Womanizer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Womanizer
As the sexretary.jpg
Britney in un suo alter ego nel video di Womanizer
Artista Britney Spears
Tipo album Singolo
Pubblicazione 26 settembre 2008
Durata 3 min : 46 s
Album di provenienza Circus
Genere Elettropop
Produttore K. Briscoe/The Outsyders
Registrazione 2008
Formati CD, download digitale, airplay
Certificazioni
Dischi d'oro Belgio Belgio[4]
(Vendite: 15.000+)
Francia Francia[5]
(Vendite: 218.49+)
Finlandia Finlandia[6]
(Vendite: 5.868+)
Italia Italia[7]
(Vendite:14.875+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[8]
(Vendite: 7.500+)
Regno Unito Regno Unito[9]
(Vendite: 400.000+)
Spagna Spagna[10]
(Vendite: 20.000+)
Svezia Svezia[11]
(Vendite: 10.000+)
Dischi di platino Australia Australia[1]
(Vendite: 70.000+)
Danimarca Danimarca[2]
(Vendite: 30.000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[3]
(Vendite: 3.200.000+)
Britney Spears - cronologia
Singolo precedente
(2008)
Singolo successivo
(2008)
Logo
Logo del disco Womanizer

Womanizer (in italiano: Donnaiolo) è il primo singolo, registrato nel 2008, estratto dal sesto album in studio della cantante Britney Spears, Circus del 2008, ed è apripista alle altre canzoni. La canzone è stata prodotta dai The Outsyders e da K. Briscoe.[12][13] Womanizer è il singolo della Spears più venduto negli Stati Uniti d'America con 3 milioni di copie vendute.[14] In tutto il mondo il singolo ha venduto 4,5 milioni di copie.[15]

Pubblicazione[modifica | modifica sorgente]

La canzone è stata pubblicata in radio il 26 settembre 2008 soltanto negli Stati Uniti e nel mondo come singolo.[16] Inoltre, è stata pubblicata in Europa, Stati Uniti e Regno Unito tra i primi di ottobre e il 24 novembre 2008. Secondo un comunicato stampa della Sony BMG Australia, Womanizer poteva essere aggiunta alla radio australiana dei brani dal 22 settembre al 7am australiano Eastern Standard Time.[17] È stata poi pubblicata in Europa e nel Regno Unito rispettivamente il 14 e il 24 novembre.

Secondo Billboard, lunedì 29 settembre la canzone Womanizer è stata trasmessa durante una puntata della serie The Hills su MTV America.[18] Inoltre, la canzone è stata presentata sul palco del programma X Factor il 26 novembre 2008, il cui svolgimento è visibile anche su YouTube.

Informazioni sulla canzone[modifica | modifica sorgente]

La Spears, durante un'intervista per radio Z100, parla della canzone e dice: «È una canzone molto bella. Mi piace il fatto che punta a dar più potere alle donne, perché parla sostanzialmente di quando sappiamo bene cosa sta succedendo. Parla dei ragazzi che prendono in giro le ragazze e cose di questo tipo. È una sorta di inno femminile. Ecco perché mi piace.»[19]

La canzone è passata nella classifica Billboard Hot 100 dalla posizione n. 96 alla 1, bissando così lo stesso strabiliante risultato del primo singolo di debutto della cantante, Baby One More Time.

Reazione della critica[modifica | modifica sorgente]

Popjustice.com descrive la canzone come un «brillante miscuglio di Toxic con i più interessanti momenti dell'ultimo album come Ooh Ooh Baby» e ne parla come «una delle sicure candidate al titolo di Canzone dell'Anno 2008».[20]

Il video[modifica | modifica sorgente]

Il video di Womanizer, girato il 24 e il 25 settembre 2008 a Los Angeles, è stato diretto da Joseph Kahn, che era già stato regista di due video precedenti della Spears, Stronger del 2000 e Toxic del 2004.[21] La première del video è avvenuta il 16 ottobre 2008 su TRL Italia. Una versione censurata è stata presentata il 10 ottobre 2008 sul programma della ABC 20/20 alla fine dello show. La versione integrale è stata invece mandata in onda da MTV nella stessa serata.[22] Protagonista maschile del video è il modello Brandon Stoughton.

Il video comincia con una scritta d'apertura che richiama il titolo del singolo. Nell'introduzione la cantante si trova in una sauna completamente nuda, coprendosi il corpo con le mani. Queste scene vengono riprese per tutta la durata del video. Britney inizia a cantare in una cucina ultramoderna, dove sta preparando la colazione al suo uomo, vestita solo di una vestaglia, mentre questi si prepara per andare al lavoro. Una volta in ufficio, l'uomo incontra una nuova segretaria, che in realtà è la stessa Spears sotto mentite spoglie: lei inizia a ballargli davanti mentre canta il ritornello. Successivamente si fa seguire presso una fotocopiatrice, dove stampa delle copie delle sue natiche. Sullo sfondo appare un uomo imbarazzato dalla situazione, lo stesso apparso nel video di Toxic nelle scene sull'aereo. La scena passa in un ristorante, in cui la Spears impersona una rossa cameriera che balla attorno al suo uomo assieme ai ballerini, per poi condurlo nelle cucine, in cui lo getta su un bancone. Infine, il ragazzo viene portato a casa sempre dalla Spears, stavolta travestita da chauffeur. Lei inizia a baciarlo, guidando la macchina con un piede, finché non giungono a casa. Si susseguono nel frattempo scene del ragazzo nudo sotto la doccia e la cantante altrettanto svestita seduta estasiata a contemplarlo. Una volta entrati nella camera da letto, la Spears gli mostra di essere le tre donne con cui ha flirtato per tutto il tempo, per poi attaccarlo, prima sotto le spoglie delle sue alter-ego, e infine con la sua vera identità. La Spears gli getta addosso una coperta e disfa il letto. Il video finisce con un primo piano sulla cantante sorridente e l'inquadratura iniziale, in cui viene riproposto il titolo del brano.[23][24] Il 5 agosto 2009 sono state annunciate le nominations agli MTV Video Music Awards 2009, e Britney ne ha ottenute due per il video di Womanizer nelle categorie Video dell'anno e miglior video pop. Il 13 settembre 2009 Beyoncé si è portata a casa il trofeo per il Video dell'anno con Single Ladies (Put a Ring on It), ma Britney ha ottenuto la statuetta per il miglior video pop.[25][26]

Il video ha ottenuto la certificazione Vevo

Cover[modifica | modifica sorgente]

Womanizer è stata reinterpretata da tanti artisti. Una cover del brano è stata fatta anche dalla cantante Britannica Lily Allen la quale ha detto "veramente semplice, amo Britney e amo pure la canzone".[27] Una cover del brano è stata effettuata dalla band pop punk Sunset Takeover. Nel 2012 il cast di Glee ha effettuato una cover.

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Il brano debutta primo alla Billboard Hot 100 dove vi rimane per otto settimane consecutive, diventando la seconda numero uno di Britney Spears dopo ben nove anni: la sua prima numero uno è stata ...Baby One More Time nel 1999. Nella Billboard Hot 100 vi rimane in totale sessantacinque settimane.

Classifiche internazionali[modifica | modifica sorgente]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica sorgente]

Classifica (2008) Posizione
Australia[52] 40
Regno Unito[53] 33
Svezia[54] 35
Stati Uniti[55] 80
Classifica (2009) Posizione
Belgio (Friande)[56] 33
Belgio (Vallonia)[57] 21
Canada[55] 36
Europa[58] 7
Francia[59] 22
Germania[60] 100
Regno Unito[61] 118
Svezia[61] 57
Stati Uniti[55] 39

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Download digitale
  1. Womanizer — 3:43
CD singolo 1 (Australia ed Europa)
  1. Womanizer — 3:43
  2. Womanizer (Strumentale) — 3:43
CD singolo 2 (Australia, Europa e Corea)
  1. Womanizer — 3:43
  2. Womanizer (Kaskade Mix) — 5:31
  3. Womanizer (Junior's Electro Tribal Mix) — 8:47
  4. Womanizer (Strumentale) — 3:43
  5. Womanizer (Video)
EP dei remix (download digitale)
  1. Womanizer (Kaskade Mix) — 5:31
  2. Womanizer (Benny Benassi Extended) — 6:16
  3. Womanizer (Junior's Tribal Electro Mix) — 8:47
  4. Womanizer (Jason Nevins Club) — 7:31
  5. Womanizer (Tonal Extended) — 5:29
EP dei remix (CD singolo)
  1. Womanizer (Junior's Tribal Electro Mix) — 8:47
  2. Womanizer (Kaskade Mix) — 5:31
  3. Womanizer (Digital Dog Club) — 6:26
  4. Womanizer (Digital Dog Dub) — 6:09
  5. Womanizer (Digital Dog radio) — 3:15
  6. Womanizer (Sodaboys remix) — 3:57
  7. Womanizer (Main Version) — 3:43
The Singles Collection Boxset Single
  1. Womanizer — 3:43
  2. Womanizer (Kaskade Mix) — 5:31

Versioni e remix ufficiali[modifica | modifica sorgente]

  • Versione originale — 3:43
  • Versione strumentale — 3:42
  • Benny Benassi Extended Remix — 6:17
  • Jason Nevins Club Remix — 7:32
  • Jason Nevins Instrumental Club Remix — 7:32
  • Jason Nevins Radio Edit — 4:00
  • Junior's Tribal Electro Remix — 8:47
  • Junior Vasquez Superstar Mix — 7:29
  • Kaskade Remix — 5:31
  • Kaskade Radio Edit #2 — 3:13
  • Mike Rizzo Funk Generation Club Mix — 8:39
  • Mike Rizzo Funk Generation Edit — 3:50
  • Mike Rizzo Global Radio Mix &mdash 3:49
  • Tonal Extended Club Remix &mdash 5:30
  • Tonal Radio Mix &mdash 4:13
  • Digital Dog Club Mix &mdash 6:26
  • Digital Dog Dub &mdash 6:09
  • Digital Dog Radio Edit &mdash 3:15
  • Sodaboys Remix &mdash 3:57

Premi[modifica | modifica sorgente]

Anno Tipo di premio Premio Risultato
2008 Virgin Media Music Awards Best Track[62] Nominata
InMusic Awards 2008 Best Music Video[63] Vinto
2009 MTV Video Music Awards Japan Best Female Video[64] Nominata
Best Video of the Year[64] Nominata
MYX Music Awards Favorite International Music Video[65] Nominata
NRJ Music Awards Video dell'anno[66] Vinto
International Dance Music Awards Best Pop Dance Track[67] Nominata
Best Music Video[67] Nominata
MTV Video Music Awards Video of the Year[68] Nominata
Best Pop Video[69] Vinto

Crediti[modifica | modifica sorgente]

Date di pubblicazione[modifica | modifica sorgente]

Paese/Continente Data
Europa 3 ottobre 2008
Nuova Zelanda 6 ottobre 2008
Stati Uniti 7 ottobre 2008
Australia
Regno Unito 2 novembre 2008
Germania 14 novembre 2008
Francia 5 dicembre 2008

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.aria.com.au/pages/httpwww.aria.com.aupageshttpwww.aria.com.aupagesARIACharts-Accreditations-2009Singles.htm
  2. ^ Hitlisten.NU
  3. ^ Womanizer tre dischi di platino.
  4. ^ Gold and Platinum — Singles - 2009 in International Federation of the Phonographic Industry, Ultratop 50, 15 gennaio 2010. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  5. ^ Womanizer disco d'oro in Francia.
  6. ^ Womanizer disco d'oro in Finlandia.
  7. ^ http://www.musicaedischi.it/mdonline/7267.pdf
  8. ^ Hold It Against Me disco d'oro in Nuova Zelanda (01/05/2011).
  9. ^ Womanizer disco d'oro in UK.
  10. ^ http://www.promusicae.org/listastonos/listas/Top%2050%20Canciones%20descargas%20+%20fisico%20w05%20(sin%20cifras).pdf
  11. ^ Sverigetopplistan - VECKANS SINGELLISTA - Vecka 3 giugno 2011, IFPI.
  12. ^ Leah Collins, Britney Spears' New Single Pushed Back in Dose, 22 settembre 2008. URL consultato il 22 settembre 2008.
  13. ^ Jonathan Cohen, Britney Makes December Date For 'Circus' in Billboard, Nielsen Business Media, Inc, 15 settembre 2008. URL consultato il 15 settembre 2008.
  14. ^ Paul Grein, Week Ending April 11, 2010: Bieber Bounces Back in Yahoo! Music, Yahoo!, 11 aprile 2010. URL consultato l'11 aprile 2010.
  15. ^ Dato di vendita riportato nel libriccino della 'The Singles Collection'
  16. ^ Britney Spears' New Single Pushed Back, Dose, 22 settembre 2008. URL consultato il 22 settembre 2008.
  17. ^ http://www.la-deli.com/2008/celebrities/the-wait-is-nearly-over/
  18. ^ Jonathan Cohen, New Britney Spears single hits radio in Billboard, Nielsen Company, 26 settembre 2008. URL consultato il 26 settembre 2008.
  19. ^ Britney Spears Calls New Song 'A Girl Anthem' - Music News, Britney Spears : People.com
  20. ^ Everybody calm down: we've heard the Britney single in full and it is literally quite good
  21. ^ Jocelyn Vena, Britney Spears Reportedly Plays Vampy Waitress In 'Womanizer' Video in MTV, MTV Networks, 25 settembre 2009. URL consultato il 10 gennaio 2010.
  22. ^ Britney Spears' 'Womanizer' Video: Check Out The Uncensored Version! - Music, Celebrity, Artist News | MTV
  23. ^ :: Britney Spears ::
  24. ^ Womanizer | Britney Spears | Music Video | MTV
  25. ^ Beyonce and Lady Gaga Tied With Nine '2009 MTV Video Music Awards Nominations, PR Newswire. URL consultato il 17 settembre 2009.
  26. ^ Mtv Video Music Awards 2009: i vincitori, MusicRoom. URL consultato il 17 settembre 2009.
  27. ^ Fairfax New Zealand Reporter, Copycats better than Britney? in Fairfax New Zealand, Fairfax Media, 30 dicembre 2008. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  28. ^ (EN) Australian Recording Industry Association, Britney Spears - Womanizer - Australian Charts, australian-charts.com, 9 novembre 2008. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  29. ^ (DE) Ö3 Austria Top 40, Britney Spears - Womanizer - Austrian Charts, austriancharts.at, 12 dicembre 2008. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  30. ^ (BE) Ultratop 50, Britney Spears - Womanizer - Belgian Flanders Charts, Hung Medien, 20 dicembre 2008. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  31. ^ (BE) Ultratop 40, Britney Spears - Womanizer - Belgian Wallonia Charts, Hung Medien, 13 dicembre 2008. URL consultato l'11 dicembre 2009.
  32. ^ (EN) Billboard, Canadian Hot 100, acharts.us, 25 ottobre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  33. ^ (EN) Tracklisten, Britney Spears - Womanizer - Danish Charts, danishcharts.com, 7 novembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  34. ^ (EN) Billboard, European Hot 100, Nielsen Media, 20 novembre 2008. URL consultato il 12 dicembre 2009.
  35. ^ (EN) Mitä hittiä, Britney Spears - Womanizer - Finnish Charts, finnishcharts.com, 3 dicembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  36. ^ (EN) Syndicat National de l'Édition Phonographique, France Singles Chart, acharts.us, 13 dicembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  37. ^ (DE) Media Control Charts, Katy Perry stürmt auf Platz zwei der Single-Charts, media-control.de. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  38. ^ (EN) Billboard, Japan Hot 100, acharts.us, 20 dicembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  39. ^ (EN) Irish Recorded Music Association, Ireland Singles Chart, acharts.us, 6 novembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  40. ^ (EN) FIMI, Britney Spears - Womanizer - Italian Charts, italiancharts.com, 30 ottobre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  41. ^ (EN) VG-lista, Norway Singles Chart, acharts.us, 21 ottobre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  42. ^ (EN) Recording Industry Association of New Zealand, New Zealand Top 40, acharts.us, 27 ottobre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  43. ^ (EN) MegaCharts, Britney Spears - Womanizer - Dutch Charts, dutchcharts.nl, 13 dicembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  44. ^ (EN) The Official Charts Company, Britney Spears - Womanizer - UK Singles Chart, Chart Stats, 13 dicembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  45. ^ Čns Ifpi
  46. ^ (RU) Russian Airplay Chart, Russian Airplay tracking for Britney Spears - Womanizer, tophit.ru. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  47. ^ Sns Ifpi
  48. ^ (EN) Productores de Música de España, Britney Spears - Womanizer - Spanish Charts, spanishcharts.com, 1 febbraio 2009. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  49. ^ (EN) Sverigetopplistan, Britney Spears - Womanizer - Swedish Charts, swedishcharts.com, 16 ottobre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  50. ^ (CH) Swiss Music Charts, Britney Spears - Womanizer - Swiss Charts, hitparade.ch, 30 novembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  51. ^ (EN) Billboard, Spears scores Record-Setting Hot 100 Jump, 15 novembre 2008. URL consultato il 10 dicembre 2009.
  52. ^ ARIA Top 100 Singles 2008
  53. ^ http://www.ukchartsplus.co.uk/ChartsPlusYE2008.pdf
  54. ^ www.sverigetopplistan.se - Årslista Singlar - År 2008
  55. ^ a b c http://www.billboard.com/#/charts-year-end/hot-100-songs?year=2009&begin=31&order=position
  56. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  57. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  58. ^ http://www.billboard.com/#/charts-year-end/european-hot-100-singles?year=2009
  59. ^ http://proxy.siteo.com.s3.amazonaws.com/disqueenfrance.siteo.com/file/dossierdepresseecomidem2010.pdf
  60. ^ VIVA.tv
  61. ^ a b http://www.ukchartsplus.co.uk/UKChartsPlusYE2009.pdf
  62. ^ Best Album – Lady GaGa: The Fame - Virgin Media Music Awards 2009: The winners - Music - Virgin Media
  63. ^ Music | News & Reviews - Rock, Country, Rap Music Videos - The Loop
  64. ^ a b [1]
  65. ^ MYX Music Awards 2009 nominees
  66. ^ NRJ Music Awards, NRJ Music Awards. URL consultato il 22 marzo 2009.
  67. ^ a b 2009 International Dance Music Awards at Winter Music Conference - Winners and Nominees - 24th Annual Winter Music Conference IDMAs
  68. ^ MTV Video Music Awards | 2009 | Highlights, Winners, Performers and Photos from the 2009 MTV Video Music Awards | MTV.com
  69. ^ MTV Video Music Awards | 2009 | Highlights, Winners, Performers and Photos from the 2009 MTV Video Music Awards | MTV.com
Predecessore Primo posto nella Billboard Hot 100 Stati Uniti Successore G-clef.svg
Live Your Life
T.I. feat. Rihanna
25 ottobre 2008 Whatever You Like
T.I.