Willa Cather

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Willa Cather fotografata da Carl Van Vechten.

Willa Sibert Cather (Winchester, 7 dicembre 1873New York, 24 aprile 1947) è stata una scrittrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque in Virginia, ma presto si trasferì con la famiglia a Red Cloud, in Nebraska.

Dopo l'Università, insegnò alla scuola superiore di Pittsburgh e scrisse per un giornale locale, facendo pratica di critica teatrale.

Dal 1906 lavorò per il McClure's Magazine a New York dove visse sei anni, per poi dedicarsi totalmente alla scrittura; nel 1923 il romanzo One of Ours le valse il premio Pulitzer.

Si trasferì in Europa e soggiornò a lungo in Francia, presso Avignone.

Tre sono i gruppi creativi che contraddistinsero la Cather: il primo consistette soprattutto di romanzi, come ad esempio O Pioneers, dedicati all'esistenza impegnativa e semplice dei contadini svedesi, polacchi e boemi emigrati negli Stati Uniti e residenti nelle praterie del West; il secondo comprese storie e romanzi brevi, quali Youth and the Bright Medusa, nei quali apparve più evidente la derivazione delle grandi scuole letterarie francesi, inglesi e russe; il terzo raggruppamento subì l'influenza della cultura francese, basti pensare a Shadows on the Rock.[1]

La Cather fu fondamentalmente una scrittrice legata alla tradizione e quindi i suoi testi apparvero già "classici" presso i suoi contemporanei, e si caratterizzarono per lo stile grave, ma tranquillo e per il richiamo nostalgico di un tempo "virgiliano".

La salma di Villa Cather venne inumata a Jaffrey (New Hampshire), cittadina che ella aveva visitato la prima volta con Isabella McClung. Sulla lapide sta scritto:

(EN)
« THE TRUTH AND CHARITY OF HER GREAT

SPIRIT WILL LIVE ON IN THE WORK
WHICH IS HER ENDURING GIFT TO HER
COUNTRY AND ALL ITS PEOPLE.
"...that is happiness; to be dissolved
into something complete and great."
From My Antonia »

(IT)
« WILLA CATHER
Dicembre 7, 1873 – Aprile 24, 1947
LA VERITÀ E CARITÀ DEL SUO GRANDE
SPIRITO VIVRANNO NELLE OPERE
CHE SONO IL SUO DURATURO DONO AL SUO
PAESE ED A TUTTO IL SUO POPOLO
…che è felicità; da dissolversi
in qualcosa di completo e grande
Dalla "Mia Antonia" »

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le muse, De Agostini, Novara, 1965, Vol. III, pag.161

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Racconti[modifica | modifica sorgente]

  • The Troll Garden 1905
  • Youth and the Bright Medusa 1920
  • Obscure Destinies 1932

Versi[modifica | modifica sorgente]

  • April Twilights 1903

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2480701 LCCN: n80015717