Windtalkers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Windtalkers
Windtalkers.jpg
Titolo originale Windtalkers
Paese di produzione USA
Anno 2002
Durata 133 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere guerra, azione, drammatico
Regia John Woo
Sceneggiatura Joe Batteer, John Rice
Casa di produzione Saturn Films
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Jeffrey L. Kimball
Montaggio Steven Kemper
Effetti speciali Phil Cory, John McLeod
Musiche James Horner
Scenografia Holger Gross
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Windtalkers è un film del 2002 diretto da John Woo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1944. In piena seconda guerra mondiale, il Corpo dei Marines degli Stati Uniti decide di usare il linguaggio degli indiani Navajo per codificare i messaggi segreti così da impedirne la decodifica da parte dei giapponesi (i cosiddetti Code talker). L'esercito giapponese a sua volta decide di catturare dei marines Navajo per usarli come traduttori delle trasmissioni nemiche. Gli americani, venuti a conoscenza del fatto, assegnano ai Navajo dei marines come guardie del corpo, con l'ordine di ucciderli in caso di pericolo. Il film narra le vicende del sergente Joe Enders, sorta di eroe maledetto e tutto d'un pezzo, che dopo aver casualmente causato la morte di quattro marines ed essere sopravvissuto per un pelo, passa la convalescenza pensando solo a ritornare in azione, per vendicarli. Accompagnato dal plotone guidato dal capitano Hjelmstad (che prende parte ai violenti scontri), farà la conoscenza del sergente Ox Henderson, incaricato di proteggere il soldato marconista Navajo Charlie Withehorse. Joe, durante i confilitti, sarà l'angelo custode del marine Navajo Ben Yazzie, inviato a Saipan, isola teatro della tragica battaglia del giugno 1944 e dovrà mettercela tutta per non far cadere il suo amico nelle mani dell'esercito nipponico evitando però la soluzione estrema.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

L'accoglienza del film da parte del pubblico fu abbastanza fredda. Gli incassi totali, infatti, si aggiravano sui 70 milioni di dollari a fronte dei circa 100 milioni del costo di realizzazione con una consistente perdita finanziaria. La maggior parte dei critici trovò il vero punto debole del film nella figura del protagonista Joe Enders forse davvero troppo surreale in alcune scene. Molto bello e profondo, invece, è stato ritenuto il suo particolare e originale rapporto di amicizia con il marconista Ben Yazzie. Furono anche notati alcuni errori storici, soprattutto riguardanti la ricostruzione della battaglia di Saipan e la decisione di ricostruirla nell'isola di Oahu, Hawaii.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema