Western Force

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Western Force
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Western Force RU Logo.png
Black Swans (Cigni neri )
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª uniforme
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª uniforme
Colori 600px Blu e Nero con striscia gialla.png Blunero
Simboli Cigno
Dati societari
Province Australia Occidentale
Paese Australia Australia
Sede Western Australian Rugby Union
Meagher Drive
Floreat (WA)
Australia
Federazione Flag of Australia.svg Australia
Campionato Super Rugby
Fondazione 2005
Presidente Australia Vern Reid
Allenatore Australia Michael Foley
Capitano Australia Matt Hodgson
Palmarès
Stadio
Perth Oval.jpg
Members Equity Stadium
(20 500 posti)
rugbywa.com.au

Il Western Force è una franchigia australiana di rugby a 15; rappresenta lo Stato dell'Australia Occidentale nel campionato Super 14 del SANZAR; in ragione della sponsorizzazione in atto è nota come Emirates Western Force.

Istituita nel 2005 partecipò per la prima volta al Super Rugby del 2006 e a tutto il 2010 il suo miglior risultato è il 7º posto finale del 2007. Disputa i suoi incontri interni al Members Equity Stadium, altrimenti noto come "Oval", stadio multifunzione di Perth.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La ventilata espansione del Super 12 SANZAR a 14 squadre prevedeva l'aumento da 3 a 4 franchise australiane nel torneo; nel 2002 sia la provincia rugbistica di Victoria che quella dell'Australia Occidentale presentarono la propria candidatura per una franchise, la prima eventualmente di stanza a Melbourne, la seconda a Perth.

Nel dicembre 2004 fu deciso che la quarta squadra australiana, a partire dalla stagione 2006 del campionato, sarebbe stata la franchise di Perth, che si diede il nome di Western Force[1]; tra i termini dell'accordo economico, la garanzia finanziaria di un prestito di un milione di dollari australiani (circa 1 milione ) concessa all'unione rugbistica dell'Australia Occidentale dal governo di tale Stato, e la ristrutturazione, da parte di quest'ultimo, del Perth Oval, stadio destinato a ospitare le gare interne della franchise, che si diede il nome di Western Force[1].

L'incontro inaugurale del Western Force nel febbraio 2006

Nel 2005 fu quindi formalmente istituita la franchise a cura dell'unione rugbistica dell'Australia Occidentale, e fu concesso un anno di transizione per costruire la squadra; l'esordio avvenne nel Super 14 2006, il 10 febbraio di quell'anno, e fu una sconfitta 10-25 contro i Brumbies, franchise di Canberra[2]; nonostante gli inizi difficili l'affluenza non scese mai sotto i 20.000 spettatori di media; il primo punto, giunto il 31 marzo all'ottavo incontro, fu al termine di una sconfitta 25-26 contro i sudafricani Stormers[3].

Il 21 aprile giunse il primo pareggio, contro i neozelandesi Crusaders, campioni uscenti e fino a quel momento sempre vittoriosi: davanti a 30.200 spettatori il Western Force impattò 23-23, dopo aver condotto 23-16 fino a pochi minuti dalla fine ed essere raggiunto da una meta di Rico Gear trasformata da Dan Carter[4]; due giorni più tardi fu annunciato il primo acquisto importante per la stagione successiva, l'internazionale australiano Matt Giteau, ingaggiato per un triennio con un ingaggio complessivo di circa quattro milioni e mezzo di dollari australiani (3 milioni. €), il più alto stipendio mai corrisposto nella storia del rugby a 15 australiano[5].

La settimana dopo il pareggio 23-23 giunse un nuovo nullo, 34-34 a Johannesburg contro i Lions, primo risultato utile esterno della squadra[6]; infine, alla penultima giornata, giunse la prima vittoria, ancorché lontano dallo stadio di casa, sempre in Sudafrica: a Kimberley gli australiani vinsero 16-14 sui Cheetahs[7].

La prima edizione di Super 14 terminò con 13 punti all'attivo, frutto di una vittoria, due pareggi, undici sconfitte e un punto di bonus e l'ultimo posto in classifica; la stagione seguente vide la squadra pareggiare un incontro, vincerne 6 e perderne altrettanti, per un totale di 32 punti che le valsero il settimo posto; nel 2008, nonostante il saldo positivo vittorie / sconfitte (7 a 6) la squadra chiuse ugualmente a 32 punti e all'ottavo posto; nel 2009 di nuovo sei vittorie e sei sconfitte più un pareggio, ma con un bonus complessivo di 10 punti, la squadra raccolse 36 punti, che comunque non le valsero più dell'ottavo posto.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Western Force
  • 2004 • Istituzione della franchise a cura della WA Rugby Union
  • 2006 • 14º in Super 14
  • 2007 • 7º in Super 14
  • 2008 • 8º in Super 14
  • 2009 • 8º in Super 14
  • 2010 • 13º in Super 14
  • 2011 • 12º in Super Rugby
  • 2012 • 14º in Super Rugby

Colori e simboli delle uniformi[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera dell'Australia Occidentale

I colori delle due tenute (la prima e quella alternativa), così come i simboli, si rifanno a quelli della bandiera dello Stato dell'Australia Occidentale, il blu e il giallo oro, e un cigno nero. La prima tenuta è blu, quella alternativa è giallo oro: su entrambe campeggia un cigno stilizzato; per entrambe le tenute vi sono inserti neri sui fianchi delle maglie, e sia pantaloncini che calzettoni sono neri.

Tali colori furono presentati ufficialmente nel luglio 2005, durante un pubblico ricevimento in cui si tenne un'asta di beneficenza avente per oggetto le prime due maglie del club, una blu e una dorata, entrambe firmate; esse vennero battute per un ammontare complessivo di 60.000 dollari (40.000 €)[8] e fu anche reso noto lo sponsor del club, la compagnia aerea Emirates, con base a Dubai.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 2009 il Western Force disputò i suoi incontri interni al Subiaco Oval, stadio noto per ospitare gli incontri di football australiano del Fremantle e dei West Coast Eagles; tale impianto, della capacità di 43.500 posti, è di proprietà del governo dell'Australia Occidentale ed è utilizzato, anche per il cricket[9]; come si evince dal nome, la sua pianta è ovale, in ragione di tale particolare forma richiesta dal regolamento del football australiano.

Dal febbraio 2008 è allo studio la costruzione di un nuovo impianto a Perth, da edificare in un'area vicina al Subiaco Oval[10], originariamente a partire dal 2011, con gran parte delle strutture completate nel 2014 e definitivamente nel 2016; tale impianto, della capacità di 60.000 posti e dal costo previsto di circa 600 milioni di dollari dell'epoca (420 milioni. €)[10], è destinato a ospitare i maggiori eventi sportivi di Perth, compreso il football australiano, e per tale ragione anche per esso è prevista una pianta ovale; tuttavia la sconfitta laburista alle elezioni statali del 2008 causò la cancellazione del progetto; dalla stagione 2010 la squadra milita quindi al Perth Oval, anche noto per esigenze di sponsorizzazione come Members Equity Stadium, dal nome della banca che lega il suo nome all'impianto tramite accordo commerciale; tale stadio ospita circa 20.500 spettatori per gli incontri di rugby e si trova in località Vincent, città dei dintorni di Perth che è anche proprietaria dell'impianto.

Rosa 2013[modifica | modifica wikitesto]

Avanti
PL Australia Salesi Ma'afu
PL Australia Pekahou Cowan
PL Australia Salesi Manu
PL Australia Tetera Faulkner
PL Australia Kieran Longbottom
TL Australia Nathan Charles
TL Australia Ben Whittaker
TL Australia James Hilterbrand
TL Australia Heath Tessmann
SL Australia Toby Lynn
SL Australia Hugh McMeniman
SL Australia Phoenix Battye
SL Australia Sam Wykes
SL Australia Rory Walton
FL Australia Chris Alcock
FL Australia Matt Hodgson (c)
FL Australia Ben McCalman
FL Australia Angus Cottrell
N8 Australia Richard Brown
N8 Australia Lachlan McCaffrey
Tre quarti
MM Australia Brett Sheehan
MM Australia Mick Snowden
MM Australia Alby Mathewson
MA Australia Kyle Godwin
MA Australia Sam Christie
MA Sudafrica Sias Ebersohn
CE Australia Winston Stanley
CE Australia Will Tupou
CE Australia Junior Rasolea
CE Australia Chris Tuatara-Morrison
CE Australia Ben Jacobs
CE Australia Jayden Hayward
TQ Australia Nick Cummins
TQ Australia Ed Stubbs
ES Australia Patrick Dellit
ES Australia Sam Norton-Knight
Staff tecnico
Allenatore: Australia Michael Foley
Dir. tecnico: Australia Mitch Hardy
All. attacco: Australia Steve Meehan
All. avanti: Australia Nick Stiles
All. tre quarti: Australia Steve Meehan
Strategia: Australia Philip Fowler
Destrezza: Australia Charlie Higgins
Team manager: Australia Mark Calverley
Prep. atl.: Australia David Joyce


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Perth win S14 bid in TV New Zealand, 11 dicembre 2004. URL consultato il 17-5-2010.
  2. ^ (EN) Western Force v. Brumbies in Australian Broadcasting Corporation, 10 febbraio 2006. URL consultato il 16-5-2010.
  3. ^ (EN) Stormers deny Western Force in IOL - News for South Africa and the World, 31 marzo 2006. URL consultato il 17-5-2010.
  4. ^ (EN) Western Force v Crusaders 23-23. URL consultato il 17-5-2010.
  5. ^ (EN) Giteau signs record deal in TV New Zealand, 23 aprile 2006. URL consultato il 17-5-2010.
  6. ^ (EN) Cats force a draw with great play in second half. URL consultato il 17-5-2010.
  7. ^ (EN) Cheetahs v Western Force 14-16. URL consultato il 17-5-2010.
  8. ^ (EN) Scott Fava joins the Emirates Western Force. URL consultato il 17-5-2010.
  9. ^ Perth Stadium - Inspection of the Subiaco Oval (PDF). URL consultato il 17-5-2010.
  10. ^ a b (EN) Mark Duffield, New plan for 60,000-seat stadium next to Subiaco in The West Australian, 11 febbraio 2007. URL consultato il 17-5-2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale federazione rugbistica dell'Australia Occidentale e del Western Force
rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby