Wyszków

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wyszków
comune
Wyszków – Stemma Wyszków – Bandiera
Wyszków – Veduta
Localizzazione
Stato Polonia Polonia
Voivodato POL województwo mazowieckie COA.svg Masovia
Distretto POL powiat wyszkowski COA.svg Wyszków
Amministrazione
Sindaco Grzegorz Nowosielski
Territorio
Coordinate 52°35′36″N 21°27′36″E / 52.593333°N 21.46°E52.593333; 21.46 (Wyszków)Coordinate: 52°35′36″N 21°27′36″E / 52.593333°N 21.46°E52.593333; 21.46 (Wyszków)
Superficie 165,6 km²
Abitanti 37 715 (2004)
Densità 227,75 ab./km²
Altre informazioni
Prefisso (+48) 29
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Polonia
Wyszków
Sito istituzionale

Wyszków è una città della Polonia nord-orientale, con 37.715 abitanti nel 2004. È capoluogo del distretto di Wyszków (in polacco powiat wyszkowski).

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La città è situata nel voivodato della Masovia dal 1999, mentre prima era stata parte del voivodato di Varsavia fino al 1975 e del voivodato di Ostroleka dal 1975 al 1998.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le prime fonti che citano di Wyszków risalgono al 1203. La città fu fondata invece nel 1502, e fu distrutta durante la guerra polacco-svedese del 1655-1660, quando la città perse importanza nella regione. L'industria si sviluppò dal 1897, quando fu costruita la ferrovia Pilawa-Tluszcz-Ostroleka.

Prima della Seconda guerra mondiale, metà della popolazione di Wyszków (9.000 persone) erano ebrei, mentre dopo la guerra non ne rimase nessuno. Il 14 settembre 1997, fu inaugurato un monumento alle vittime dell'Olocausto. È costruito con pietre provenienti da tombe di ebrei che erano state rimosse nel 1939 dagli occupanti tedeschi, che le avevano usate come pietre per costruire strade e nella costruzione degli edifici dei quartiergenerali della Gestapo. Alcune parti di queste tombe dissacrate furono recuperate e utilizzate per formare il monumento.

Monumento in memoria di Mordechaj Anielewicz

Personaalità legate a Wyszków[modifica | modifica sorgente]

Wyszków è la città natale di Mordechaj Anielewicz (1919).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia