Wolf 424

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wolf 424
Immagine del sistema binario Wolf 424A/BImmagine del sistema binario Wolf 424A/B
Classificazione Nana rossa
Classe spettrale M4 V / M7
Distanza dal Sole 14,3 anni luce
Costellazione Vergine
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 12h 30m 17,2s
Declinazione 9° 1′ 15″
Dati fisici
Diametro medio 194 600 km
Raggio medio 0,16 / 0,14 R
Massa
0,13 M
Luminosità
0,00014 L
Indice di colore (B-V) 1,84
Dati osservativi
Magnitudine app. 13,18
Magnitudine ass. 14,28
Parallasse 227,90
Velocità radiale -5 km/s
Nomenclature alternative
* GJ 473 AB
  • LHS 333
  • G 60-14

Wolf 424 è un sistema binario che comprende due nane rosse situate ad una distanza di circa 14,2 anni luce, nella costellazione della Vergine, tra le stelle Vindemiatrix e Auva.

Il sistema 424 ha un raggio orbitale medio di 4,1 UA e la sua eccentricità è di 0,28. La stella ha un periodo orbitale di 16,2 anni ed una magnitudine apparente di 12,5.

Wolf 424A è una fredda stella nana rossa con una massa solare approssimativa di 0,13 ed un raggio di circa 0,16 quello del Sole. Non è osservabile ad occhio nudo così come la sua compagna, Wolf424B, che è leggermente più piccola e ha un raggio 0,14 volte quello solare[1][2].

Il sistema binario fu scoperto da Max Wolf, pioniere dell'astrofotografia, che scoprì centinaia di stelle variabili.

Wolf 424B è una stella variabile a brillamento molto attiva e viene designata anche con il nome FL Virginis.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Wolf 412 è stata identificata come "IUMMA", stella natale di un'ipotetica razza aliena che potrebbe aver iniziato a visitare la Terra negi anni sessanta, gli ummiti, e il loro ipotetico Pianeta (Ummo) potrebbe orbitare attorno alla stella binaria. Per il momento non sono stati scoperti esopianeti su Wolf 424.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catalogue of Stellar Diameters (CADARS) (Pasinetti-Fracassini+ 2001) GLIESE 473A
  2. ^ Catalogue of Stellar Diameters (CADARS) (Pasinetti-Fracassini+ 2001) GLIESE 473B

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • W. D. Heintz, "Astrometric study of 4 binary stars", 1972, Astronomical Journal, 77, 160.
  • G. Torres, T. J. Henry, O. G. Franz, L. H. Wasserman, "The nearby low-mass visual binary Wolf 424", Astronomical Journal, 117, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni