Wipptal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Wipptal (valle))
Wipptal
Alta Valle Isarco
Vista di Vipiteno e della valle
Vista di Vipiteno e della valle
Stati Italia Italia
Austria Austria
Regioni Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Tirolo Tirolo
Province Bolzano Bolzano
Distretto di Innsbruck-Land
Nome abitanti Wipptaler / della Wipptal

Wipptal è detta una regione geografica italo-austriaca che va da Innsbruck a Fortezza. Alta Valle Isarco è il nome italiano della valle che scende in direzione sud dal passo del Brennero.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Il nome significa "valle di Vipiteno", ed è attestato come vallis Vipitina nel 980, come Wibital, Wipetwald nel 1170 e come Wiptal nel 1200. Nel 1400 tale appellativo si estese alla valle della Silla, affluente destro dell'Inn, a nord del Brennero, e nel 1416 il giudizio omonimo fece parte della circoscrizione dell'Inntal.[1] Solo il confine istituito nel 1919 divise l'unità geografica della valle, tant'è che spesso si usa oggi Silltal per la parte austriaca e Oberes Eisacktal, cioè Alta Valle dell'Isarco per quella italiana.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

A cavallo dello spartiacque che segna il confine tra Italia e Austria, il versante settentrionale segue, come valle principale, il corso della Sill fino a Innsbruck, mentre quello italiano va dal passo del Brennero fino a Fortezza, venendo quindi a coprire l'alto corso del torrente Isarco e le valli ad esso confluenti.

Le vallate occidentali confluiscono nelle Alpi dello Stubai mentre quelle orientali nelle Alpi della Zillertal.

Pur appartenendo, dal 1918, a due stati diversi, gli abitanti delle due vallate hanno caratteristiche culturali e linguistiche comuni, anche per il fatto che il Brennero non ha mai formato un ostacolo insidioso nelle vie di comunicazione.

Comprensorio[modifica | modifica sorgente]

Wipptal
comunità comprensoriale
(DE) Wipptal
(LLD) Auta Val dl Isarch
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Capoluogo Vipiteno
Presidente Leopold Siller
Territorio
Coordinate
del capoluogo
46°52′N 11°25′E / 46.866667°N 11.416667°E46.866667; 11.416667 (Wipptal)Coordinate: 46°52′N 11°25′E / 46.866667°N 11.416667°E46.866667; 11.416667 (Wipptal)
Altitudine 723-3.509 m s.l.m.
Superficie 650 km²
Abitanti 18 430 (2005)
Densità 28,35 ab./km²
Comuni 6
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti (DE) Wipptaler
Cartografia

Wipptal – Localizzazione

Wipptal – Mappa
Sito istituzionale

Con il termine Wipptal si indica, sul territorio italiano, anche la comunità comprensoriale della Provincia autonoma di Bolzano (in ladino Auta Val dl Isarch e ora in disuso in italiano come Alta Valle Isarco), formato da 6 comuni nell'alta valle dell'Isarco (Eisack). Si formò nel 1980 con la separazione dalla comunità della Valle Isarco.

È il più piccolo dei comprensori altoatesini e prende nome dalla valle omonima, alla quale appartiene culturalmente. Il suo capoluogo e centro più importante è Vipiteno (Sterzing), che si trova al centro del comprensorio.

Gli abitanti sono per l'85% di madre lingua tedesca. La componente italiana è molto forte nei comuni di Fortezza, Vipiteno e Brennero.

Comuni[modifica | modifica sorgente]

I comuni che vi aderiscono sono:

  1. Brennero - Brenner
  2. Campo di Trens - Freienfeld
  3. Fortezza - Franzensfeste
  4. Racines - Ratschings
  5. Val di Vizze - Pfitsch
  6. Vipiteno - Sterzing

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 2, Bolzano, Athesia, 1995, p. 375. ISBN 88-7014-827-0

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Raimund von Klebelsberg, Südtiroler geomorphologische Studien - das obere Eisacktal (Schlern-Schriften, 113), Innsbruck, Wagner, 1953
  • (DE) Hugo Penz, Das Wipptal - Bevölkerung, Siedlung und Wirtschaft der Paßlandschaft am Brenner (Tiroler Wirtschaftsstudien, 27), Innsbruck, Wagner, 1972.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige