World of Warcraft

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
World of Warcraft
Logo di World of Warcraft.gif
Sviluppo Blizzard Entertainment
Pubblicazione Vivendi Universal
Data di pubblicazione 23 novembre 2004
Genere MMORPG
Tema Fantasy
Modalità di gioco Multiplayer
Piattaforma Microsoft Windows, Mac OS X
Supporto CD, DVD
Requisiti di sistema Pentium 3 o Athlon 800 MHz, 256 MB di RAM (poi 512 MB), scheda video 3D con 32 MB, DirectX 9.0c, 9 GB di spazio libero su hard disk (17 con The Burning Crusade e Wrath of the Lich King), connessione a internet a banda larga
Fascia di età Newpegi 12.svg PEGI Violence.svg PEGI Profanity.svg Online n.svg [1]
Periferiche di input Mouse e tastiera
Espansioni

World of Warcraft (letteralmente "il mondo di Warcraft", spesso abbreviato in WoW) è un videogioco fantasy tridimensionale di tipo MMORPG, giocabile esclusivamente con l'utilizzo di Internet e con il pagamento di un canone. Sviluppato dalla Blizzard Entertainment, è stato pubblicato il 23 novembre 2004. World of Warcraft è il MMORPG più giocato al mondo, con circa 7 milioni di iscrizioni attive(Scese dal massimo di 12M nel 2010 grazie al lancio nella Cina Continentale dell'espansione Cataclysm).[4][5][6] Il gioco è ambientato nell'universo di Warcraft, ambientazione nata con la pubblicazione di tre precedenti videogiochi strategici in tempo reale della Blizzard (Warcraft, Warcraft II, Warcraft III).

I server di gioco, originariamente disponibili solo in inglese, francese e tedesco, sono stati successivamente resi attivi anche in spagnolo, cinese, coreano, russo, portoghese e italiano (quest'ultimo dal 29 agosto 2012).[7]

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Universo di Warcraft.

World of Warcraft è ambientato nell'universo di Warcraft, lo stesso universo immaginario fantasy degli altri titoli della serie Warcraft, alcuni anni dopo gli eventi raccontati nel precedente The Frozen Throne (espansione di Warcraft III).

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Azeroth e Terre Esterne.

L'universo immaginario di World of Warcraft è costituito da quattro continenti principali, i Regni Orientali, Kalimdor, Nordania e Pandaria; tutti e quattro sono situati sul pianeta di Azeroth, separati da un vasto oceano, il Grande Mare, e ad essi si aggiungono un buon numero di isole più o meno grandi. Via via che uscivano nuove patch ed espansioni, sono stati aggiunti nuovi territori (in primis gli ultimi due continenti citati, aggiunti rispettivamente con Wrath of the Lich King e con Mists of Pandaria). Vi è poi il pianeta delle Terre Esterne (aggiunto in The Burning Crusade), nonché tutta una serie di Piani Elementali.

Le terre e i mari che costituiscono l'ambientazione di World of Warcraft sono molto estesi e richiedono diverse decine di ore di gioco solo per visitarli estensivamente. Vi si trovano i tipici elementi delle ambientazioni fantasy medievali come deserti, foreste, valli, praterie, villaggi, accampamenti e territori desolati.

Sulle isole e nei continenti i personaggi possono spostarsi liberamente a piedi (sul terreno) o a nuoto (nei laghi e nei fiumi). Un personaggio di livello 20 (livello 30 fino alla patch 3.2.0, livello 40 fino alla patch 2.4.3) può acquistare una cavalcatura che gli permette di muoversi più velocemente e, ad alti livelli di esperienza, una che gli permette di volare.

Ogni razza offre un proprio tipo di cavalcatura terrestre (ad esempio, il cavallo per gli umani, la saber per gli elfi della notte o il kodo per i tauren); fanno eccezione gli worgen dotati di modalità di corsa a quattro zampe che sostituisce la cavalcatura. Tali cavalcature possono essere comprate (dopo aver raggiunto un certo livello di reputazione) o acquisite in seguito ad un'offerta da parte delle fazioni, ottenuta sconfiggendo un nemico particolarmente forte in un'arena. Alcune classi, come druido, sciamano, stregone e paladino, offrono propri mezzi di movimento aggiuntivi, dotati di caratteristiche diverse. Ad esempio, i druidi sono in grado di trasformarsi in diverse creature (come l'orso o il silvagufo), alcune delle quali pensate espressamente per facilitare gli spostamenti (è il caso del corvo e del ghepardo).

Ogni fazione ha dei luoghi di accesso privilegiati, i "punti di volo", che possono essere raggiunti tramite una cavalcatura volante controllata dal gioco e che segue un percorso prestabilito. Per poter utilizzare un punto di volo, però, esso deve essere stato visitato in precedenza dal proprio personaggio, che altrimenti è costretto ad usare i normali percorsi via terra. Esistono anche punti di volo neutrali, ovvero accessibili ai membri di entrambe le fazioni.

Alcuni luoghi non sono raggiungibili se non utilizzando mezzi di trasporto specifici: ad esempio, non è possibile attraversare a nuoto il mare che separa i vari continenti; bisogna infatti utilizzare una nave, uno zeppelin o qualche sistema di teletrasporto.

Popoli e creature[modifica | modifica sorgente]

Istantanea del pannello di creazione di un personaggio (uno worgen)

Il mondo di World of Warcraft è abitato da una grande varietà di popoli, animali, creature magiche o mostruose. In alcuni casi si tratta dello stesso tipo di personaggi delle tipiche ambientazioni fantasy medievali e della mitologia nordica; sono tuttavia rappresentate anche numerose mitologie e tradizioni, oltre che invenzioni del tutto originali.

Il giocatore può impersonare, dal primo titolo del 2004, un esponente di una delle otto razze principali: umani, orchi, troll, tauren, elfi della notte, non morti Reietti, nani e gnomi. L'espansione The Burning Crusade ha introdotto gli elfi del sangue e i draenei, Cataclysm ha introdotto goblin e worgen, e Mists of Pandaria ha introdotto i pandaren. Queste razze sono divise in due fazioni reciprocamente ostili, l'Orda (Horde) e l'Alleanza (Alliance). Finora, l'unica razza in partenza neutrale, il cui personaggio può impersonare indifferentemente un membro dell'una come dell'altra fazione, è quella dei pandaren. Ogni razza controlla determinate aree geografiche, all'interno delle quali si trovano una capitale e un certo numero di città minori e avamposti.

