Jason Taylor
Casa di produzione Marvel Studios, Bad Hat Harry Productions, Donners' Company, Dune Entertainment, Twentieth Century Fox (detentrice dei diritti)
Distribuzione (Italia) Twentieth Century Fox
Fotografia John Mathieson
Montaggio Eddie Hamilton, Lee Smith
Musiche Henry Jackman
Scenografia Russell De Rozario, Chris Seagers
Costumi Sammy Sheldon
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

X-Men: L'inizio (X-Men: First Class) è un film del 2011 diretto da Matthew Vaughn.

Il film, prequel della trilogia cinematografica dedicata ai personaggi della Marvel, gli X-Men (X-Men, X-Men 2, X-Men: Conflitto finale), narra le vicende di Charles Xavier (Professor X), Erik Lehnsherr (Magneto) e del loro primo tentativo di formare una scuola per i ragazzi mutanti.

Il film è uscito negli Stati Uniti il 3 giugno 2011[1] mentre in Italia cinque giorni dopo.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Polonia, 1944. In un campo di concentramento il misterioso dottor Schmidt osserva un giovane Erik Lehnsherr distruggere un cancello di metallo a distanza dopo essere stato separato dai suoi genitori. Nel suo ufficio, Schmidt chiede a Erik di replicare l'evento muovendo una monetina di metallo; quando il giovane non ci riesce, Schmidt uccide sua madre sotto i suoi occhi scatenando la sua ira. In pochissimo tempo Erik, scatenando i suoi poteri, distrugge la stanza e uccide due soldati sotto gli occhi, divertiti e appagati, del dottor Schmidt. Nel frattempo a Westchester County, New York, il giovane telepate Charles Xavier incontra nella sua cucina la mutaforma Raven; felice di aver finalmente incontrato qualcuno "diverso" come lui, Charles la invita a divenire un membro della sua famiglia.

1962. Erik, ormai adulto, dà la caccia ai nazisti sperando di trovare Schmidt per ucciderlo. Intanto in Inghilterra, nella Oxford University, Charles sta per discutere della sua tesi sulla mutazione genetica; Raven, considerata da lui una sorellastra, vive con lui. A Las Vegas, l'agente della CIA Moira MacTaggert segue il colonnello Hendry al Club Infernale dove vede Sebastian Shaw, Janos Questad, Azazel e Emma Frost usare le loro capacità. Hendry scompare con Azazel (che è un teleporta) e si ritrova nella War Room convincendo gli Stati Uniti ad installare dei missili nucleari in Turchia. Successivamente Shaw ucciderà Hendry spiegandogli di essere in realtà il dottor Schmidt, e di essere egli stesso un mutante, in grado di assorbire energia, potere che lo ha mantenuto giovane nel corso degli anni.

Moira convince Charles e Raven ad entrare nella CIA; i tre convincono il direttore McCone che i mutanti esistono e che Shaw è una minaccia. Nonostante McCone si rifiuti di reclutare dei mutanti, un misterioso uomo in nero decide d'impiegarli nella sua agenzia. Intanto Erik riesce a rintracciare Shaw e ad attaccarlo, senza successo; quest'ultimo riesce a fuggire a bordo di un sottomarino. Xavier salva Erik in mare e lo introduce alla neonata Divisione X della CIA; qui incontrano Hank McCoy, un giovanissimo scienziato, in realtà un mutante dai piedi da scimmia. Raven e Hank legano in fretta e quest'ultimo promette alla ragazza di trovare una cura per il loro "problema" ricavandolo dal sangue della giovane; infatti entrambi detestano il proprio aspetto mutante - i piedi animaleschi di Hank e il colore blu della pelle di Raven -, convinti che non permetterà mai a persone come loro di integrarsi nella società. Per fermare Shaw, Charles ed Erik decidono di reclutare dei mutanti; per questo Xavier usa Cerebro, un dispositivo, costruito da Hank, in grado di amplificare a dismisura i suoi poteri di telepate fino a farli arrivare a grande distanza: in questo modo Charles può scandagliare la mente di tutte le persone sparse sul globo, e quindi localizzare gli altri mutanti. I due reclutano la spogliarellista Angel, il tassista Armando "Darwin" Munoz, Sean "Banshee" Cassidy e Alex "Havok" Summers. Una volta entrati a far parte del gruppo, ognuno di loro sceglierà il proprio "nome di battaglia": Munoz sarà Darwin, Cassidy Banshee, Summers Havok, mentre Raven decide di chiamarsi Mystica. Anche il mutante in seguito noto come Wolverine sarà trovato, mentre beve in un bar ma, prima che Charles ed Erik possano parlare, li manda via in malo modo.

Quando Emma Frost incontra un generale russo, Erik e Xavier la catturano e la consegnano alla CIA. Nel frattempo Shaw, Janos e Azazel attaccano la Divisione X uccidendo tutti gli agenti della CIA tranne i giovani mutanti, proponendo loro di entrare a far parte del loro Club Infernale. Angel accetta l'invito di Shaw e quando Darwin tenta di farle cambiare idea, Shaw lo uccide. Con la Divisione X distrutta, i giovani mutanti si recano a Westchester County, nella dimora di Charles; qui Erik convince Charles ad allenare i giovani mutanti per combattere Shaw ad armi pari. Intanto Hank prepara la cura per lui e Raven ma quest'ultima decide di rifiutare in quanto orgogliosa della sua mutazione; poco dopo Raven decide di concedersi ad Erik, l'unico in grado di vedere la sua bellezza.

Shaw, intanto, provoca la crisi dei missili di Cuba ed indossa un elmetto, costruito dai russi, che impedisce a Xavier di entrare nella sua mente; intanto la cura che Hank ha realizzato non lo rende normale come sperava, bensì lo fa tramutare in un mostro blu, soprannominato Bestia. Il gruppo parte a bordo di un jet (simile al Lockheed SR-71) sperimentale e riescono a fermare la guerra nucleare appena in tempo; i mutanti si scontrano davanti alle flotte di entrambe le nazioni. Erik riesce a fronteggiare Shaw e, privatolo dell'elmetto, permette a Xavier d'immobilizzarlo tramite telepatia; Erik indossa l'elmetto per far in modo che Charles non entri nella sua testa e uccide Shaw con la monetina che quest'ultimo, tanti anni prima, aveva ordinato di far muovere a Erik.

Erik spiega ai mutanti che il vero nemico sono gli esseri umani e che sono pronti per fare fuoco su di loro; Erik ferma tutti i missili rivolti a loro e li respinge contro di loro. Nel tentativo di fermarlo, Moira gli spara, ma Erik devia tutte le pallottole indirizzandone accidentalmente una verso la schiena di Charles. Xavier spiega ad Erik che non sarà mai dalla sua parte e quest'ultimo decide di andare via con Azazel, Janos e Angel; a lui si unisce anche Raven. Charles fa ritorno nella villa, paralizzato e costretto sulla sedia a rotelle, pronto ad aprire una scuola per giovani dotati che Moira chiama, amichevolmente, X-Men. Moira promette a Charles di non rivelare mai a nessuno dove si trovano ma Charles, baciandola, cancella tutti i suoi ricordi recenti sull'accaduto. Al quartier generale della CIA, intanto, Erik - soprannominatosi Magneto come gli avevano suggerito precedentemente i ragazzi - libera Emma Frost chiedendole di unirsi alla sua squadra.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Nell'aprile 2006 (un mese prima dell'uscita nei cinema di X-Men: Conflitto finale) lo sceneggiatore Zak Penn rivela di essere stato contattato per scrivere e dirigere uno spin-off sugli X-Men.[3] Nel 2007 Penn annuncia :

« L'idea originale è quella di farmi realizzare uno spin-off sui giovani X-Men. Ma qualcun altro ha trovato un'idea più interessante [...]. È stato Mike Chamoy, che ha lavorato spesso con me, ha lavorato anche a X-Men 3. È arrivato con l'idea di fare un film sui giovani X-Men che non è quello che ti aspetti.[4] »

Nel 2008 Josh Schwartz venne chiamato a scrivere la sceneggiatura.[5] Nel 2009 il posto di regista venne offerto a Bryan Singer, colui che aveva diretto X-Men e X-Men 2[6]; successivamente, un altro spin-off sulle origini di Magneto venne cancellato e Singer decise di incorporare parte della trama nella sceneggiatura del film, che venne rettificata da Jamie Moss[7]. Successivamente Ashley Miller e Zack Stentz rettificarono la sceneggiatura[8]; nel 2010 Singer lasciò la regia del film per impegni trasversali, rimanendo comunque produttore[9]. A maggio 2010 venne annunciato che Matthew Vaughn è il nuovo regista del film e che la data di uscita era fissata per il 3 giugno 2011[10]; Jane Goldman modifica ulteriormente la sceneggiatura[11]. Le riprese del film sono iniziate a Londra a settembre 2010[12].

Cast[modifica | modifica sorgente]

  • James McAvoy è Charles Xavier/Professor X: un potente telepate che crede nella co-esistenza tra mutanti ed esseri umani. A differenza del Professor X dei precedenti film, anziano, saggio e pacato, McAvoy interpreta un giovane disinibito e donnaiolo, definito «sex pest» ("peste del sesso") dall'attore stesso.[13]
    • Laurence Belcher è Charles Xavier da bambino.
  • Michael Fassbender è Erik Lehnsherr/Magneto: il signore del magnetismo, è di origine ebraica e ha subito gli orrori dell'Olocausto. Il suo scopo è quello di trovare e uccidere Sebastian Shaw, alias Klaus Schmidt, colpevole di aver ucciso sua madre e averlo usato come cavia nel campo di concentramento.
  • Kevin Bacon è Sebastian Shaw: leader del Club Infernale, ha la capacità di assorbire energia e utilizzarla a suo piacimento. Ha ucciso la madre di Erik durante l'Olocausto, e per questo adesso il giovane mutante lo cerca per vendicarsi.
  • Jennifer Lawrence è Raven/Mystica: mutaforma, sorella adottiva di Charles. In numerose scene l'attrice recita completamente nuda, con il corpo dipinto per ottenere l'aspetto del personaggio[14]; per questo motivo Jennifer ha dovuto modellare il proprio corpo con una dieta ferrea e sedute di palestra.[15]
  • January Jones è Emma Frost: telepate, può assumere una forma diamantina. È il braccio destro di Sebastian Shaw. Per il ruolo di Emma Frost era stato precedentemente presa in considerazione l'attrice Alice Eve.[16] January Jones si è detta entusiasta del gran numero di costumi stravaganti che indossa il suo personaggio, con un vasto assortimento di pellicce, bikini, cappelli e stivali.[17]
  • Rose Byrne è Moira MacTaggert: agente della CIA, collabora con Xavier. Per questo ruolo era stata precedentemente presa in considerazione l'attrice Rosamund Pike.[18]
  • Nicholas Hoult è Hank McCoy/Bestia: scienziato dai piedi scimmieschi. Dopo l'assunzione di un siero tramuterà in una Bestia. Per il ruolo di McCoy era stato precedentemente presa in considerazione l'attore di Broadway Benjamin Walker, che rinunciò per potersi dedicare al musical Bloody Bloody Andrew Jackson.[19]
Michael Fassbender e James McAvoy durante un'intervista televisiva.

Cameo[modifica | modifica sorgente]

  • Wolverine, interpretato da Hugh Jackman, appare in una breve sequenza ambientata in un bar.[21]
  • Mystica si tramuta in Rebecca Romijn (interprete del personaggio nella trilogia principale) per alcuni istanti.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La musica del film è composta da Henry Jackman.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. First Class
  2. Pain And Anger
  3. Would You Date Me?
  4. Not That Sort Of Bank
  5. Frankenstein's Monster
  6. What Am I Thinking
  7. Cerebro
  8. Mobilise For Russia
  9. Rise Up To Rule
  10. Cold War
  11. X-Training
  12. Rage And Serenity
  13. To Beast Or Not To Beast
  14. True Colours
  15. Let Battle Commence
  16. Sub Lift
  17. Coup D’état
  18. Mutant And Proud
  19. X-Men
  20. Magneto

Nella colonna sonora è compresa anche la canzone Love Love della band Take That, suonata nei titoli di coda della pellicola.[22]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Incassi[modifica | modifica sorgente]

X-Men: L'inizio è stato presentato al pubblico in 3641 cinema il 3 giugno 2011. Nel suo primo weekend ha guadagnato 55,1 milioni di dollari risultando come il primo dei film più visti in America e in Canada. A fronte di un budget di circa 160 milioni di dollari, il film ha incassato più di 140 milioni di dollari negli USA e 200 milioni di dollari all'estero per un totale globale di oltre 345 milioni di dollari.[23]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Il 18 gennaio 2011, è stata resa disponibile la prima foto ufficiale dal film[24]; successivamente, il 20 gennaio, vengono rilasciate ulteriori foto e il teaser poster[25][26]. Il 10 febbraio 2011 viene distribuito online il primo trailer ufficiale[27] insieme ad una nuova foto[28], mentre tra il 1º marzo e il 2 marzo vengono rilasciate nuove foto e poster dalla pellicola.[29][30]

Il 15 marzo 2011, esce un nuovo trailer in lingua russa[31], mentre il 21 marzo esce il primo trailer in lingua italiana.[32] Il 28 aprile 2011 è stato pubblicato in esclusiva su Yahoo! il secondo trailer in lingua originale[33], mentre il 10 maggio esce la versione in lingua italiana.[34]

Collegamenti con gli altri film della serie[modifica | modifica sorgente]

Differenze dal fumetto[modifica | modifica sorgente]

  • Nei primi fumetti della serie di X-Men il gruppo originario ha avuto diverse formazioni, ma nella prima vera formazione dei mutanti ci sono stati Jean Grey alias Marvel Girl, Ciclope, Uomo Ghiaccio, Bestia e Angelo. Nel film, i componenti cambiano; gli unici veri componenti della formazione originaria sono Bestia e Havok (nella collana dei fumetti, unitosi in un secondo momento). Il film è ambientato comunque negli anni dell'uscita dei primi albi (1963).
  • Banshee entra nel gruppo dei mutanti nella vita editoriale negli anni settanta, facendo parte della seconda generazione degli X-Men insieme ai celebri Tempesta e Wolverine.
  • Il Club Infernale capitanato dal mutante Sebastian Shaw differisce dal fumetto, poiché Shaw tenta di crearlo quando nel film scopre i poteri di un giovane Magneto, mentre nel fumetto il club risale al XVII secolo, formato da mutanti integrati nella società umana grazie alle proprie imponenti risorse economiche. Nel film, i componenti della formazione originale degli anni '80 sono Shaw e Emma Frost. Shaw nel fumetto è anche il principale corruttore di Jean Grey che ne consegue la sua trasformazione in Fenice Nera, cosa che si verifica solo nell'ultimo film della trilogia filmica di X-Men.
  • Angel Salvadore appare nelle testate di X-Men solo nel 2001, nella formazione dei New X-Men. La sua presenza nel film è probabilmente un richiamo al non presente Angelo della formazione originale, che invece appare in X-Men: Conflitto finale.
  • La presenza di Mystica nella formazione originaria del film è un richiamo all'Universo Ultimate delle storie Marvel, anche se nel fumetto si viene a sapere che ha avuto una relazione con il Professor X, cosa che nel film non si verifica se non in un tentativo da parte della mutante nei confronti di Xavier.
  • Bestia nel film assume le sue fattezze blu per colpa di un composto chimico creato da lui isolando le cellule di Mystica, mentre nel fumetto le ingerisce e non provengono dalla mutante mutaforma.
  • La presenza di Azazel che diviene membro della confraternita di Magneto è un possibile richiamo alla breve relazione che quest'ultimo avrà con Mystica nel fumetto, che anch'essa si unisce a Magneto. Dalla loro unione nascerà Nightcrawler.
  • Il costume iniziale di Havok è stato adattato da Bolivar Trask nel fumetto, mentre nel film lo confeziona Bestia. Trask appare nel terzo film della serie.
  • Nel film, Charles Xavier viene reso paraplegico da un proiettile deviato da Magneto; è un richiamo all'universo Ultimate Marvel, dove il professore viene si reso paraplegico da Magneto, ma con una sbarra di ferro. Nel fumetto originale, Xavier perde l'uso delle gambe da parte di un supercriminale noto come Lucifero.
  • Durante il breve combattimento con Magneto, Emma Frost rischia la decapitazione nella sua forma adamantina. Secondo i vari comics, anche se il personaggio della Frost ha cambiato e sviluppato molte caratteristiche durante la collana a fumetti, il suo unico punto debole nella forma adamantina è la fronte e risulta molto più resistente in qualunque altra parte del corpo. Inoltre, questa sua forma viene adottata molto dopo gli avvenimenti di quando faceva parte del Club Infernale come Regina Bianca.
  • Nel film vi è un richiamo del personaggio di Magneto quando nella sua vita editoriale divenne il Re Grigio del Club Infernale.

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi X-Men: Giorni di un futuro passato.

Un sequel del film, intitolato X-Men: Giorni di un futuro passato[38], sarà basato sulla saga fumettistica Giorni di un futuro passato del 1981. La regia è passata a Bryan Singer. Confermata la presenza di James McAvoy e di Michael Fassbender, ma anche di Patrick Stewart e di Ian McKellen, rispettivamente Professor X e Magneto anziani nella vecchia trilogia. Le riprese sono previste per gennaio 2013, già una volta rimandate per via degli impegni dell'attrice Jennifer Lawrence sul set del sequel di The Hunger Games: Catching Fire.[39]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Francesco Berni, Sorrento 2010: i supereroi Marvel al cinema nel 2011, Badtaste, 30 novembre 2010. URL consultato il 13 giugno 2011.
  2. ^ Andrea Bedeschi, X-Men L'Inizio, posticipata l'uscita italiana, Everyeye, 9 maggio 2011. URL consultato il 13 giugno 2011.
  3. ^ Zak Penn on His Potential X-Men Spin-Off. URL consultato il 23 marzo 2011.
  4. ^ Zak Penn Talks X-Men Spin-Off, Incredible Hulk Casting with Cinematical. URL consultato il 23 marzo 2011.
  5. ^ Young X-Men Get Gossip Girl Scribe?. URL consultato il 23 marzo 2011.
  6. ^ Bryan Singer to direct X-Men: First Class. URL consultato il 23 marzo 2011.
  7. ^ X-Men: First Class sostituirà X-Men le Origini: Magneto?. URL consultato il 23 marzo 2011.
  8. ^ Indiside X-Men: First Class. URL consultato il 23 marzo 2011.
  9. ^ Bryan Singer Producing 'X-Men: First Class'. URL consultato il 26 marzo 2010.
  10. ^ X-Men prequel to open June, 3 2011. URL consultato il 23 marzo 2011.
  11. ^ More Kick-Ass coming to X-Men. URL consultato il 30 maggio 2010.
  12. ^ January Jones is Emma in Mtv, 21 settembre 2010. URL consultato il 21 settembre 2010.
  13. ^ James McAvoy's Professor Xavier is a sex pest in X-Men: First Class. URL consultato il 15 marzo 2011.
  14. ^ (EN) Jennifer Lawrence goes nude to play Mystique.
  15. ^ X-Men: First Class, parlano Jennifer Lawrence e January Jones. URL consultato il 28 febbraio 2011.
  16. ^ Keyes, Rob, Alice Eve Will Play Emma Frost in ‘X-Men: First Class’, screenrant.com, 28 giugno 2010. URL consultato il 22 novembre 2010.
  17. ^ January Jones Talks Emma Frost's Transformation And Costumes!. URL consultato il 15 marzo 2011.
  18. ^ Amber Heard Shapeshifts into Mystique for X-Men: First Class?, UGO Networks, 18 giugno 2010. URL consultato il 18 giugno 2010.
  19. ^ Benjamin Walker to Star in Broadway Transfer of Bloody Bloody Andrew Jackson, Broadway.com, 15 luglio 2010. URL consultato il 6 ottobre 2010.
  20. ^ Fleming, Mike, Oliver Platt Joins 'X-Men: First Class', Deadline.com, 16 agosto 2010. URL consultato il 16 agosto 2010.
  21. ^ That Big Spoiler Cameo Scene In The Middle Of X-Men: First Class (SPOILERS) in BC, 25 maggio 2011. URL consultato il 25 maggio 2011.
  22. ^ Take That song for X-Men film, The Press Association. URL consultato il 29 aprile 2011.
  23. ^ (EN) Total Lifetime Grosses, boxofficemojo.com. URL consultato il 19 giugno 2011.
  24. ^ Look at X-Men: First Class in Bleeding Cool, 18 gennaio 2011. URL consultato il 18 gennaio 2011.
  25. ^ (EN) ‘X-Men:First Class’: Three exclusive photos and a report from the stressed-out set, L.A.Times. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  26. ^ Il poster di X-Men: First Class, ecco Magneto!, Badtaste. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  27. ^ The X-Men: First Class Trailer!, Superherohype. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  28. ^ Nuova foto di X-Men: First Class, arriva il trailer!, Badtaste. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  29. ^ Poster X-Men: First Class, Spidermedia. URL consultato il 1º marzo 2011.
  30. ^ New X-Men: First Class Pic Arrives, Empire. URL consultato il 2 marzo 2011.
  31. ^ (EN) New (Russian) X-Men: First Class Trailer Hits!, CBM. URL consultato il 15 marzo 2011.
  32. ^ X-Men L'Inizio, il trailer italiano in HD in anteprima esclusiva su Everyeye.it!. URL consultato il 21 marzo 2011.
  33. ^ X-Men L'Inizio, il secondo trailer.
  34. ^ X HD - X-Men - L'Inizio: Secondo Full Trailer Italiano. URL consultato il 24 maggio 2011.
  35. ^ Jane Goldman On X-Men: First Class Cameos. URL consultato il 25 giugno 2011.
  36. ^ (Low-res) screen-shot of Cyclops in X-men First Class. URL consultato il 25 giugno 2011.
  37. ^ Surprise Cameos in X-Men: First Class (Spoilers). URL consultato il 25 giugno 2011.
  38. ^ (EN) X-Men: First Class 2 - Bryan Singer Confirms Days of Future Past, IGN, 1º agosto 2012. URL consultato il 2 agosto 2012.
  39. ^ Valentina D'Amico, X-Men: l'inizio: il sequel al via a gennaio, Movieplayer.it, 6 aprile 2012. URL consultato il 10 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]