William Cunningham (economista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

William Cunningham (Edimburgo, 29 dicembre 1849Cambridge, 10 giugno 1919) è stato un economista inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Frequentò l'Accademia di Edimburgo e il Trinity College di Cambridge, si laureò con un BA nel 1873. Nello stesso anno prese gli ordini sacri per poi servire come cappellano del Trinity College tra il 1880 e il 1891. Fu lettore universitario di storia tra il 1884 e il 1891, anno in cui fu nominato professore di economia e statistica presso il King's College London, carica che ricoprì fino al 1897, e lettore di storia economica presso l'Università di Harvard (1899). Divenne vicario della Church of St Mary the Great, a Cambridge, nel 1887, e membro British Academy. Nel 1907 fu nominato arcidiacono di Ely.[1]

Growth of English Industry and Commerce during the Early and Middle Ages (1890; 4th ed., 1905) e Growth of English Industry and Commerce in Modern Times (1882;. 3rd ed, 1903) sono un punto di riferimento nello studio storico dell'indutria inglese.

Difensore della politica imperialista di Joseph Chamberlain, Cunningham criticò fortemente il libero scambio sostenendo politiche protezionistiche. Era un critico anche della nascente economia neoclassica, in particolare per quanto proponeva il suo collega, Alfred Marshall, e in generale la Scuola di Cambridge.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Opere maggiori[modifica | modifica sorgente]

  • Growth of English Industry and Commerce during the Early and Middle Ages (1890; 4th ed., 1905)
  • Growth of English Industry and Commerce in Modern Times (1882;. 3rd ed, 1903)
  • Il progresso del capitalismo in Inghilterra (1916)

Altre[modifica | modifica sorgente]

  • Growth of English Industry and Commerce in Modern Times (1882)
  • The Use and Abuse of Money (1891);
  • Alien Immigration (1897)
  • The Rise and Decline of Free Trade (1905).

Articoli[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Martin J. Daunton, British Academy, The Organisation of Knowledge in Victorian Britain, Oxford University Press, 2005, ISBN 0-19-726326-7.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Hugh Chisholm, Encyclopædia Britannica, XI edizione, Cambridge University Press, 1911.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 18288410 LCCN: nr89015628