X³: Terran Conflict

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
X³: Terran Conflict
X3 Terran Conflict Screenshot.jpg
Un'immagine del settore di Saturno
Sviluppo Egosoft
Pubblicazione Deep Silver, Interactive Gaming Software, Valve Corporation
Serie X
Data di pubblicazione Flag of the United States.svg 7 aprile 2009[1]
Flag of Europe.svg 16 ottobre 2008[2]
Russia 25 dicembre 2008
Genere Simulatore di volo
Tema Fantascienza
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Microsoft Windows, Linux, Mac OS X
Distribuzione digitale Steam
Motore grafico X3 Reality
Supporto DVD
Requisiti di sistema Minimi: Windows XP SP2/Vista SP1, CPU Pentium IV o equivalente AMD; 2 GHz, RAM 1 GB, Scheda video 3D no onboard 256 MB; DirectX 9; Pixel shader 1.1

Consigliati: Windows XP SP2/Vista SP1, CPU Intel Core 2 Duo o equivalente AMD; 2 GHz, RAM 3 GB, Scheda video 3D no onboard 256 MB; DirectX 9; Pixel shader 3, Scheda audio Surround, HD 7.6 GB, opzione force feedback

Fascia di età ACB: PG
ESRB: T
PEGI: 12
USK: 12

(Turpiloquio)

Periferiche di input Tastiera, Mouse, Joystick, Gamepad
Espansioni X³: Albion Prelude
Preceduto da X³: Reunion
Seguito da X: Rebirth

X³: Terran Conflict è un videogioco di simulazione spaziale sviluppato dalla casa tedesca Egosoft, penultimo della serie di X.

È un seguito stand-alone di X³: Reunion, dove prosegue la trama e vengono migliorati gli aspetti fondamentali in cui si basa il gioco: commercia, combatti, costruisci e pensa. È stato pubblicato su supporto fisico nell'ottobre 2008 e successivamente tramite download attraverso la piattaforma Steam. Il 15 aprile 2013 è stata resa disponibile sempre sullo store di Valve la versione ufficiale per Linux.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« È il momento di dire addio alla vita sociale e/o al sonno »
(dal Manuale del gioco)

Il gioco è ambientato 3 anni dopo gli eventi di X3:Reunion. Durante un pattugliamento, i sensori di alcune navi terrestri rilevano un'anomalia nel settore di Nettuno, dove scoprono che alcuni Xenon erano riusciti a penetrare nel sistema solare. Durante il combattimento, si scopre che qualcuno aveva posizionato un Segnale di balzo, una boa di segnalazione che permette di teletrasportarsi ovunque nell'universo. Dopo averla analizzata, vengono rilevati dei droni esploratori, nel settore Nube di Oort. Seguendo i droni i Terrestri trovano un Nova, una nave degli Argon, vicino ad un'altra boa. Una volta accortosi di essere stato scoperto il pilota Argon la distrugge e si teletrasporta via. Gli Xenon in realtà erano solo un diversivo, mentre le navi terrestri erano occupate a investigare la nave misteriosa, i droni avevano rubato il database di una stazione di ricerca su Saturno. A questo punto il giocatore viene inviato dal Generale Maggiore Terrestre Rai Ishiyama nell'Universo X ad indagare. Una volta giunto a destinazione il Comandante Mark Jackson lo informerà che ultimamente si sono verificati attacchi di pirati misti a Xenon. Seguendo un Nova Raider modificato dai pirati, il giocatore trova una loro base in un settore sconosciuto. Una volta scansionata e tornato indietro, viene effettuato un pattugliamento dei settori di confine, nel quale vengono trovati dei Terraformer inattivi, prime versioni di robot evolutesi poi negli Xenon. Una volta recuperati i rottami dei robot, il giocatore scorta una nave di trasporto per poterli far analizzare nella base spaziale vicino al pianeta Venere. Nello stesso momento alla stazione orbitale su Marte, si verifica un massiccio attacco degli Xenon, rapidamente arginato dalle forze congiunte dell'USC e dall'ATF. Subito dopo il giocatore viene inviato dal Comandante Mark Jackson a cercare il Capitano Robert Pearl, spia in incognito nei territori Argon. Arrivati a destinazione si apprende dal Tenente Patricia Heywood che Pearl è stato scoperto dai servizi segreti Argon, arrestato e portato in un settore militare. I due si recato dal Teladi H. W. Hurilis V che, in cambio dell'abbattimento di un suo rivale in affari, gli garantisce l'accesso al settore in cui è tenuto prigioniero il Capitano Pearl.

Differenze principali da X³: Reunion[modifica | modifica wikitesto]

  • Presenza di un gran numero di trame, oltre a quella principale.
  • Il Sistema Solare è connesso sin dall'inizio del gioco all'Universo X tramite un Portale, il quale perciò è interamente esplorabile.
  • Sono presenti 8 corporazioni in totale, oltre alla TerraCorp. Tra di esse la più importante è l'O.T.A.S., dotata di navi proprie.
  • Debutta l'A.T.F. (A.G. I. Task Force), una sorta di corpo militare Terrestre che si occupa di pattugliare il Sistema Solare, in particolar modo di eliminare gli Xenon che tentano di penetrarvi.
  • Sono presenti navi Terraformer non ancora evolute in Xenon.
  • Possibilità di abbordare e catturare le grandi navi da guerra.
  • Nuove classi di navi: le corvette pesanti di classe M6M, le fregate missilistiche di classe M7M, i bombardieri di classe M8 e i trasporti con hangar di classe TM.
  • Il giocatore non impersona un membro della famiglia Brennan.
  • Non esiste più la suddivisione dei laser in alfa, beta e gamma; tranne che per i Kyon dei Kha'ak.

Le Razze di X[modifica | modifica wikitesto]

Gli Argon[modifica | modifica wikitesto]

Sono una razza umanoide discendenti dei coloni Terresti.Resilenti è la migliore descrizione per una razza che ha colonizzato così tanti pianeti. Di norma tendono a non essere amichevoli e a diffidare gli sconosciuti. Tuttavia, gli Argon che vivono nel loro pianeta madre chiamato Terra di Argon amano pensare di essere molto più raffinati e di agire in una maniera più civilizzata dei loro simili. Gli Argon non sono una razza aggressiva. Anche se sono successe più di 800 anni prima, il ricordo delle disastrose guerre civili dopo la separazione dalla terra è ancora forte. Il loro coinvolgimento in entrambe le Guerre Xenon e nella Campagna Boron insegnano che sanno come combattere. I coinvolgimenti Argon in due delle grandi Guerre dell'Universo di X hanno spinto la loro tecnologia e lo sviluppo delle loro armi molto più avanti rispetto alle altre razze. Hanno sviluppato un ampio ventaglio di scudi difensivi, armamenti e tecnologie navali così come i loro piloti, la loro flotta spaziale è la più sviluppata dell'intera Comunità dei Pianeti.

I Boron[modifica | modifica wikitesto]

I Boron sono esseri acquatici. Hanno sei arti, i quattro principali sono più forti degli altri due. Oltre a questi, hanno un numero variabile di tentacoli molto piccoli. Una testa con bocca e delle antenne sormontate da grandi occhi. Nei Boron esiste un terzo, relativamente raro, sesso, chiamato Lar. I Lar sono estremamente intelligenti e socialmente si trovano in molte posizioni chiave fra il parlamento e la famiglia reale Boron. I Lar non hanno mai i nomi corti e giocosi tipici dei Boron comuni. Tendono a usare degli affascinanti nomi d'onore, a volte adottati anche da altre specie. I Lar sono registrati come femmine, in ogni caso le altre razze non possono distinguere i diversi sessi dei Boron .

I Kha'ak[modifica | modifica wikitesto]

I Kha'ak sono una razza di creature parte insetto e parte rettile. Hanno larghi occhi compositi, con pelle spessa, a scaglie. Possiedono la natura aggressiva dei rettili. Si pensa che la loro società sia strutturata in caste come negli insetti, un collettivo controllato telepaticamente . I Kha'ak sono una Collettività in cui l'individuo esiste solo in funzione degli altri. Un Kha'ak può sacrificarsi per il bene comune senza esitare. Questa razza sembra avere come unico obiettivo la distruzione dell'universo. Per attaccare formano dei gruppi di astronavi detti Cluster composti da caccia, intercettori e ricognitori. Quando il nemico è a portata di tiro, si scompongono e attaccano da varie direzioni. Nonostante l'aumento della presenza Kha'ak nell'universo, poco si sa su di loro: La loro origine, quanti siano, le loro vere intenzioni, anche se si rumoreggia di un collegamento con il minerale noto come Nividio. I settori Kha'ak conosciuti non sono molti ma questo non impedisce loro di compiere incursioni nei settori di tutto l'universo senza distinzioni. Pochi hanno osato entrare in uno di essi data la loro alta pericolosità. Ora comunque molte razze stanno collaborando per eliminare questa minaccia dall'universo attraverso l'Operazione Furia finale, una delle trame di Terran Conflict.

I Paranid[modifica | modifica wikitesto]

I Paranid sono una razza estremamente paranoica e feroce. Il loro aspetto ricorda quello di un scarafaggio terrestre. Di dimensioni notevoli per un essere umano. Possiedono uno spesso strato dermico di colore giallo. Con tre grandi creste ossee sulla cima della loro testa e tre occhi in un profondo solco lungo le loro fronti. La bocca è simile a quella di un pesce con due zanne che emergono alle estremità. Hanno una serie di spine ossee che crescono da dietro la loro testa e una coppia di zanne ai margini dei loro occhi. Le loro braccia e gambe possiedono giunture multiple e i loro piedi sono simili a dei larghi zoccoli. I Paranid non hanno sessi, e non si conosce molto su come facciano a riprodursi. Si sa che la cosa è in qualche modo connessa con il loro capo supremo il Pontifex Maximus Paranidia (Pontefice Massimo Paranid).

Gli Split[modifica | modifica wikitesto]

Gli Split hanno un aspetto umanoide, i maschi adulti hanno un'altezza variabile fra 1,50 m e 2 m. Le femmine Split invece, sono più piccole e molto più magre dei loro compagni. Hanno una pelle pallida color verde/giallognola, occhi blu acceso che osservano da una faccia piatta. Le loro labbra sono permanentemente girate verso il basso e non sono mai stati visti sorridere (e il perché è anche dovuto al fatto che le loro espressioni sono esattamente all'opposto di quelle degli umani). La maggior parte dei maschi di questa specie possiede una barba grigia a ciuffi alla fine di quello che può essere considerato un mento e ciuffi di capelli grigi sulla parte opposta della loro testa.

I Teladi[modifica | modifica wikitesto]

I Teladi sono una razza umanoide di piccole dimensioni. Il loro aspetto è piuttosto simile alle lucertole terrestri, sono ricoperti di scaglie verdi o brune. Presentano una placca ossea sulla parte posteriore della testa. Hanno anche una cosiddetta "piastra a scaglie" sulla loro fronte che cambia colore in base al loro stato di agitazione: impallidisce se sono impauriti e si scurisce quando sono arrabbiati. Nella parte superiore della loro testa posseggono una cresta che si raddrizza per dimostrare allegria. I Teladi non scuotono la testa per dire "si" oppure "no", invece muovono le loro piccole orecchie in avanti e indietro. Se messi a disagio tendono tormentarsi un orecchio con le dita. I Teladi sono anfibi e possono stare sotto l'acqua per brevi periodi. Nuotano con grazia in acqua, utilizzando le piccole membrane presenti tra le loro dita. La maggior parte dei Teladi vive al di fuori dell'acqua. Il corpo dei Teladi giovani è coperto con piccole scaglie esagonali che crescendo diventano più grandi e disuguali negli adulti. I loro occhi sono grandi e gialli, ma invecchiando diventano arancioni e rosso scuro. Non hanno denti ma una gengiva ossea e possiedono tre cuori. Degna di nota è anche la paralisi difensiva capace di immobilizzare un Teladi quando la sua vita è in pericolo.

I Terrestri[modifica | modifica wikitesto]

I Terrestri sono gli abitanti della Terra. Nel gioco sono una razza tecnologicamente avanzata, ma la loro enorme sospettosità verso le altre razze, compresi i loro cugini smarriti gli Argon, li hanno resi estremamente protettivi riguardo ai loro confini e ai loro territori. Per difendere la Terra dalle razze aliene hanno spostato il loro unico portale di salto in una posizione remota presidiato da un'alta presenza militare che fa da cuscinetto fra il Sistema Solare e il Commonwealth terrestre. I Terrestri hanno costruito solo due portali, tutti gli altri sono stati costruiti da una misteriosa e antica razza conosciuta con il nome di 'Antichi'. Nei quasi 760 anni dopo l'invasione dei Terraformer si sa poco di cosa sia successo alla Terra, a parte le poche notizie portate da Kyle Brennan dopo il suo arrivo nell'Universo di X. I Terrestri non hanno mai fatto sapere a nessuno cosa sia successo in quegli anni, la cosa evidente è che hanno compiuto un gigantesco balzo avanti con la tecnologia. Sono la razza tecnologicamente più avanzata dell'universo. Vissuti da sempre in un universo che consideravano privo di vita aliena, i Terrestri svilupparono un forte senso xenofobo e una innata paura in tutto ciò che è alieno. Questo terrore si rivela fondato quando gli Xenon diedero inizio alla serie di attacchi al sistema solare ma allo stesso tempo gelò per due anni le relazioni tra loro e le razze della Comunità dei Pianeti. Se consideriamo l'ATF come la forza di prevenzione, l'USC (United Space Command, Commando Spaziale Unito) è la flotta di protezione. Costantemente in collaborazione, con l'ATF, l'USC ha accesso alle medesime tecnologie ma non alle navi di proprietà dell'ATF. Più vicina ai civili, l'USC ha il compito di proteggere il Sistema Solare da attacchi interni, insurrezioni e minacce aliene. Oltre a gestire e rifornire le numerose basi logistiche presenti da Venere alla Nube di Oort, l'USC gestisce anche il Torus Terrestre: l'imponente anello di difesa costruito attorno alla Terra per fornire una solida difesa contro la minaccia Terraformer.

ATF[modifica | modifica wikitesto]

L'ATF, acronimo di AGI Task Force. Da AGI ossia una IA capace di auto-programmarsi e imparare ad evolversi. È un corpo militare terrestre. Hanno il compito di impedire a chiunque nell'universo di ripetere l'errore che portò alla rivolta dei Terraformer. Opera con una propria flotta indipendente dall' USC (United Space Command o Unità Comando Spaziale). Nessuno nelle zone controllate dall'ATF può anche solo pensare di programmare una qualsiasi Intelligenza Artificiale Generale(AGI)senza il loro consenso. Questa fobia per le IA è garantita non solo dopo l'orrore dell'attacco dei Terraformer del 2146, ma anche dalle rappresaglie e dalla repressione operata dal governo terrestre e dall'ATF: in casi sospetti, l'ATF ha carta bianca per eliminare qualsiasi codice di programmazione. Dopo l'arrivo del Capitano Brennan nella Comunità dei Pianeti (dal gioco X:BTF) divenne evidente la reale natura degli Xenon. Originariamente essi erano la flotta Terraformer, spedita dalla Terra secoli or sono, per rendere i pianeti incontrati adatti alla vita della popolazione umana. All'inizio i Terraformer erano dei semplici "robot" guidati da un IA (Intelligenza Artificiale, un programma intelligente capace di risolvere diversi problemi e di auto-riprodursi, ma senza coscienza di sé). In pratica erano semplici utensili. Il cambiamento avvenne nell'anno della Terra 2115 quando un errore nell'ultimo aggiornamento, dovuto allo scarso livello di ottimizzazione e alla programmazione a buon mercato, che avrebbe dovuto spegnere i Terraformer, introdusse una serie di errori nella loro flotta. L'aggiornamento si diffuse automaticamente tra tutti i Terraformer creando coscienza emergente. Un secondo errore nell'aggiornamento causò nei Terraformer una confusione interna: iniziarono a confondere le loro simulazioni per la risoluzione dei problemi con la realtà. A distanza di anni la conseguenza di questi aggiornamenti sbagliati, fu quella che sulla Terra è conosciuta come la Guerra Terraformer. Una guerra che devastò la Terra e numerose colonie umane nello spazio. Nella Comunità dei Pianeti, i Terraformer emersero lentamente come Xenon, un'immortale, invincibile minaccia che si è costruita da sola nello scorrere del tempo, fino a ingaggiare l'intera Comunità in una battaglia finale vinta grazie all'arrivo della persona giusta al momento giusto: il Capitano Kyle Brennan con lo Shuttle Xperimental. I Terraformer rimanenti, governati da navi-CPU #Deca (#efaa, #deff, #cafe) si stanno ora ritirando nei settori vicino a Paradiso di Menelaus. I Boron, all'insaputa di tutte le altre specie, presero contatto con una di queste navi-CPU, la CPU #deca chiamata #efaa, e bloccarono il processo di errore insegnando alla nave a diventare cosciente. Anche se le unità #deff, #cafe ed #efaa sono identiche, solamente #efaa è riuscita a diventare cosciente.

Xenon/Terraformer[modifica | modifica wikitesto]

« In certo senso si trattava di un virus. Un virus creato dall'uomo, un virus creato con tutte le migliori intenzioni, ma pur sempre un virus. Nel corso dei secoli questo virus fu chiamato in molti modi: sonde di von Neumann, macchine autoreplicanti, Terraformer, Xenon, e persino nemico di Dio. Ma alla base, era una sola unica cosa: Intelligenze Artificiali Generali, A.G.I. »

A partire dal 2066 fino al 2099 ogni 3 anni i Terrestri lanciarono delle flotte di Terraformer composte da 6 navi equipaggiate per raggiungere pianeti lontani e renderli abitabili prima dell'arrivo dei coloni Terrestri, per poi procedere al pianeta successivo. Lo scopo primario delle flotte era la terraformazione dei pianeti e l'esplorazione dell'universo. Queste macchine autonome avevano un continuo collegamento con la Terra, attraverso droni messaggeri che viaggiavano attraverso la rete di portali o con onde radio, alla quale inviavano posizioni di pianeti, di stelle, coordinate di settori e pianeti terraformati. Dalla Terra, le flotte ricevevano costanti aggiornamenti per le loro IA autonome. Nel 2084 la prima flotta auto-replicante, capace cioè di ripararsi e di costruire altri robot terraformer, lascia la Terra. In seguito a problemi economici, il progetto dei Terraformer viene cancellato dal governo terrestre nel 2099: nessuna nuova flotta sarà creata e inviata nello spazio. Dei droni messaggeri per richiamare la maggior parte delle flotte vengono lanciati nello spazio. Non tutti i Terraformer vengono però raggiunti: alcuni continuarono, all'insaputa dei Terrestri, a riprodursi e terraformare pianeti, come da programma. Dopo 15 anni, nel 2115, un aggiornamento del software che controlla l'IA dei Terraformer viene lanciato nello spazio attraverso onde radio e droni messaggeri alle rimanenti flotte Terraformer conosciute, queste inoltrano l'aggiornamento anche alle altre flotte disperse. Nel 2145, una flotta sconosciuta di 6 Terraformer, raggiunge il Sistema Solare per attuare la missione per cui sono stati creati i Terraformer: terraformare i pianeti simili alla Terra, raccogliere risorse utili ai coloni e costruire le prime installazioni vitali. Per assolvere al loro compito, i Terraformer iniziarono ad attaccare e distruggere le deboli stazioni costruite dall'uomo nel Sistema Solare. Nel 2146 la flotta raggiunge la Terra ed inizia un massiccio bombardamento del pianeta. Solamente il disperato intervento di Nathan R. Gunne, che riuscì a portare tutti i Terraformer in un settore isolato nell' Universo di X distruggendo in seguito il portale per la Terra, riuscì a salvare il pianeta e le colonie diventanto un eroe. Per numerose centinaia di anni dalla Terra non partì più nessuna nave e il progetto del Jumpdrive fu cancellato. Dopo questo disastroso evento la terra non ebbe alcun tipo di contatti con il resto dell'universo, i coloni terrestri su alpha centauri presero il nome da R.Gunne in inglese "Ar Gunne" diventato poi Argon.

I Pirati[modifica | modifica wikitesto]

I pirati non sono in realtà una razza a sé stante, più che altro sono gruppi di criminali di diverse razze che si specializzano in qualunque attività illecita e talvolta si uniscono in clan. Possiedono delle basi sparse nei settori. Le loro stazioni spaziali sono composte da vecchi scafi di grandi navi da carico saldate assieme di solito ben nascoste e difese. La maggior parte delle basi pirata ha grandi flotte che vengono sfruttate per incursioni o per pattugliamenti. Noti per la loro estrema aggressività, se scoprono un pilota nel loro settore inizieranno quasi sicuramente una "partita di caccia" nei suoi confronti. Si potranno incontrare navi pirata di tutti i tipi, poiché utilizzano navi di altre razze modificate per i loro fini. I gruppi di pirati ricchi possiedono anche navi di produzione propria dal design personalizzato e spesso anche con colori non standard. Non bisogna tuttavia confondere i pirati con i trafficanti di schiavi, molto più intelligenti nel nascondere le loro attività criminose utilizzando navi comuni.

X³: Albion Prelude[modifica | modifica wikitesto]

X³: Albion Prelude è un'espansione di X³TC, pubblicato il 15 dicembre 2011[3] esclusivamente su Steam. In esso viene sviluppata una nuova trama (nel medesimo universo di TC) che fa da ponte con il successivo capitolo in via di sviluppo, X: Rebirth, e vengono aggiunte nuove navi e stazioni, oltre che qualche miglioria grafica e di gestione economica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 'X3: Terran Conflict 2.0 - The Aldrin Missions' Announced for US, WorthPlaying.com, 17-02-2009. URL consultato il 04-06-2011.
  2. ^ NEWS - GOLD! X3: Terran Conflict has gone gold, Egosoft's Forum, 10-09-2008. URL consultato il 04-06-2011.
  3. ^ Info sulla pubblicazione, sito ufficiale Egosoft

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi