William Barbey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

William Barbey (Genthod, 14 luglio 1842Chambésy, 18 novembre 1914) è stato un ingegnere svizzero, costruttore di ferrovie, botanico e filantropo. Finanziò e costruì la Ferrovia Yverdon–Sainte-Croix.

Elettrotreno RABDe 500 041-9 William Barbey delle FFS.
Elettrotreno Be 2/6 2001 La Thièle della ferrovia Yverdon–Sainte-Croix presso la fermata di Yverdon William Barbey.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

William Barbey nacque il 14 luglio del 1842 a Genthod, da Henri ed Hélène-Marie Iselin . Dopo aver frequentato l'Accademia di Ginevra studiò ingegneria alla Scuola centrale di Parigi. Tra 1862 e 1869 fu a New York impiegato presso una ditta di esportazioni. In seguito al matrimonio con Caroline Boissier si appassionò agli studi di botanica e si dedicò alla raccolta di erbe in Spagna, Palestina, Grecia e Asia minore. Nel 1885 fondò il Bulletin de l'herbier Boissier, che dal 1910 divenne il Bulletin de la Société botanique de Genève. Barbey fu attivo nella Chiesa libera di Chexbres, e sostenne tenacemente l'osservanza del riposo domenicale, promovendo anche iniziative per il fermo delle automobili durante la domenica. Finanziò la costruzione della ferrovia Yverdon-Sainte-Croix alla condizione che i treni circolassero solo nei giorni feriali. Fu nominato cittadino onorario di Valeyres-sous-Rances e di Sainte-Croix. Fu attivissimo nella lotta contro l'alcolismo e nel 1880, a Losanna, aprì un centro per la disintossicazione dall'alcool. Si impegnò anche in politica e nel Consiglio cantonale di Vaud fu deputato liberale dal 1885 al 1909. Morì il 18 novembre 1914 a Chambésy[1].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Müller, William Barbey, Lichenes Palaestinenses: s. enumeratio lichenum a cl. et amic. W. Barbey-Boissier, Palaestina lectorum, 1884..
  • William Barbey, Cousinia layardi Ball et Barbey, Ed. Impr. G. Bridel, 1890.
  • William Barbey, Cypripedium Calceolus × Macranthos, Ed. G. Bridel, 1891.
  • William Barbey, Bryum Haistii Schimper, 1897.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo De Stefani, c.j. Forsyth, William Barbey, Karpatho: etude geologique, paleontologique et botanique, 1894.
  • William Barbey, Edmond Boissier, Charles Immanuel Forsyth Major, Thomas Pichler, Lydie, Lycie, Carie, 1842, 1883, 1889: Études botaniques, 1890.
  • William Barbey, Epilobium genus a cl. Ch. Cuisin illustratum, Ed. G. Bridel, 1885.
  • Emile Burnat William Barbey, Notes sur un voyage botanique: dans les iles Baléares et dans la province de Valence (Espagne) mai-juin 1881, Ed. H. Georg, 1882.
  • Caroline Barbey-Boissier William Barbey, Herborisations au Levant : Ègypte, Syrie et Méditerranée, 1882.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Membro della Società Vaudese di Scienze naturali[2]

Zoologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Delphynium barbeyi Hunth Hunth[3]

Botanica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario storico della Svizzera
  2. ^ Digital Library of the Real Jardín Botánico of Madrid
  3. ^ Carolyn Dodson, William W. Dunmire, Mountain Wildflowers of the Southern Rockies: Revealing Their Natural History, 2007.ISBN 0-8263-4244-2
  4. ^ in Denkschr. Akad. Wiss. Wien, Math.-Nat. cv. 1. 406 (1943). (IK)
  5. ^ Fl. URSS xxviii. 426 (1963). (IK)
  6. ^ J. Bot. 28: 271. 1890 (IK)
  7. ^ Atti Congr. Bot. Genova (1893) 341; W. Wats. in Gard. Chron. (1893) i. 624. (IK)
  8. ^ in Atti Accad. Torino, xxii. (1887) 610 t. 8. (IK)
  9. ^ Bull. Soc. Bot. Genève ser. 2, 9: 100. 1917 (GCI)
  10. ^ Monogr. Orchid. 453. 1908 [30 de octubre 1908] (IK)
  11. ^ Bull. Herb. Boissier v. 760. (IK)
  12. ^ Bull. Herb. Boissier 1: 335, pl. 17. 1893 (GCI)
  13. ^ in Gremli, Excurs. Schw. ed. 4 150. (IK)
  14. ^ Bull. Soc. Bot. Genève 1915, Ser. II. vii. 150. (IK)
  15. ^ J. Linn. Soc., Bot. xxiv. 1888 436. (IK)