Winchester Cathedral (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Winchester Cathedral
FontanaRecord45Small.jpg
Copertina dell'edizione statunitense di "Winchester Cathedral"
Artista The New Vaudeville Band, John Carter
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1966
Durata 2:20
Genere Pop
Etichetta Fontana Records
Produttore Geoff Stephens

"Winchester Cathedral" è un singolo realizzato nel tardo 1966 e pubblicato dalla Fontana Records. Esso raggiunse il n. 1 in Canada nella classifica RPM 100 della rivista RPM[1] e di lì a poco il Billboard Hot 100 negli Stati Uniti. Era stato inciso dalla The New Vaudeville Band, un nuovo gruppo musicale messo insieme dal compositore britannico di canzoni Geoff Stephens. Stephens era un appassionato di music hall britannico (ciò che gli statunitensi chiamano "Vaudeville"), e così compose "Winchester Cathedral". La canzone venne registrata utilizzando un Rudy Vallée (sorta di megafono che trasforma la voce umana in maniera a simile a quanto fa la sordina con le trombe) e John Carter cantò con questo apparecchio imitando il suono di un megafono. Poiché venne registrata da un gruppo di session-man, quando la canzone divenne un successo internazionale, si dovette creare, in tutta fretta, un gruppo musicale che fece una lunga tournée sotto la guida di Peter Grant, che successivamente diresse i The Yardbirds ed i Led Zeppelin.

La canzone balzò al n. 4 nella UK Singles Chart. Giunse al n. 1 negli USA sopravanzando "You Keep Me Hangin' On" dei the Supremes il 3 dicembre 1966. Dopo una settimana al n. 1 "Winchester Cathedral" venne superata dai Beach Boys con "Good Vibrations", ma ritornò subito in testa e vi rimase per altre due settimane venendo poi scalzata da "I'm a Believer" dei The Monkees.

"Winchester Cathedral" andò al primo posto della Billboard "Easy Listening" e vi rimase per quattro settimane ed all'ottavo posto in Austria[2]. Una cover di Dana Rollin con i The New Happiness non andò oltre il n. 70.

La canzone vinse il Grammy Award per la migliore canzone contemporanea[3], nonostante non fosse un rock and roll. Un LP, che comprendeva la canzone, venne pubblicato dalla Fontana Records, nel tardo 1966, anch'esso intitolato Winchester Cathedral.

Cover[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Item Display - RPM - Library and Archives Canada, Collectionscanada.gc.ca. URL consultato il 28 giugno 2011.
  2. ^ Joel Whitburn, Top Adult Contemporary: 1961-2001, Record Research, 2002, p. 178.
  3. ^ Winchester Cathedral Songfacts