William Moulton Marston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

William Moulton Marston (Cliftondale, 9 maggio 1893Rye, 2 maggio 1947) è stato uno psicologo, inventore e fumettista statunitense, noto per essere il creatore del personaggio di Wonder Woman.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Vita e carriera[modifica | modifica sorgente]

Marston si laureò in Legge nel 1918 e nel 1921 completò un Dottorato in Psicologia all'Università di Harvard. Al termine dei suoi studi iniziò ad indagare i concetti di volontà e potere e i loro effetti sulla personalità e il comportamento umano. Studiò pure la coscienza, i colori, le emozioni primarie e i sintomi corporali. Le sue scoperte contribuirono considerevolmente al campo della psicologia.

Dopo aver insegnato all'Università di Washington DC e all'Università di Tuffs a Medford Massachussets, nel 1929 Marston lavorò agli Universal Studios in Caifornia come Direttore dei Servizi Pubblici.

William M. Marston morì di cancro il 2 maggio 1947 a Rey, New York.

Il Lavoro di Marston[modifica | modifica sorgente]

[modifica | modifica sorgente]

Marston è accreditato come il creatore del primo strumento funzionale per individuare le menzogne, meglio conosciuta come macchina della verità. La sua invenzione, che fu la base del poligrafo moderno, si basava sull'adattamento di strumenti per la misurazione della pressione sanguigna. Marston difese a lungo la sua macchina e ne propose l'utilizzo nei tribunali. Nel 1938 pubblicò The Lie Detector Test, un libro in cui descrive l'utilizzo del dispositivo e la sua spiegazione teorica.

Dai suoi studi di psicologia Marston formulò la convinzione che le donne fossero più oneste e affidabili degli uomini e che potessero lavorare più velocemente e con maggiore precisione. Marston sosteneva inoltre che c'è una nozione maschile di libertà che è intrinsecamente anarchica e violenta, e una nozione opposta femminile basata sulla "attrazione amorosa" che porta a uno stato ideale di sottomissione verso l'autorità amata.

Marston era interessato a osservare e a studiare cosa differenzia i comportamenti nella vita quotidiana, nelle interazioni tra le persone e nei diversi contesti o ambienti. Il suo approccio era del tutto diverso rispetto a quello degli psicologi suoi contemporanei, come Jung, i quali erano focalizzati sulgi aspetti "patologici" dei comportamenti.

Nel 1928 pubblicò Emotions of Normal People, nel quale elaborò la teoria DISC, secondo la quale le risposte delle persone in una particolare situazione dipendono dalla combinazione di due tipi di percezione: la percezione dell'ambiente e la percezione del Sé. Tale teoria mise in evidenza che le persone efficaci e produttive si comportano in maniera compatibile cone le richieste e le aspettative dell'ambiente. Il modello comportamentale DISC formulato da Marston fu poi trasformato da John Geier in uno strumento applicativo in grado di fornire una misurazione.

Dal 2006 è entrato a far parte della Comic Book Hall of Fame dell'Eisner Award.

Controllo di autorità VIAF: 10017782 LCCN: n80005665