Workingman's Dead

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Workingman's Dead
Artista Grateful Dead
Tipo album Studio
Pubblicazione 1970
Durata 35:33
Genere Country rock
Folk rock
Etichetta Warner Bros. Records
Produttore Bob Matthews
Betty Cantor
Grateful Dead
Grateful Dead - cronologia
Album precedente
(1969)
Album successivo
(1970)

Workingman's Dead è il quarto album in studio del gruppo rock statunitense Grateful Dead. Il disco venne registrato nel febbraio 1970 e pubblicato il 14 giugno dello stesso anno negli Stati Uniti.

Nel 2003 l'album è stato classificato al numero 262 della lista dei 500 miglior dischi di tutti i tempi dalla rivista Rolling Stone.

L'album è stato ristampato in tre diversi formati nel 2003: come parte del cofanetto The Golden Road (1965-1973) 12-CD box set, come versione CD rimasterizzata ed estesa, ed infine come DVD audio.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo dell'album deriva da un commento fatto da Jerry Garcia al paroliere Robert Hunter circa il nuovo album che avrebbe dovuto essere, secondo lui, "the Workingman's Dead version of the band" (la versione operaia dei Dead).[1]

La band fece ritorno al Pacific High Recording Studio di San Francisco per incidere l'album in appena nove giorni.[2] Garcia disse che il sound generale dell'album, che si discostava decisamente dalla psichedelia per abbracciare la musica tradizionale americana con il country e il folk, derivò oltre che dalla partnership compositiva con Hunter, anche dall'amicizia della band con Crosby, Stills & Nash.[3] A tal proposito, alcune canzoni come Uncle John's Band, High Time, e Cumberland Blues ricevettero un arrangiamento improntato sulle armonie vocali collettive sullo stile dei brani di Crosby, Stills, Nash & Young, che non facevano parte del repertorio dei Dead.

La Warner Bros. fece uscire come singolo Uncle John's Band (B-side New Speedway Boogie), senza riscuotere particolari consensi. Anche Casey Jones venne pubblicata su singolo, ma non riuscì ad entrare in classifica.

Il paroliere Robert Hunter appare come settimo membro della band sulla copertina del disco.

L'album venne votato dai lettori di Rolling Stone come miglior album del 1970, davanti a Déjà Vu di Crosby, Stills, Nash & Young e Moondance di Van Morrison.[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato 1
  1. Uncle John's Band – 4:42
  2. High Time – 5:12
  3. Dire Wolf – 3:11
  4. New Speedway Boogie – 4:01
Lato 2
  1. Cumberland Blues (Garcia, Hunter, & Phil Lesh) – 3:14
  2. Black Peter– 5:41
  3. Easy Wind (Hunter) – 4:57
  4. Casey Jones – 4:24

Bonus tracks ristampa CD 2003[modifica | modifica wikitesto]

  1. New Speedway Boogie (alternate mix) – 4:10
  2. Dire Wolf (live) – 2:31
  3. Black Peter (live) – 9:07
  4. Easy Wind (live) – 8:09
  5. Cumberland Blues (live) – 4:52
  6. Mason's Children (live) (Garcia, Hunter, Lesh, & Bob Weir) – 6:32
  7. Uncle John's Band (live) – 7:57
  8. Radio promo – 1:00

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Grateful Dead
Musicisti aggiuntivi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Grateful Dead: The Illustrated Trip . Jake Woodward, et al. Dorling Kindersley Limited, 2003, pag. 108.
  2. ^ Garcia: An American Life by Blair Jackson, Penguin Books, 1999, pg. 181.
  3. ^ Grateful Dead: The Illustrated Trip . Jake Woodward, et al. Dorling Kindersley Limited, 2003, pg. 119.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock