Wilma Massucco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Wilma Massucco (Ovada, 10 agosto 1968) è una regista italiana.

Ha diretto e prodotto LA VITA NON PERDE VALORE, Padre Berton e gli ex bambini soldato della Sierra Leone[1], documentario del 2012 girato in Sierra Leone e incentrato sul recupero individuale, familiare e sociale di ex bambini soldato da parte del missionario saveriano padre Giuseppe Berton (1932 – 2013). Il documentario - girato 10 anni dopo la fine della guerra civile che ha devastato la Sierra Leone - è stato accreditato come selezione ufficiale di Sciacca Film Festival 2012 e di Lampedusa in Festival 2012, ed è stato anche analizzato in una tesi di laurea in Teorie del conflitto e della mediazione, Università di Firenze[2].

Nel 2013 pubblica il documentario A MO(n)DO NOSTRO, La Forza delle Donne quando Amano, di cui è regista e produttore[3] Il documentario, che approfondisce il tema delle relazioni di coppia da un punto di vista esclusivamente femminile, ha ricevuto uno Special Mention Award al Mumbai Women’s International Film Festival 2013 (Bombay, India) e si e' accreditato come selezione ufficiale di Sciacca Film Festival 2013 (Sciacca, Ag, Italia) e di Skyline Indie Film Fest 2013 (Winchester, Virginia, USA).

Nel 2013 pubblica il cortometraggio GIORNI DI MIRACOLI E DI MERAVIGLIE, focus sul Documentario girato dal dietro le quinte del Biografilm Festival 2013, con testimonianze (italiane e straniere) di registi, attori, giornalisti, gente qualunque. Offre un approfondimento sulle motivazioni del documentarista, sul ruolo del documentario nel promuovere un cambiamento individuale, sociale e culturale e sulle difficoltà che un tale strumento di comunicazione ancora incontra al giorno d’oggi, in Italia soprattutto. Offre anche una via d’uscita, proposte operative per “rompere il muro”[4]

Nel 2013 pubblica anche il cortometraggio UNA FONDERIA DA SOGNO, documentario breve girato in una fonderia di Nonantola (MO): storia di successo di imprenditoriale di Graziella Alboresi, un'estetista quarantacinquenne che si trova improvvisamente a dover gestire un mondo di maschi; vademecum su come costruire leadership partendo “dal basso”[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Vita Non Perde Valore, Bluindaco Productions ©2012
  2. ^ Child soldiers in the Globalized North? Organized crime and youth in Naples, tesi di laurea di Alma Rondanini, relatore Prof. Giovanni Scotto
  3. ^ A mo(n)do nostro, Bluindaco Productions©2013, Intervista alla regista
  4. ^ Giorni di miracoli e di meraviglie, Bluindaco Productions©2013
  5. ^ Una Fonderia da Sogno, Bluindaco Productions©2013

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Un film sui cinque colori dell'amore La regista Wilma Massucco: La forza è la vera protagonista - La Provincia pavese, 5 marzo 2014
Wilma Massucco a Tv2000 con il documentario La Vita Non Perde Valore, TV2000, Nelle periferie del Mondo, 25 novembre 2013
Capitano d’azienda in rosa, su di lei un documentario, Gazzetta di Modena, 25/9/2013
Così mi ha stregato la macchina da presa, Gazzetta di Modena 25/9/2013
Lavoro fenomeni, Glamour N. 247/2012
La vita non perde valore, intervista alla regista, Nostro Tempo N. 39/2012
Scheda di Wilma Massucco su Cinema Italiano