La scelta della razza del proprio personaggio influisce in modo determinante sulle possibilità di movimento e azione nel gioco. Ogni personaggio ha le caratteristiche razziali dell'area geografica controllata dalla propria razza, e in seguito passa la maggior parte del tempo nei territori della propria razza e degli alleati. Visitare le regioni controllate dalla fazione opposta è infatti molto più difficile, a causa dell'ostilità degli abitanti e alla mancanza di snodi per i trasporti offerti dalla propria fazione. Per questo motivo, riuscire a penetrare in determinati luoghi, come le capitali avversarie, è un'impresa che richiede normalmente la cooperazione di grandi gruppi di giocatori dotati di personaggi particolarmente potenti.

Ogni razza ha una lingua specifica, ma conosce anche una lingua comune alla propria fazione; la comunicazione verbale fra personaggi di diverse fazioni non è invece possibile. In termini di gameplay, la differenziazione linguistica viene resa impedendo ai giocatori di vedere in chiaro il contenuto dei messaggi di chat inviati dai giocatori della fazione opposta. È però possibile comunicare semplici emozioni utilizzando emoticon o specifici gesti dei personaggi chiamati emote; ma esistono anche trucchi per aggirare il sistema di crittografia usato dal sistema per nascondere il testo scritto dai giocatori avversari.[8]

Oltre a quelle appartenenti all'Orda e all'Alleanza, il mondo di Azeroth è abitato da numerose altre razze; alcune sono neutrali, altre sono ostili a entrambe le fazioni o in guerra con l'una o con l'altra. Una delle fazioni più rilevanti per le dinamiche di gioco è quella dei goblin del Cartello Spargifumo (neutrali e non facenti parte dell'Orda, che invece include quelli del Cartello di Acqualorda), abili ingegneri che convivono e commerciano con entrambe le fazioni, oltre a gestire alcuni dei mezzi di trasporto principali di Azeroth. L'elenco delle altre razze presenti in Warcraft è molto lungo, e comprende creature ispirate non solo al fantasy classico, ma anche a numerose tradizioni mitologiche e folkloristiche: per esempio, si trovano in Azeroth draghi e demoni, ma anche centauri, arpie e non morti, naga, yeti e roc. Analogamente sono di varia ispirazione la fauna e la flora di Azeroth, che comprendono specie che riproducono in versione più o meno fantastica animali e piante del mondo reale (come coccodrilli a sei zampe, velociraptor, orchidee carnivore, ecc.) e altre che sono di pura fantasia.

Razze giocabili[modifica | modifica sorgente]

Alleanza[modifica | modifica sorgente]

  • Umani: gli uomini, divisi in vari regni, occupano una posizione centrale all'interno dell'Alleanza. La città di Roccavento, nella foresta di Elwyn, capitale dell'omonimo regno e sotto lo scettro di re Varian Wrynn, rappresenta l'ultimo bastione degli umani dopo la caduta di Lordaeron sotto il Flagello e di Gilneas sotto i Reietti. La loro volontà di ferro consente loro di liberarsi da qualsiasi effetto di sonno o rallentamento, e le loro abilità diplomatiche fanno sì che possano guadagnarsi fiducia e reputazione più facilmente. Il loro animo indomito conferisce loro punti bonus allo spirito e danno il meglio di loro quando brandiscono spade o mazze.
  • Nani: i nani di Dun Morogh, sono da tempo divisi in tre clan da sempre in conflitto: Barbabronzea, Granmartello e Ferroscuro. Oggi sono guidati dal Concilio dei Tre Martelli, composto dai tre rappresentanti Muradin Barbabronzea, Falstad Granmartello e Moira Thaurissian, nella capitale di Forgiardente, scavata interamente nel cuore di Khaz Modan. Possono assumere la frmaa di pietra, dissolvendo effetti da veleno, malattia e sanguinamento e aumentando l'armatura e sono particolarmente abili in Forgiatura e Archeologia. Dato il coima rigido di Dun Morogh hanno sviluppato un'innata resistenza al gelo e prediligono le armi da fuoco e le mazze.
  • Gnomi: i cugini più piccoli dei nani, sono esperti incontrastati di meccanica e tecnologia. Risiedevano nella città di Gnomeregan, guidati da re Gelbin Meccatork, ma in seguito alla presa della città da parte del traditore Sicco Termospin si sono trasfritii nella vicina capitale nanica Forgiardente, nel quartiere di Nuova Rabberciopoli. Data la loro corporatura minuta gli gnomi sono in grado di sfuggire a molte trappole e sono avvantaggiati in Ingegneria. Sono abili nella pratica della magia arcana e hanno un po' più di mana.
  • Elfi della Notte: sono la razza originale di elfi, da cui si sono poi evoluti i Naga e gli Alti Elfi, e in seguito gli Elfi del Sangue. La loro capitale Darnassus ha sede su Teldrassil, il secondo Albero del Mondo (il primo, Nordrassil, andò distrutto durante la Terza Guerra), ed ospita i loro leader Tyrande Soffiabrezza e Malfurion Grantempesta. Vivono astretto contatto con la natura e provano un profondo rispetto per essa, e infatti resistono meglio ai relativi danni. Possono rendersi invisibili da fermi e riescono a schivare più attacchi avversari. Alla morte assumono la forma di fuoco fatuo, muovendosi più velocemente.
  • Draenei: quando il titano Sargeras tentò di corrompere i leader degli Eredar, Kil'Jaeden, Archimonde e il profeta Velen, quest'ultimo fu l'unico a rifiutarsi, avendo visto coiaa avrebbe loro riservato tale scelta, e con un gruppo di seguaci abbandonò il pianeta, rinominando la sua gente Draenei: esiliati. Approdarono su un pianeta da loro ribattezzato Draenor, abitato dai pacifici orchi. In seguito alla bevuta del sangue di Mannoroth, però, offerto loro da Kil'Jaeden, gli orchi, presi da una furia omicida, fecero strage dei Draenei, costringendoli a fuggire su Azeroth. Qui tentarono di porre fine all'avanzata degli Orchi che li avevano raggiunti schierandosi nell'Alleanza. La nave con cui si schiantarono sul 'isola di Brumazzurra, Exodar, è diventata la loro capitale. La luce che li attraversa li rende in grado di curare se stessi e i propri alleati e di resistere ai danni d'ombra, mentre la loro tenacia da loro un bonus all'impatto. sono esperti in Oreficeria.
  • Worgen: sono esseri feroci e brutali dalle sembianze di licantropo, frutto di una maledizione le cui prime vittime furono gli Elfi dell Notte. Quando la maledizione raggiunse il regno umano di Gilneas l'imponente Muro Mantogrigio eretto per isolarlo dall'esterno risultò una trappola, e la popolazione cadde intearmente sotto la piaga. Tuttviaa la loro volontà umana permise loro di mantenere un briciolo di autocontrollo, e da allora i gilneiani, assediati dai Reietti, si stabilirono nella capitale elfica di Darnassus. Gli Worgen imparano autonaticamente a cavalcare, ma rispetto alle cavalcature tradizionali prediligono adottare una corsa a quattro zampe. Possono aumentare la propria velocità per qualche secondo e possono cambiare la propria forma da umana a Worgen. I loro affilati artigli li rendono molto capaci in Scuoiatura.

Orda[modifica | modifica sorgente]

  • Orchi: gli Orchi sono originari del pianeta Draenor, dove vivevano in tribù sciamaniche e con una cultura pacifica. Quando venne fatto bere loro il sangue di Mannoroth da Kil'Jaeden la loro primaria attività divenne la guerra, e in preda a una furia omicida presero a sterminare i Draenei. Con la loro fuga su Azeroth essi crearono un portale per raggiungerli, e nel nuovo pianeta i vari clan assunsero il nome dell'Orda. Dopo la loro sconfitta un gruppo guidato da Orgrim Martelfatto si diresse verso Kalimdor, dove Orgrim cadde in battaglia. Il manipolo di orchi, ora sotto la guida di Thrall e Grommash Malogrido cercò di sconfiggere Mannoroth, per poter cancellare la maledizione, e vi riuscì grazie al sacrificio di Grommash. Thrall e la sua gente si stabilirono quindi nella regione di Durotar, dove edificarono la capitale Orgrimmar, in onore di Orgrim. Dopo la partenza di Thrall il nuovo capouerra divenne il fiero Garrosh Malogrido, figlio di Grommash. Gli Orchi, temprati da mille battaglie, si riprendono più in fretta dallo stordimento e combattono meglio con i famigli e con le asce. Possono scatenare la loro furia aumentando per poco tempo la potenza d'attacco.
  • Troll: i Troll, idivisii in diverse tribù, sono in genere crudeli e ostili. Un'eccezione è rappresentata dai Troll Lanciascura, che sotto la guida di Sen'Jin si allearono con gli Orchi per contrastare un gruppo di umani che voleva prendere possesso della loro isola. Dopo la vittoria seguirono Thrall nelle Isole dell'Eco, a Durotar, e vennero accolti nella capitale Orgrimmar. a Sen'Jin succedette suo figlio Vol'Jin. Con la partenza di Thrall e la nomina Di Garrosh Malogrido a nuovo capoguerra i rapporti fra le due razze cominciano però a degenerare. I Troll possono rigenerare la loro salute anche in battaglia e scatenare una furia incontenibile che aumenta la loro velocità d'attacco. il loro fisico esile li rende meno affetti da limitazione di movimenti e combattono meglio con armi a distanza (archi, balestre, fucili).
  • Tauren: i Tauren, docili cacciatori dalle sembianze bovine delle pianure di Mulgore, vivono da sempre in equilibrio con la Madre Terra. Il loro capotribù Cairne Zoccolo Sanguinario strinse un patto con gli Orchi per poter sconfiggere i loro acerrimi nemici, i Centauri. Dpoo la battaglia del Monte Hyjal, edificarono la caitalee di Picco del Tuono. Tuttavia la tribù ribelle dei Totem Truce, convinta che l'unica a poter governare fosse la sua matriarca Magatha decise di non entrare tra le file dell'Orda. In seguito però alla nomina del nuovo capoguerra, convinto che l'arroganza di Garrosh avrebbe portato alla rovina dell'Orda, Cairne lo sfidò a duello. All'insaputa di entrambi Magatha avvelenò la lama di Garrosh, cosicché alla prima ferìta Caorne rimase paralizzato e venne ucciso dall'avversario. Magatha prese così possesso di Picco del Tuono. Il figlio di Cairne, Baine Zoccolo Sanguinario, prese il comando e riuscì a riottenere la capitale e cacciare gli usurpatori. Il forte legame fra i Tauren e la Madre Terra conferisce loro una forte resistenza ai danni da natura e una specializzazione in Erbologia. La loro possente corporatura da loro più vita massima e possono colpire fortemente il suolo con lo zoccolo per stordire brevemente i nemici.
  • Non Morti Reietti: i Non Morti facevano un tempo parte del Flagello, l'esercito del Re dei Lich. Quando egli ne perse temporaneamente il controllo nella Terza Guerra, un gruppo fuggì dal suo spietato dominio, ma si resero presto conto che il mondo intero, in quanto Non Morti, voleva la loro distruzione. Riunitisi sotto la regina banshee Sylvanas Ventolesto, fondarono la loro capitale Sepulcra sotto le rovine di Lordaeron, nelle radure di Tirisfal, e giurarono vendetta al Re dei Lich. Perseguitati dagli Umani, trovarono rifugio presso gli altruisti Tauren Totem Runico, prendendo così parte all'Orda. Anche dopo la sconfitta dell'odiato nemico però, molti, in particolare l'Alleanza, vedono ancora in loro una minaccia da estirpare e non godono di molta fiducia nemmeno dagli altri membri dell'Orda. I Non Morti possono rendersi immuni a qualsiasi effetto di fascino, paura e sonno e resistono bene ai danni da ombra. Possono inoltre rimanere in apnea per più rempo e nutrirsi delle carcasse delle loro vittime per rigenerare la loro vita.
  • Elfi del Sangue: gli Alti Elfi, abitanti delle foreste di Solealto, vennero devastati dal passaggio del Flagello, che usò il Pozzo Solare, da cui essi traevano la loro magia, per resuscitare il negromante Kel'Thuzad, corrompendolo. Il Principe Kael'thas Solealto decise così di distruggerlo, e in preda aduna forte astinenza si schierò nelle Terre Esterne con il demone Illidan Grantempesta. I suoi sudditi nel frattempo, da allora conosciuti come Elfi del Sangue e guidati da Lor'Themar, rifiutati dall'Alleanxa per essersi alleati coi Naga, vennero contattati dalla regina dei Reietti Sylvanas Ventolesto, ed entrarono a far parte dell'Orda. Kael'Thas nel frattempo passò all'insaputa di Illidan passò sotto il controllo di Kil'Jaeden, che lo costrinse ad assediare il Pozzo Solare per permettergli di invadere Azeroth. Kael'thas fu però sconfitto e vennero purificato il Pozzo Solare dal profeta Velen e la capitale Lunargenta ricostruita. Gli Elfi del Sangue possono resistere bene ai danni magici e silenziare gli incantatori nemici circostanti rigeneranodo parte del loro mana. Sono specializzati in Incantamento.
  • Goblin: i Goblin, un tempo schiavizzati dai Troll, assunsero un'intelligenza considerevole, oltre ad un'insaziabile cupidigia, in seguito all'estrazione della kaja'mite, grazie alla quale poterono soppiantare i loro padroni ed edificare la città ipertecnologica di Kezan, sull'omonima isola. Tuttavia con l'esaurimento del minerale le loro capacità intellettive ne risentirono, e i macchinari ingegnosi presero ad assumere un aspetto confuso e improvvisato. Ne rimase però intatta la loro avidità. Con il risveglio di Alamorte e il relativo Cataclisma l'eruzione del Monte Kajaro distrusse l'isola di Kezan, sede del Cartello degli Acqualorda, costrinse il Principe del Commercio Gallywix e fuggire con alcuni sudditi, che aveva intenzione di schiavizzare. Poco dopo la partenza incapparono però in uno scontro navale fra Alleanza e Orda, nella quale gli Umani fecero naufragare la nave di fuggiaschi su un'isola vicina, dove strinsero un'alleanza con il capoguerra degli Orchi Thrall. Una volta respinti i pirati dell'Alleanza, Thrall sconfisse anche Gallywix, e lo fece rinunciare al suo tentativo di schiavizzare la sua gente. Offrì a lui una dimora ad Azshara e ai Goblin del Cartello dell'Acqualorda un quartiere nella città di Orgrimmar. I Goblin degli altri cartelli invece rimangono tuttora in una posizione neutrale, in particolare il Cartello Spargifumo, che commerciano con entrambe le fazioni. I Goblin sono dotati di una cintura multiuso che consente loro di avere una propulsione frontale o di lanciare missili a distanza. Inoltre possono accedere alla banca in qualsiasi luogo grazie al richiamo del fidato Gobber, e l loro capacità di trattativa consente loro uno sconto da parte dei mercanti. Hanno un bonus in Ingegneria.

Struttura del gioco[modifica | modifica sorgente]

Le dinamiche di gioco di World of Warcraft riprendono quelle tradizionali dei videogiochi di ruolo online. Il giocatore agisce nel mondo virtuale per mezzo di un avatar ("personaggi" o "PG"), interagendo con personaggi controllati dal computer (PNG), svolgendo una serie di missioni che gli vengono via via assegnati. Procedendo di missione in missione, progredisce nelle proprie capacità di combattimento e acquisisce nuovi oggetti che può utilizzare direttamente, commerciare con PNG o altri giocatori. Parallelamente, può acquisire capacità secondarie (per esempio imparare a creare pozioni magiche con le erbe, a forgiare armi e armature, a pescare, a cucinare e così via). Rispetto ai tradizionali MMORPG, in cui i giocatori sono costretti a molte ore di azioni ripetitive per progredire, in World of Warcraft il ritmo di gioco è molto più veloce, e le "perdite di tempo" (time sinks) tipiche di questo genere sono ridotte al minimo.

World of Warcraft utilizza diversi server chiamati "reami". I reami hanno caratteristiche diverse per far sì che il giocatore possa scegliere lo stile di gioco che più gli si addice (Normale, Player versus Player, Roleplaying, Roleplaying Player versus Player). Ogni utente può avere fino a 11 personaggi su ogni reame, fino ad un massimo di 50 personaggi per ogni account di gioco.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio ottiene dei punti, denominati comunemente EXP (Experience Points), ad ogni avventura completata, con l'uccisione delle creature nemiche nelle quali si imbatte o semplicemente esplorando territori sconosciuti. Scopo del personaggio è aumentare il proprio livello e la qualità del proprio equipaggiamento, al fine di confrontarsi in sfide sempre più difficili.

Il livello massimo raggiungibile con l'edizione Mists of Pandaria è il 90 (originariamente il 60, aumentato poi con le varie espansioni prima al 70 con The Burning Crusade, poi all'80 con Wrath of the Lich King, ancora all'85 con Cataclysm ed infine al 90 con Mists of Pandaria).

Ogni personaggio è caratterizzato da elementi tipici dei giochi di ruolo, come caratteristiche, abilità, talenti, magie o mosse speciali, una classe.

Ogni classe ha abilità differenti, un diverso stile di gioco e la possibilità di utilizzare o meno alcuni tipi di equipaggiamento, come ad esempio cotte di maglia, stoffa, cuoio, corazza a piastre o spade, mazze, bastoni, pugnali, armi da pugno, archi, fucili, coltelli da lancio, asce, asce a due mani, mazze a due mani, bacchette e spade a due mani.

Il giocatore può scegliere tra le seguenti classi:

  • Cacciatore (hunter), una classe molto versatile e capace di salire di livello molto in fretta; ha l'abilità particolare di catturare animali e renderli docili al proprio servizio. Utilizza armature di pelle (fino al livello 40) dopodiché può indossare le armature di maglia; può usare armi da mischia quali spade o asce, armi a due mani (prevalentemente lance o comunque armi ad asta) ma principalmente armi da tiro (archi, balestre e fucili), non può usare scudi.
  • Druido (druid), che sfrutta le forze della natura, usandole a proprio vantaggio. È una delle cosiddette classi ibride, ovvero fra quelle che possono ricoprire ruoli diversi grazie a dovute specializzazioni. L'abilità caratteristica del druido è quella di poter assumere varie forme del mondo animale o vegetale allo scopo di poter ricoprire i più svariati ruoli in un gruppo. Oltre ad avere una forma base, dalla quale può lanciare magie a distanza o curare discretamente, ma nella quale è molto vulnerabile in corpo a corpo, il druido può trasformarsi in orso, e in questa forma animale, pur vestendo solo di pelle, è capace di "tankare" (vedi la classe Guerriero). Può inoltre trasformarsi in felino e svolgere il ruolo di DPS melee, in moonkin e giocare come DPS caster, o può assumere una forma vegetale, fungendo da guaritore. Altre forme animali, come il ghepardo (corsa su terra), la foca (respirazione subacquea) e il corvo (capacità di volare) offrono vantaggi negli spostamenti. Il druido usa armature di pelle e può utilizzare pugnali, bastoni, mazze e mazze a due mani.
  • Guerriero (warrior), una delle classi più utilizzate dai giocatori grazie alla sua duplice possibile specializzazione e alla grande resistenza fisica. Il guerriero è una di quelle classi di personaggi denominati generalmente "tank" (dalla parola che indica un carro armato in inglese): le classi "tank" sono capaci di sopportare grandi danni e concentrare su di sé l'attenzione dei nemici, in tal modo consentendo a personaggi alleati di altre classi di eliminarli con relativa facilità. Il guerriero utilizza armature a piastre dal livello 40 in poi. Può utilizzare tutte le armi presenti nel gioco ad eccezione delle bacchette.
  • Ladro (rogue), una delle classi più letali del gioco, di grande utilità nei raid e nei dungeon. Gli assassini sono i maestri del combattimento silenzioso, dello scivolare fra le ombre senza farsi notare. La principale peculiarità del ladro è l'elevato DPS (Damage Per Second), ovvero la quantità di danni che può infliggere in un secondo. Un'altra abilità del ladro è quella di potersi rendere invisibile ai nemici, per poi stordirli senza farsi notare. Veste armature di pelle e utilizza due armi alla volta, una per mano, siano esse spade, asce, mazze e pugnali (essenziali per gli attacchi alle spalle). Può usare armi da lancio o da tiro. Non usa scudi.
  • Mago (mage), domina potenti energie che lo rendono in grado di usare la magia nelle sue forme più spettacolari e distruttive. Benché siano dotati di pochi punti ferita e scarsa attitudine al combattimento, i maghi compensano la debolezza fisica con un grande potere magico. Combattendo dalla distanza, i maghi sono in grado di infliggere il maggior numero di danni nel più breve tempo, cosa che li rende molto utili nelle instance, anche grazie al fatto che sono abili "crowd controller(s)", ovvero "controllori di mischia" (cc), riescono cioè a tagliare fuori dal combattimento alcuni nemici tramite magie di diverso tipo, che possono, ad esempio, trasformare temporaneamente gli avversari in creature innocue (come pecore, gatti, pinguini ecc.), oppure bloccarli, sempre temporaneamente, al terreno. Il mago si sa rendere utile anche nelle creazione di portali magici, che possono trasportare lui e i membri del suo gruppo nelle capitali o in piccoli insediamenti. Il mago può indossare esclusivamente armature di stoffa, e utilizza spade ad una mano e pugnali (generalmente coadiuvate da oggetti chiamati Off-Hand che vengono impugnati nella mano libera ma che non servono al combattimento e conferiscono dei bonus particolari) oppure bastoni. Inoltre possono utilizzare delle bacchette, dotate di effetti particolari.
  • Sacerdote (priest), è il guaritore (healer) per eccellenza in quanto possiede la più ampia disponibilità di magie per curare; detiene la capacità di manipolare liberamente la magia della luce con la quale può creare degli scudi potentissimi; può essere usato anche come dps a distanza scegliendo la specializzazione "shadow" (ombra) che lo rende, tra l'altro, molto abile nel Crowd Controlling (vedi la classe "mago"). I preti indossano esclusivamente armature di stoffa e possono usare pugnali, mazze ad una mano, bastoni e bacchette.
  • Paladino (paladin), un guerriero votato al bene, dotato di poteri sacri, usa armature pesanti, è molto resistente e può rendersi immune per qualche istante a tutti gli attacchi. Il Paladino è una classe molto versatile che può svolgere ogni ruolo in un'instance, sia esso curare, generare danni o dirigere verso di sé tutti i danni (il paladino è un'altra classe "tank", vedi la classe "guerriero"). Usa tutte le armi escluse quelle da lancio e i bastoni. Dal livello 40 in poi può usare le armature a piastre al posto delle maglie di cui si è servito fino a quel momento.
  • Sciamano (shaman), classe legata agli elementi della natura, può lanciare numerose magie offensive o coprire il ruolo di curatore. È molto versatile e ha la particolarità di piantare dei totem nel terreno che incrementano le abilità dei propri compagni o di se stesso. Indossa armature di pelle fino al livello 40 dopodiché può usare le cotte di maglia. Utilizza pugnali, bastoni, mazze, asce, armi da pugno e scudi.
  • Stregone (warlock), dedito a pratiche demoniache ed alla magia oscura (la magia "Shadow", ossia dell'ombra). La sua abilità principale consiste nell'infliggere al nemico delle magie che lo danneggiano regolarmente per un periodo di tempo (ad esempio 300 danni al secondo per 30 secondi), come le maledizioni. Il warlock inoltre possiede la capacità di evocare e controllare diversi tipi di demoni che lo aiutano nel combattimento con varie abilità supplementari, differenti da demone a demone. Usa pugnali, bastoni, spade. Indossa solo armature di stoffa.
  • Cavaliere della morte (death knight), è stato introdotto con l'espansione Wrath of the Lich King, praticamente questa classe assume la funzione di melee (personaggio capace di sferrare colpi corpo a corpo), che a differenza delle altre classi melee può utilizzare delle magie per curarsi e anche per sfruttare attacchi brutali. Può coprire il ruolo di "Tank" (vedi la classe del "guerriero"). Indossa armature a piastre, può usare tutte le armi esclusi bastoni e armi da lancio, ma, paradossalmente, pur potendo essere un "tank" non è in grado di usare lo scudo.
  • Monaco (monk), è stato introdotto con l'espansione Mists of Pandaria; il monaco è maestro del combattimento a mani nude. Esperto in vari stili di combattimento, può vestire sia l'armatura di stoffa che quella di cuoio. Questa classe può svolgere qualsiasi ruolo in un'instance: con la specializzazione "mastro birraio" può trarre beneficio dalla fortificazione alcolica, eseguendo rapidi attacchi e difendendo i giocatori alleati. La specializzazione "Misticismo" rende il monaco un ottimo "healer" (si veda la classe del Sacerdote) che impiega le arti marziali per curare gli alleati; la terza specializzazione è "Impeto", che consente di eseguire il ruolo di DPS (si veda la classe Ladro) tramite il combattimento a mani nude.
Tabella riassuntiva delle classi giocabili
Classi Razze
Umani Elfi della notte Gnomi Nani Draenei
(TBC)
Worgen
(CATA)
Pandaren
(MOP)
Troll Tauren Orchi Non morti Reietti Elfi del sangue
(TBC)
Goblin
(CATA)
Pandaren
(MOP)
Druido Non disponibile Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Non disponibile Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Non disponibile Non disponibile Non disponibile Non disponibile
Cacciatore Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria
Mago Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria
Paladino Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Non disponibile Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Non disponibile Non disponibile Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Non disponibile Non disponibile
Sacerdote Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria
Assassino Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria
Sciamano Non disponibile Non disponibile Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria
Stregone Disponibile all'uscita nel gioco base Non disponibile Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile
Guerriero Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita nel gioco base Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria
Cavaliere della Morte Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm Non disponibile
Monaco Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria Non disponibile Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria

Legenda della tabella:

  • se la casella è marchiata con Disponibile all'uscita nel gioco base la classe è disponibile per quella razza già con l'uscita del gioco di base;
  • se la casella è marchiata con Disponibile all'uscita di World of Warcraft: The Burning Crusade la classe diventa disponibile per quella razza con World of Warcraft: The Burning Crusade;
  • se la casella è marchiata con Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Wrath of the Lich King la classe diventa disponibile per quella razza con World of Warcraft: Wrath of the Lich King;
  • se la casella è marchiata con Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Cataclysm la classe diventa disponibile per quella razza con World of Warcraft: Cataclysm;
  • se la casella è marchiata con Disponibile all'uscita di World of Warcraft: Mists of Pandaria la classe diventa disponibile per quella razza con World of Warcraft: Mists of Pandaria;
  • se la casella è marchiata con Non disponibile la classe per quella razza non è disponibile nel gioco.

Ogni classe ha tre specializzazioni a disposizione (quattro per il druido). Con l'avvento di Mists of Pandaria il sistema dei talenti è cambiato totalmente, infatti adesso non si avrano più tre rami di talenti (i vecchi talenti adesso sono incantesimi di specializzazione) ma avremo a disposizione una serie di talenti da poter prendere ogni 15 livelli fino al livello 90. Se per alcune classi questo influirà relativamente sul ruolo del proprio personaggio all'interno di un gruppo (i cosiddetti dps puri) per altre classi i talenti influenzano fortemente il ruolo che il personaggio può ricoprire. La scelta non è comunque definitiva, i talenti possono essere ridistribuiti nuovamente, ma questo ad un costo che aumenta ogni volta che i talenti vengono azzerati dal class trainer. Differenti assegnazioni di talenti sono anche pressoché necessarie per poter partecipare al player versus player (PvP) in maniera efficace e competitiva.

Sono presenti alcune zone particolari dette instance, particolarmente difficili da affrontare. Il nome è dovuto al fatto che queste zone sono istanziate separatamente per ogni gruppo di giocatori, in modo tale che gruppi diversi di giocatori non interferiscano tra loro (ogni gruppo agisce in una copia differente dell'instance).

Instance[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Instance.

Le instance sono zone particolari dell'ambientazione di World of Warcraft in cui un giocatore può interagire solamente con un determinato gruppo di altri giocatori. In queste zone si trovano nemici molto difficili da sconfiggere, che possono per l'appunto essere vinti solo grazie alla cooperazione di più giocatori (si può essere in 5, 10, 25 o 40). La difficoltà di ciascuna instance è tarata per gruppi di giocatori di un particolare intervallo di livelli. Ovviamente un personaggio di livello molto superiore a quello di una data instance può affrontare quest'ultima da solo, ma i drop ottenuti dai nemici sconfitti saranno di molto inferiori all'equipaggiamento che normalmente viene utilizzato al suo livello.

Tra le instance introdotte dall'espansione The Burning Crusade ci sono il Tempio Nero (dove si nasconde il demone-elfo della notte Illidan Grantempesta), Forte Tempesta (base del principe Kael'thas Solealto), Bacino degli Spiraguzza (covo di Dama Vashj) e le Caverne del Tempo, che permettono ai giocatori di rivivere eventi dei giochi precedenti, come la fuga di Thrall da Forte Durnholde o la battaglia del Monte Hyjal. Poco dopo l'uscita dell'espansione è stata resa disponibili l'isola di Quel'Danas, con due instance che permettono di sfidare Kael'thas (nuovamente) e Kil'jaeden.

Inoltre sempre con l'espansione The Burning Crusade è stato introdotto il concetto di Instance Eroica (Heroic Instance), che si tratta di una variante di una instance da 5 giocatori già presente nel gioco, affrontabile al livello massimo dell'espansione a cui appartiene l'instance (70 per le Instance introdotte in The Burning Crusade, 80 per quelle introdotte in Wrath of the Lich King e 85 per quelle introdotte in Cataclysm) ma a difficoltà aumentata (generalmente con mostri più potenti e Boss aggiuntivi), poiché si possono ottenere in premio pezzi di equipaggiamento migliori rispetto alla versione normale dell'Instance, e inoltre si possono ottenere delle medaglie particolari (Badge) sconfiggendo i Boss, usate come moneta per comprare altri pezzi di equipaggiamento particolarmente potenti.

Con Wrath of the Lich King, insieme al continente di Nordania, sono state aggiunte molte altre instance, da 5 giocatori fino a 25, come Naxxramas, il Nexus, la Fortezza Violacea, l'Ordalia dei Campioni, oltre che a molti nuovi campi di battaglia, zone del gioco in cui due gruppi (uno per fazione) si scontrano per un obiettivo.

Un altro tipo di instance sono le arene, introdotte con l'espansione The Burning Crusade, dove squadre di 2, 3 o 5 personaggi si scontrano con squadre di pari dimensioni. Ogni settimana vengono assegnati punti in base al rating della squadra. Per ottenere punti, si devono giocare almeno 10 partite a settimana.

Espansioni[modifica | modifica sorgente]

World of Warcraft: The Burning Crusade[modifica | modifica sorgente]

Il 16 gennaio 2007 è stata pubblicata la prima espansione di World Of Warcraft, sottotitolata The Burning Crusade. Principalmente, le novità apportate non sono molte a livello di gameplay, seppure i raid siano stati ridotti da 40 giocatori a 25 facilitando il completamento di avventure epiche. I cambiamenti inseriti sono:

  • Livello massimo incrementato a 70, quando, nel gioco originale era fino a 60
  • Aggiunto un nuovo continente, le Terre Esterne, contenente 7 regioni da livello 58 a 70:
    1. Penisola del Fuoco Infernale (58-62)
    2. Paludi di Zangar (61-63)
    3. Foresta di Terokk (63-65)
    4. Nagrand (64-67)
    5. Montagne Spinaguzza (66-68)
    6. Valle di Torvaluna (67-70)
    7. Landa Fatua (67-70)
  • Introduzione di due nuove razze giocabili, elfi del sangue e draenei
  • Introdotte le cavalcature volanti, utilizzabili solo nelle Terre Esterne
  • Introdotta la professione di gioielleria
  • Introdotto il campo di battaglia di Occhio del Ciclone
  • Introdotte le arene e il nuovo sistema di PvP
  • La classe Sciamano è resa disponibile per l'Alleanza (limitatamente ai draenei) e quella del Paladino per l'Orda (limitatamente agli elfi del sangue)
  • Diminuita la dimensione delle instance e il numero massimo di partecipanti richiesti (da 40 a 25)
  • Nuove instance e raid
  • Instance eroiche (versioni più difficili delle instance normali)
  • I socket (o incavi), un sistema di potenziamento dell'equipaggiamento che consiste nell'inserimento di gemme specifiche (create con gioielleria) nelle apposite caselle gemme dell'arma o armatura, se disponibili.

World of Warcraft: Wrath of the Lich King[modifica | modifica sorgente]

Wrath of The Lich King è la seconda espansione di World of Warcraft, pubblicata in contemporanea mondiale il 13 novembre 2008.

I cambiamenti effettuati sono stati:

  • L'innalzamento del livello massimo raggiungibile dai personaggi a 80;
  • L'aggiunta di un nuovo continente, Northrend (grande più o meno la metà di uno qualunque dei due continenti presenti dall'edizione base di World of Warcraft), situato all'estremo nord di Azeroth, contenente 11 regioni che coprono l'intervallo dal livello 68 al livello 80:
    1. Tundra Boreale (68-72)
    2. Fiordo Echeggiante (68-72)
    3. Dracombra (71-74)
    4. Colli Bradi (73-75)
    5. Foresta di Cristallo (74-76)
    6. Zul'Drak (74-77)
    7. Bacino di Sholazar (75-78)
    8. Cime Tempestose (76-80)
    9. Approdo di Hrothgar (77-80) (aggiunta con la patch 3.2.0)
    10. Corona di Ghiaccio (77-80) (sede del Re dei Lich)
    11. Lungoinverno (77-80) (totalmente dedita al PvP).
  • Nuove instance e raid da affrontare in versione Normale o Eroica.
  • L'aggiunta di una nuova professione Inscription il quale permette la creazione di scroll e Glyph (3 maggiori e 3 minori che potenziano e migliorano determinate abilità).
  • L'aggiunta di una classe, nonché prima Hero Class, ovvero il Cavaliere della morte.
  • Introdotto l'evento PvP con macchine d'assedio denominato Lungoinverno che si svolge nell'omonima zona.

World of Warcraft: Cataclysm[modifica | modifica sorgente]

Cataclysm è la terza espansione di World of Warcraft. È stata annunciata il 21 agosto 2009 dalla Blizzard, ed è stata pubblicata il 7 dicembre 2010.[2] Dal punto di vista della trama questa espansione tratta il ritorno di Alamorte, personaggio presente nei videogiochi per l'ultima volta in Warcraft II: Beyond the Dark Portal. Il suo ritorno ha causato il devastante Cataclisma che ha sconvolto il mondo di Azeroth. Sono state vendute oltre 3,3 milioni di copie nelle prime 24 ore dal lancio; Cataclysm è il gioco per PC più rapidamente venduto del mondo.[9] Il videogioco è stato venduto, per un periodo limitato, anche nell'edizione da collezione con alcuni contenuti esclusivi.[10]

Il 30 giugno 2010 la Blizzard ha annunciato l'apertura del beta test di Cataclysm. Gli inviti, a numero chiuso, sono stati spediti via e-mail ai giocatori.[11]

I cambiamenti apportati nel gioco sono:

  • Livello massimo raggiungibile dai personaggi fissato a 85.
  • Le vecchie zone sono state modificate sia graficamente che dal punto di vista del Lore (Ambientazione e storia del gioco).
  • L'inserimento di nuove zone, quali il Monte Hyjal e le Isole Perdute.
  • Circa 3000 nuove quest.
  • L'aggiunta di due nuove razze: gli worgen per l'Alleanza e i goblin per l'Orda.
  • Azeroth è stata modificata per poter accogliere le cavalcature volanti.
  • Vari nuovi dungeons e raid adatti al nuovo livello massimo.
  • La rivisitazione di due dungeons della versione Vanilla (senza espansioni): Forte Zannascura e le Miniere della Morte che saranno disponibili in modalità eroica per sfide e ricompense adatte al livello 85.
  • Nuovi battlegrounds e una nuova zona simile a Lungoinverno (territorio pvp) Tol Barad per il PvP.
  • Una nuova professione secondaria: archeologia.
  • Aggiunte nuove combinazioni di classe e razza (vedi la tabella nella sezione Personaggi).
  • Modificato il sistema di statistiche nel gioco, ad esempio lo Spell Power (modificatore di danno delle magie) è stato rimpiazzato utilizzando soltanto la statistica Intelletto per calcolare il danno delle magie.
  • Introduzione di un sistema di livelli e talenti per le gilde.

World of Warcraft: Mists of Pandaria[modifica | modifica sorgente]

Mists of Pandaria è la quarta espansione di World of Warcraft, pubblicata il 25 settembre 2012[3]. Introduce la razza giocabile dei pandaren, la cui terra nativa è Pandaria, e la classe del monaco. Pandaria è totalmente esplorabile. Il livello massimo dei personaggi viene alzato, con questa espansione, a 90[12] e vengono aggiunti anche nuovi dungeons e raid oltre a due battlegrounds. Sono state introdotte anche nuove modifiche al Player Versus Player, con l'introduzione della potenza PVP e con l'introduzione di una base di Resilenza PVP pari al 65% per tutti i giocatori. Il gioco è acquistabile in versione digital download standard e in versione digital deluxe con alcuni prodotti aggiuntivi. Questa ultima versione è stata implementata da varie Patch che hanno aggiunto al già ricco contenuto di gioco , istante come Il Regno Del Tuono e l'Assedio di Orgrimmar(quest'ultimo vede un raid che ha lo scopo di sconfiggere il re Garrosh,capo ribelle dell'orda che sogna di distruggere il mondo di Azeroth)

World of Warcraft: Warlords of Draenor[modifica | modifica sorgente]

L'uscita della quinta espansione di World of Warcraft, Warlords of Draenor, è stata annunciata l'8 novembre 2013 all'annuale convegno BlizzCon; nell'espansione sarà visitato, in una linea del tempo alternativa, il mondo di Draenor; il livello massimo dei personaggi è alzato a 100[13][14].

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Game of the Year (gioco dell'Anno) - GameSpot
  • PC Game of the Year (gioco dell'anno per PC) - Gamespy
  • Gioco del Mese - Voto 9 - GMC (Giochi per il mio computer)
  • Gold Award - 93/100 - TGM (The Games Machine)
  • Nel 2005 e 2006 è stato il gioco più venduto per personal computer mentre nel 2007 è stato il secondo gioco più venduto per computer. Il primo è stata l'espansione The Burning Crusade.[4]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La Blizzard stimava un successo del videogioco nettamente inferiore, il progetto sarebbe stato un successo secondo la società se avesse venduto un milione di copie. Al 2011 ne ha vendute 15 milioni.[15]
  • Inizialmente i manager Blizzard pensavano di distribuire gratuitamente il gioco e senza canone, finanziandosi mediante pubblicità online. Il piano venne modificato dato che lo si ritenne non in grado di sostenere i costi del progetto.[16]
  • Tra PnG, quest, oggetti, achievement e dialoghi del gioco sono presenti, in maniera talvolta mascherata, molti riferimenti a libri, film, canzoni, persone famose e videogiochi (ad esempio gli Achievements Hallowed Be Thy Name, canzone degli Iron Maiden, e The Cake Is Not A Lie, in riferimento al videogioco Portal di Valve; il PnG Haris Pilton, dalla famosa ereditiera Paris Hilton, che vende oggetti molto costosi e rari; Harrison Jones, l'archeology trainer di Roccavento, con chiari riferimenti ad Harrison Ford e ad Indiana Jones; il PnG Siouxsie the Banshee, dal gruppo punk Siouxsie and the Banshees; e l'elfo Sig Nicius, dal cantante Sid Vicious).
  • Nell'ottavo episodio della decima stagione della serie animata South Park (Make Love Not Warcraft, fate l'amore, non Warcraft) i protagonisti vengono colti da dipendenza da World of Warcraft.
  • Alcuni riferimenti a World of Warcraft sono stati a loro volta citati dal gioco stesso (come i "Flintlocke's Piloting Pants" dal webcomic "Flintlocke" e l'achievement "Make Love Not Warcraft" dall'omonima puntata di South Park).
  • Un gruppo di ricercatori delle Università di Boston e del New Jersey ha studiato le modalità di diffusione di un virus mortale all'interno della comunità di multiplayer online: a causa di un errore di programmazione, una "malattia" che veniva inflitta ai giocatori da un boss, pensata per rimanere all'interno di un'area circoscritta (una instance), si è diffusa all'interno della comunità di giocatori. I comportamenti e gli spostamenti attuati per "proteggere" i propri personaggi simulerebbero verosimilmente il comportamento delle grandi masse allo scoppiare di un'epidemia. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases.[17]
  • Il quotidiano La Repubblica ha pubblicato un articolo nel quale si analizza World of Warcraft come uno strumento attraverso cui comprendere le dinamiche degli attentati terroristici.[18]
  • Un rapporto dei terapisti della svedese Youth Care Foundation indica World of Warcraft come "il più pericoloso gioco sul mercato". Un loro ricercatore ha portato ad esempio per la dipendenza causata da World of Warcraft il ricovero in ospedale di un giovane che aveva giocato ininterrottamente per 24 ore, trascurando le proprie necessità fisiologiche.[19]
  • Il 29 dicembre 2010 è stato annunciato che World of Warcraft è perfettamente giocabile tramite il sistema di riconoscimento gestuale di Kinect, la periferica Microsoft originariamente presentata per Xbox 360; un video in proposito è stato pubblicato su YouTube[20][21]. L'effetto viene ottenuto emulando, in tempo reale e senza alcun lag, i comandi da tastiera di WoW tramite i comandi gestuali di Kinect.
  • Nella serie televisiva Big Bang Theory il videogioco online viene citato più volte come uno dei giochi che intrattiene maggiormente i protagonisti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Classificazione PEGI per World of Warcraft. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  2. ^ a b World of Warcraft: Cataclysm in vendita dal 7 dicembre, Blizzard Entertainment, 4 ottobre 2010. URL consultato il 7 gennaio 2012.
  3. ^ a b World of Warcraft: Mists of Pandaria arriva il 25 settembre, Blizzard Entertainment, 25 luglio 2012. URL consultato il 26 luglio 2012.
  4. ^ a b World of Warcraft: 10 milioni di utenti, Hardware Upgrade, 24 gennaio 2008. URL consultato il 25 gennaio 2008.
  5. ^ (EN) World of Warcraft surpasses 11 million subscribers worldwide, Blizzard Entertainment, 28 ottobre 2008. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  6. ^ Raggiunti i 12 milioni di abbonati a World of Warcraft in tutto il mondo, Blizzard Entertainment, 7 ottobre 2010. URL consultato il 1º agosto 2012.
  7. ^ Patch di lingua italiana e reami italiani finalmente disponibili!, Blizzard Entertainment, 29 agosto 2012. URL consultato il 29 agosto 2012.
  8. ^ Per esempio, il motore crittografico non funziona se si separano con spazi le lettere che compongono le parole.
  9. ^ Cataclysm frantuma il record di vendite PC, Blizzard Entertainment, 13 dicembre 2010. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  10. ^ Annunciata l'edizione da collezione di World of Warcraft: Cataclysm, Blizzard Entertainment, 17 agosto 2010. URL consultato il 21 agosto 2010.
  11. ^ Annuncio beta test di Cataclysm su blizzard.com, Blizzard Entertainment, 30 giugno 2010. URL consultato il 3 luglio 2010.
  12. ^ Svelato World of Warcraft: Mists of Pandaria, Blizzard Entertainment, 21 ottobre 2011. URL consultato il 21 ottobre 2011.
  13. ^ (EN) Mitch Dyer, Chris Pereira, World of Warcraft: Warlords of Draenor Announced, IGN, 8 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  14. ^ (EN) Adam Holisky, World of Warcraft: Warlords of Draenor Announced, WoW Insider, 8 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  15. ^ Roper: speravamo che WoW vendesse un milione di copie, Hardware Upgrade, 3 dicembre 2007. URL consultato il 3 dicembre 2007.
  16. ^ World of Warcraft inizialmente come MMOG gratuito, Hardware Upgrade, 25 giugno 2008. URL consultato il 25 giugno 2008.
  17. ^ The untapped potential of virtual game worlds to shed light on real world epidemics, The Lancet Infectious Diseases. URL consultato il 5 febbraio 2008.
  18. ^ Vuoi capire il terrorismo? Studia "World of Warcraft", La Repubblica, 25-03-2008.
  19. ^ (EN) Sweden’s Youth Care Foundation declares WoW as the ‘Crack/Cocaine’ of gaming.
  20. ^ Kinect hacked to play World of Warcraft
  21. ^ World of Warcraft e Kinect, un interessante connubio

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]