Santa Winifred

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Winfreda del Galles)
Santa Winifred
Santa Winifred
Santa Winifred

Vergine, Martire e Badessa

Nascita VII secolo
Morte 660
Venerata da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Santuario principale Abbazia di Shrewsbury
Ricorrenza 3 novembre
Attributi Palma
Patrona di Shrewsbury

Winifred, o Vinfreda del Galles, in lingua originaria Gwenfrewi o Winifrid (Clwyd, VII secoloGwytherin, 660), è stata una badessa gallese.

È la santa gallese più venerata, anche al di fuori del Galles.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le notizie che abbiamo su di lei risalgono a due Vite scritte diversi secoli dopo la sua morte, la prima scritta da un monaco di Basingwerk è in latino, la seconda, più tardiva, è di Roberto di Shrewsbury, per cui molti episodi della sua vita sono avvolti nella leggenda.

Winifred era figlia di Tyfid ap Eiludd, ricco soldato e proprietario terriero di Tegeingl,[1]. La madre, Wenlo, era sorella si San Beuno e lontamente imparentata con i re del Galles del sud.[2]

Di lei si era innamorato il giovane guerriero Caradog di Hawarden, il quale ricevette da lei ripetuti rifiuti. Un giorno, esasperato, Caradog tentò di farle violenza, costringendo Winifreda a fuggire; lui la inseguì fino alla cappella fatta costruire da San Bueno e le tagliò la testa. Dal terreno dove era caduta la testa di Gwenfrewi sgorgò subito una sorgente. Sopraggiunse San Beuno che invocò il castigo di Dio su Caradog, il quale cadde al suolo morto. Secondo una credenza popolare il terreno si aprì per inghiottire Caradog. Poi San Bueno prese la testa recisa, la posò sul collo e Winifreda miracolosamente resuscitò.

Dopo questo evento, Winifred entrò in un monastero a Gwytherin, nel Denbighshire, dove restò per altri quindici anni, fino alla morte, divenendone la badessa.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sua morte, avvenuta nel 660, Winifred venne sepolta nella sua abbazia. Nel 1138, le sue reliquie furono trasportate con grande solennità nell'abbazia di Shrewsbury.[3] Il suo santuario divenne una delle principali mete di pellegrinaggio nel Tardo Medioevo fino alla sua distruzione avvenuta nel 1540 su ordine di Enrico VIII in 1540.

La sorgente di Santa Winifred, Holywell

Winifred è stata venerata come santa fin dal momento della sua morte. Il suo culto è legato principalmente alla sua sorgente miracolosa di Sychant, che viene chiamata ancora oggi dagli inglesi Holy Well (sorgente santa) e dai gallesi Treffynnon. Dopo il bagno in essa, dal VII secolo fino ai nostri giorni, si sono verificate molte guarigioni miracolose, ed è il luogo più frequentato dai pellegrini nel Galles, oggi il luogo è chiamato Fonte di Santa Winifred (St Winifred's Well) e si trova nella cittadina gallese di Holywell, che è considerata la Lourdes del Galles.

Martirologio romano[modifica | modifica wikitesto]

Nell'edizione 2004 del Martirologio romano, Santa Winifred è riportata in data 2 novembre con il nome latino Winefrídae. Di lei il martirologio dice: "Presso la fonte in località Holywell in Galles, santa Winifred, vergine, venerata come illustre monaca".[4]

Nel corrente calendario liturgico Cattolico romano in uso nel Galles,[5] la santa è commemorata il 3 novembre visto che il 2 novembre è designato come il giorno dei defunti.

Il martirio della santa viene invece ricordato il 22 giugno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "St. Winifred", The Cistercian Way
  2. ^ Chandlery, Peter. "St. Winefride." The Catholic Encyclopedia. Vol. 15. New York: Robert Appleton Company, 1912. 14 May 2013
  3. ^ Cormack, Margaret, Saints and their cults in the Atlantic world, Columbia, S.C, University of South Carolina Press, 2007, pp. 204–206, ISBN 1-57003-630-6.
  4. ^ Martyrologium Romanum, 2004, Vatican Press (Typis Vaticanis), page 603.
  5. ^ National Calendar for Wales, accessed 6 February 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]