William Langewiesche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

William Langewiesche (12 giugno 1955) è un giornalista e saggista statunitense.

Laureatosi in antropologia nel 1977 alla Università di Stanford, inizialmente intraprese la carriera di pilota di aeromobili, grazie anche all'aiuto del padre che svolgeva anch'esso tale professione. All'età di 36 anni, abbandonò l'attività di pilota per dedicarsi alla scrittura[1], collaborando alla rivista The Atlantic Monthly. I suoi reportage sono riconducibili al genere del giornalismo d'inchiesta, riguardanti tematiche come il confine fra Messico e Stati Uniti, Ground Zero e gli eccessi dei soldati di stanza in Iraq.

Attualmente lavora come corrispondente per Vanity Fair.

Opere pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lettre Ulysses Award. URL consultato il 10 giugno 2009.

Controllo di autorità VIAF: 2730822 LCCN: n93054207

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie