Wolfgang Sartorius von Waltershausen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Waltershausen in un disegno di August Kestner (Roma, 22 maggio 1843)

Wolfgang Sartorius von Waltershausen (Gottinga, 17 dicembre 1809Gottinga, 16 ottobre 1876) è stato un geologo e astronomo tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò scienze naturali e fisica all'università di Gottinga, specializzandosi in mineralogia.

Frontespizio del Der Ätna
Il Ghiacciaio Waltershausen in Groenlandia

Nel 1834 eseguì una serie di studi sul magnetismo in diverse parti del continente europeo.

Nel 1838, accompagnato da Christian Henry Frederick Peters, arrivò in Sicilia, dove rimase fino al 1843. Di questo periodo sono alcune opere importanti, quali: la meridiana della cattedrale di Acireale (1843), lo gnomone dodecaedrico nel giardino Bellini a Catania ed una meridiana nella chiesa del Monastero di San Nicolò l'Arena (1841), sempre a Catania. Inoltre, eseguì numerosi studi e cartografie sulle lave formatesi nei secoli.

Tornò in Germania, spostando la sua analisi sullo studio dei vulcani islandesi. Ebbe conferito l'incarico di professore di mineralogia e geologia presso l'Università di Gottinga (1846).

Alcune importanti pubblicazioni del periodo: Physisch-geographische Skizze von Island mit besonderer Rücksicht auf vulkanische Erscheinungen (1847), Die vulkanischen Gesteine in Sizilien und Island und ihre submarine Umbildung (1853) e Geologischer Atlas von Island (1853). Seguiranno una serie studi scientifici sul clima del XIX secolo.

I crateri della eruzione del 1865 dell'Etna verranno dedicati a lui e battezzati per l'appunto Monti Sartorius.

Nel 1845 per descrivere la massa di fondo scura dei tufi di Palagonia (Sicilia), coniò il termine Palagonit-tuff (in italiano, "palagonite").

In seguito, rinvenne la palagonite anche nei tufi islandesi. Scrisse Physisch-geographische Skizze von Island (1847) e Geologischer Atlas von Island (1853).

Morì nella città natale il 16 ottobre del 1876.

Lo studio sulle lave e cavità dell'Etna Der Ätna, sarà pubblicato postumo (1880).

Il grande ghiacciaio Waltershausen che si trova nel Parco nazionale della Groenlandia nordorientale è stato così nominato in suo onore.

Gauss zum Gedächtnis (Memoria di Gauss)[modifica | modifica sorgente]

Waltershausen fu anche l'autore di Gauss zum Gedächtnis edito nel 1862. Si tratta della biografia di Gauss pubblicata sette anni dopo la sua morte. Nel libro viene citata la famosa frase di Gauss: "La matematica è la regina delle scienze".

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 62309894 LCCN: n/89/624049