William Pitt Amherst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
William Pitt Amherst

William Pitt Amherst, I conte di Amherst, detto Amherst di Arakan (Bath, 14 gennaio 1773Knole, 13 marzo 1857), è stato un diplomatico e politico britannico. Governatore generale dell'India dal 1823 al 1828, svolse un ruolo fondamentale per l'acquisizione dei distretti di Arakan e Tenasserim da parte dell'Impero britannico al tempo della prima guerra anglo-birmana (1824-1826).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1797 ereditò il titolo baronale ("Barone di Amherst") dallo zio Jeffrey Amherst, noto generale. In diplomazia, dopo aver prestato servizio dal 1809 al 1811 come ministro britannico presso la corte di Ferdinando di Borbone (IV re di Napoli e III re di Sicilia) a Palermo, successore del Drummond, nel 1816 fu inviato in Cina per negoziare alcune questioni commerciali; tuttavia la sua missione fallì in quanto Amherst rifiutò di eseguire il kowtow, l'omaggio prescritto presso la corte imperiale, consistente nel piegarsi, fino a toccare la terra con la fronte, per nove volte.

Di ritorno dalla missione in Cina visitò Napoleone a Sant'Elena. Quindi fu Governatore Generale dell'India. In tale veste dovette affrontato la richiesta, fatta dal sovrano di Bengala, a cedere tutto il Bengala orientale; il rifiuto inglese fu causa della Prima guerra anglo-birmana che Amherst portò a termine nel 1826 con l'annessione delle strisce di giungla costiera di Arakan e Tenasserim (entrambe nell'odierna Myanmar) e dell'Assam.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Fu creato conte nel 1826. Il suo cognome venne dato a una città birmana (ribattezzata poi Kyaikkami), a un genere di Leguminosa originaria della Birmania ("Amherstia") e a un uccello ("Chrysolophus amherstiae"); gli ultimi due dedicati formalmente alla moglie Sarah.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Henry Ellis, Viaggio di lord Amherst alla China o Giornale dell'ultima ambasciata inglese alla corte di Pekin: che contiene le particolarità delle trattative ch'ebbero luogo in quell'occasione; la relazione del tragitto alla China e ritorno in Europa, e quella infine del viaggio per terra dell'ambasciata, dall'imboccatura del Pei-ho fino a Canton; misto d'osservazioni su l'aspetto del paese, sulla politica, sul carattere morale, e sui costumi della nazione cinese; corredata di una carta geografica, di un ritratto e di rami colorati. Voll. I-III, Milano: dalla tipografia di Giambattista Sonzogno, 1819
  • A. Thackeray and R. Evans, «Lord Amherst». In: Rulers of India, 1894

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 57548378 LCCN: n/85/185987

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie