William Chalmers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre persone con lo stesso nome, vedi William Chalmers (disambigua).
William Chalmers
William Chalmers, Juventus 1948-1949.jpg
Chalmers alla guida della Juventus nel 1948-1949
Dati biografici
Nazionalità Scozia Scozia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Carriera
Squadre di club1
1922-1924 QPR QPR 68 (18)
1924-1928 Rangers Rangers 26 (7)
1928-1931 Newcastle Newcastle 42 (13)
1931-1932 Grimsby Town Grimsby Town 6 (1)
1932-1936 Bury Bury 98 (23)
1936-1938 Notts County Notts County 65 (17)
1938-1943 Aldershot Aldershot 95 (33)
Carriera da allenatore
1939-1943 Aldershot Aldershot
1943-194? Ebbw Vale Ebbw Vale
1948-1949 Juventus Juventus
1949-1950 Bury Bury
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

William Chalmers (Bellshill, 24 luglio 190716 luglio 1980) è stato un allenatore di calcio e calciatore scozzese.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Nativo di Bellshill, siglò il suo primo contratto con i Queens Park Rangers: in due stagioni mise a segno diciotto reti in 68 gare[1]. Le sue performance vennero notate da Bill Struth, al tempo nello staff dei Rangers di Glasgow, che lo acquistò nel 1924[1]. Debuttò con la squadra scozzese il 18 ottobre 1924 con il Falkirk, gara vinta per 3-1[1], mettendo a segno la sua prima rete quindici giorni dopo nella partita vinta 4-0 contro il Partick Thistle[1]. Rimase con i Rangers per quattro stagioni, mettendo a segno solo sette marcature in 26 presenze: ciò a causa della rottura di una gamba nel 1926, mentre disputava una gara con la squadra riserve[1]. Il 16 marzo 1928 venne acquistato dal Newcastle United per 2.500 sterline, segnando al debutto nella gara del 7 aprile dello stesso anno persa contro il Leicester City per 5-1[1]. Rimase con i Magpies fino al maggio 1931, siglando tredici gol in 42 partite, prima di essere acquistato per 1.000 sterline dal Grimsby Town: l'esperienza non fu però proficua, dato che la squadra retrocedette in Second Division e Chalmers marcò una sola rete in otto gare[1].

Nel giugno del 1932 l'attaccante passò al Bury, militante nella seconda divisione, dove rimase per quattro stagioni segnando 23 reti in 98 gare di campionato[1]. Nel 1936 scese ulteriormente di categoria, unendosi al Notts County in Third Division, dove ritrovò il suo ex compagno di squadra al Newcastle Hughie Gallacher[1]: la formazione sfiorò la promozione e in due stagioni Chalmers siglò diciassette reti in 65 gare[1]. Nell'estate del 1938 passò all'Aldershot Football Club, dove rimase fino al 1943 come giocatore, dove ebbe occasione di giocare con numerosi giocatori internazionali lì stazionanti durante la seconda guerra mondiale[1]: al termine del 1943 si ritirò dal calcio giocato, dopo aver siglato 33 gol in 95 partite[1].

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Chalmers diventò manager dell'Aldershot nel 1939, diventando per un periodo allenatore-giocatore, rimanendo in carica fino al 1943[1] quando si trasferì all'Ebbw Vale[1]. Nella seconda parte della stagione 1947-1948 venne scelto dall'allora presidente della Juventus Giovanni Agnelli come allenatore dei bianconeri in sostituzione di Renato Cesarini[2]: l'accordo prevedeva l'arrivo di Chalmers per l'inizio della stagione, ma l'abbandono anticipato di Cesarini fece sì che lo scozzese fosse la guida della squadra nelle ultime 10 gare del campionato[3].

Nel campionato 1948-1949 guidò dunque la Juventus, ma senza grandi risultati: la squadra infatti concluse il campionato al quarto posto, a sedici punti dal Torino campione. Chalmers venne considerato incompetente ed eccentrico[1]: si racconta che faceva allenare i giocatori anche in treno e nei corridoi degli hotel dove la squadra alloggiava[1]. Al termine della stagione, dopo alcune voci che lo indicarono come probabile nuovo allenatore del Genoa[4], passò ad allenare il Bury, sua ex squadra da calciatore, nel quale rimase per una sola stagione[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q (EN) Bellshill's forgotten soccer hero was Juventus manager, MotherwellTimes.co.uk, 1-8-2007. URL consultato l'11-12-2010.
  2. ^ Lo scozzese Chalmers allenerà la Juventus, La Stampa, 17-2-1948, p. 2. URL consultato l'11-12-2010.
  3. ^ William Chalmers, Myjuve.it. URL consultato l'11-12-2010.
  4. ^ Chalmers al Genoa?, La Stampa, 7-4-1949, p. 1. URL consultato l'11-12-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]