Whale watching

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Turisti praticano l'osservazione delle balene.

Il whale watching (in italiano osservazione delle balene) è l'attività di osservazione dei cetacei nel loro ambiente naturale. L'espressione deriva da quella più comune di bird watching (osservazione degli uccelli). In genere, il whale watching viene praticato facendo ricorso a operatori che organizzano escursioni in barca in luoghi con popolazioni di cetacei particolarmente vaste; in pochissimi luoghi del mondo (per esempio lungo la costa meridionale del Sudafrica e dell'Australia) lo si può praticare anche da terra.

I luoghi più rinomati per il whale watching si trovano nelle acque al largo della Scandinavia, della costa pacifica del Messico, del Kenya, della Nuova Zelanda, delle isole Azzorre, dell'Islanda, del Canada (in particolare nella foce del San Lorenzo, in Québec), dell'Argentina (nella Penisola di Valdés, in Patagonia), dell'Australia e del Sudafrica (soprattutto nella regione di Mossel Bay).

Coda di capodoglio in immersione nel Santuario dei Cetacei al largo della Liguria

Nel Mediterraneo, il whale watching è possibile in un'area protetta situata fra la Liguria e la Corsica detta Santuario dei Cetacei; il WWF, oltre ad agenzie specializzate, organizza spedizioni periodiche in quest'area. I punti di partenza più importantti per effettuare escursioni di whalewatching si trovano nell'estremo Ponente Ligure, a Sanremo e Imperia da dove, con soli 20 minuti di navigazione si arriva nelle aree di esplorazione.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]