X-Files - Il film

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film del 2008, vedi X-Files - Voglio crederci.
X-Files - Il film
Una scena del film
Una scena del film
Titolo originale The X Files
Paese di produzione Canada, USA
Anno 1998
Durata 121 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.40:1
Genere fantascienza, thriller
Regia Rob Bowman
Soggetto Chris Carter, Frank Spotnitz
Sceneggiatura Chris Carter
Fotografia Ward Russell
Montaggio Stephen Mark
Musiche Mark Snow
Scenografia Christopher Nowak
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

X Files - Il film (The X Files) è un film del 1998 diretto da Rob Bowman, tratto dalla omonima serie televisiva. La pellicola segna il debutto sul grande schermo dei personaggi della serie e narrativamente si colloca tra la quinta e la sesta stagione.

In Italia è stato pubblicizzato sul manifesto cinematografico come X Files - Il film, mentre su quello statunitense come The X Files: Fight the Future.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella notte dei tempi, in una caverna, un essere mostruoso aggredisce due uomini primitivi. Ai giorni nostri, questa specie mantiene la sua presenza sul nostro pianeta. A conoscere il segreto non sono solo le vittime, bensì una vasta schiera di potenti del mondo che preparano segretamente la colonizzazione del pianeta. Fox Mulder e Dana Scully si trovano a Dallas, esautorati dall'FBI sui casi X-files: di fronte a un delicato caso di terrorismo, si rendono conto che la posta in palio non è solo la distruzione indiscriminata. Le complesse trame del complotto li portano a scoprire lo strumento con cui gli alieni intendono propagare il virus (le api): Scully finisce persino ostaggio degli extraterrestri. I due agenti sventano il piano, ma lo scontro per la libertà è solo rimandato.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • In una scena del film, quando Mulder trova il bagno occupato ed esce nel vicolo per fare pipì, lo fa davanti alla locandina cinematografica di Independence Day (1996) di Roland Emmerich. È curioso notare come nello stesso film fosse stata citata in una battuta proprio la serie di X-Files.
  • L'articolo che Mulder legge alla fine del film (dal titolo "Fatal Hanta Virus Outbreak in Northern Texas Reported Contained") è stato scritto da Howard Dimsdale. Il vero Howard Dimsdale era stato l'insegnante di Frank Spotnitz e John Shiban all'American Film Institute, ed era nella "lista nera" durante l'era McCarthy.
  • Conrad Strughold porta il nome del vero Strughold, uno scienziato nazista che condusse esperimenti sui prigionieri durante la Seconda Guerra Mondiale. Il governo degli USA portò Strughold negli Stati Uniti dopo la guerra per farlo lavorare sul programma spaziale. È bene ricordare che nell'episodio #3X02 Il file da non aprire (3/3) - Paper Clip, Mulder e Scully trovano "tanti fascicoli" alla Strughold Mining Company.
  • Stevie porta il nome di uno degli amici di infanzia di Carter. Carter ha dichiarato che lui ed il vero Stevie amavano scavare molte buche, proprio come nel film.
  • Dalla produzione di questo film è stato creato un album, intitolato "The X Files: The Album". Esso comprende 14 tracce + 1 ghost track:

1. One - 4:40

2. Flower Man - 2:56

3. Walking After You - 4:07

4. Beacon Light - 4:01

5. Invisible Sun - 4:08

6. Deuce - 3:32

7. One More Murder - 4:38

8. More Than This - 5:10

9. Hunter - 3:30

10. 16 Horses - 2:37

11. Crystal Ship - 2:20

12. Black - 4:30

13. Teotihuacan - 7:06

14. The X Files Theme (+ ghost track) - 14:15

Durata CD = 67 min : 30 sec

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Menarini Roy, Meneghelli Andrea, Fantascienza in cento film, Genova, Le Mani editore, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema