Werner Krauss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Werner Krauss

Werner Krauss, nome completo Werner Johannes Krauss (Werner Krauß nell'ortografia tedesca; Sonnefeld, 23 giugno 1884Vienna, 20 ottobre 1959), è stato un attore tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque nella canonica del borgo di Gestungshausen, presso Sonnefeld in Alta Franconia, dove suo nonno faceva il pastore protestante. Con i genitori si trasferì nel 1887 a Breslavia, dove Krauss trascorse l'intera infanzia e gran parte della sua giovinezza.

Nel 1898 frequentò la Präparandenanstalt, un organo religioso tedesco per la formazione degli insegnanti, e nel 1901 una scuola laica per la formazione degli insegnanti a Kreuzberg.

Nel 1902 fece la comparsa in uno spettacolo al teatro di Breslavia. A partire da quel momento decise di interrompere gli studi per diventare insegnante, e si avvicinò al mondo del teatro. Ottenne immediatamente il suo primo ruolo sempre al teatro di Breslavia, e nel 1903 debuttò al teatro di Guben.

Pur non avendo mai studiato recitazione, proseguì nel suo lavoro di attore, e nel 1905 fu prima al teatro di Magdeburgo e poi di Bromberg. Lavorò successivamente presso i teatri di Aquisgrana, Norimberga e il Künstlertheater di Monaco di Baviera.

Raccomandato da Alessandro Moissi, fu assunto dal regista austriaco Max Reinhardt nel 1913 al Deutsches Theater di Berlino. Inizialmente interpretò ruoli minori.

Nel 1915, con lo scoppio della prima guerra mondiale, fu chiamato a prestare servizio alla Kaiserliche Marine, per la quale fece la guardia marina a Kiel.

Nel 1916 tornò al teatro, e incominciò ad interpretare ruoli sempre più importanti. Recitò in opere shakespeariane come l'Amleto e Otello. Dal 1924 lavorò allo Staatheater berlinese, nel 1926 tornò al Deutsche Theater, e nel 1931 fu al Burgtheater di Vienna.

Ben presto si avvicinò al cinema, dove aveva già fatto il suo esordio nel 1914. In ambito cinematografico fu interprete di numerose pellicole nel corso della fine degli anni dieci e per tutti gli anni venti, ma la sua consacrazione da attore e la fama internazionale, arrivarono nel film del 1920, Il gabinetto del dottor Caligari. Krauss divenne così uno dei maggiori attori del cinema espressionista tedesco.

Nel 1934, per le sue capacità e la bravura artistica, fu nominato Attore di Stato. Si legò così, almeno artisticamente, al regime nazista appena giunto al potere, infatti, alla morte del presidente Paul von Hindenburg, fu uno dei primi firmatari per il referendum per far diventare il cancelliere Adolf Hitler anche il presidente del Reich.

La collaborazione dell'attore con il governo del Führer fu dimostrata anche dall'interpretazione nel film di propaganda Süss l'ebreo del 1940, e per il fatto che il suo nome comparve nella Gottbegnadeten, una lista di 36 pagine di artisti stilata nel 1944 da Hitler e dal ministro della Propaganda Goebbels[1], che elencava gli artisti considerati cruciali per la cultura nazista.

Nel 1946 Krauss si rifugiò a Mondsee in Austria, da dove poi venne espulso. Nel maggio 1948, per aver servito i nazisti, venne condannato da un tribunale, ma per reati minori e al pagamento di 5.000 marchi. Tornò in Austria, dove assunse la cittadinanza del paese e divenne membro del teatro viennese Burgtheater.

Nel 1950 ritornò in Germania per l'interpretazione del Re Lear al Ruhrfestspiele di Recklinghausen, ma l'evento venne interrotto perché si svolsero manifestazioni contro di lui. L'anno dopo, riacquisì la cittadinanza tedesca.

Negli anni del secondo dopoguerra le sue apparizioni furono sempre più rare, l'ultima fu in una pantomima televisiva austriaca del 1958 dal titolo Das verräterische Herz (titolo in tedesco de Il cuore rivelatore di Edgar Allan Poe).

Morì a Vienna nel 1959 all'età di 75 anni e fu sepolto al cimitero Zentralfriedhof della capitale austriaca.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Werner Krauss è stato sposato tre volte, di cui una, in seconde nozze, con l'attrice Maria Bard. Ebbe due figli, dalla prima e dalla terza unione.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Die Pagode, regia di Joe May (1914)
  • Stuart Webbs: Die geheimnisvolle Villa, regia di Joe May (1914)
  • Die Bettlerin von St. Marien, regia di Alfred Halm (1916)
  • Hoffmanns Erzählungen, regia di Richard Oswald (1916)
  • Zirkusblut, regia di Richard Oswald (1916)
  • Der Ungreifbare, regia di Fred Sauer (1916)
  • Das unheimliche Haus, regia di Richard Oswald (1916)
  • Die Rache der Toten, regia di Richard Oswald (1916)
  • Das unheimliche Haus. 2. Teil, regia di Richard Oswald (1916)
  • Stein unter Steinen, regia di Felix Basch (1916)
  • Der chinesische Götze, regia di Richard Oswald (1916)
  • Nächte des Grauens, regia di Richard Oswald e Arthur Robison (1916)
  • Die Bettlerin von St. Marien, regia di Alfred Halm (1916)
  • Das Erbe von Het Steen, regia di Louis Neher (1917)
  • Der Friedensreiter, regia di Hans Werckmeister (1917)
  • Die Seeschlacht, regia di Richard Oswald (1917)
  • Die Kaukasierin, regia di Uwe Jens Krafft (1917)
  • Unheilbar, regia di Emmerich Hanus (1917)
  • Die schöne Prinzessin von China, regia di Rochus Gliese (1917)
  • Das Bacchanal des Todes, regia di Richard Eichberg (1917)
  • Die Fremde, regia di Otto Rippert (1917)
  • Die Tochter der Gräfin Stachowska, regia di Otto Rippert (1917)
  • Fräulein Pfiffikus, regia di Franz Hofer (1918)
  • E, der scharlachrote Buchstabe, regia di Emmerich Hanus (1918)
  • Die schleichende Gefahr, regia di Franz Hofer (1918)
  • Wenn Frauen lieben und hassen, regia di Jaap Speyer (1918)
  • Es werde Licht! 3. Teil, regia di Richard Oswald (1918)
  • Der Prozeß Hauers, regia di Willy Zein (1918)
  • Der Bettler von Savern, regia di Franz Hofer (1918)
  • Das verwunschene Schloß, regia di Otto Rippert (1918)
  • Das Tagebuch einer Verlorenen, regia di Richard Oswald (1918)
  • Dida Ibsens Geschichte, regia di Richard Oswald (1918)
  • Colomba, regia di Arzén von Cserépy (1918)
  • Das Gift der Medici, regia di Walter Schmidthässler (1918)
  • Mazeppa, der Held der Ukraine, regia di Martin Berger (1919)
  • Die Heimat, regia di Franz Hofer (1919)
  • Opium, regia di Robert Reinert (1919)
  • Prostitution / Das gelbe Haus, regia di Richard Oswald (1919)
  • Das Mädchen und die Männer, regia di Manfred Noa (1919)
  • Totentanz, regia di Otto Rippert (1919)
  • La signora delle orchidee (Die Frau mit den Orchideen), regia di Otto Rippert (1919)
  • Die Insel der Glücklichen, regia di Josef Coenen (1919)
  • Rose Bernd, regia di Alfred Halm (1919)
  • Phantome des Lebens, regia di Josef Coenen (1919)
  • Ewiger Strom, regia di Johannes Guter (1920)
  • Opfer, regia di Ernst Fiedler-Spies (1920)
  • Il gabinetto del dottor Caligari (Das Cabinet des Dr. Caligari), regia di Robert Wiene (1920)
  • Die Frau ohne Seele, regia di Léo Lasko (1920)
  • Johannes Goth, regia di Karl Gerhardt (1920)
  • Die Brüder Karamasoff, regia di Carl Froelich (1920)
  • Die Beichte einer Toten, regia di Martin Zickel (1920)
  • Sieger Tod, regia di Nils Olaf Chrisander (1920)
  • Die Frau im Himmel, regia di Johannes Guter (1920)
  • Der Staatsanwalt, regia di Paul Otto (1920)
  • Die Kwannon von Okadera, regia di Carl Froelich (1920)
  • Il gobbo e la ballerina (Der Bucklige und die Tänzerin), regia di Friedrich Wilhelm Murnau (1920)
  • Das ewige Rätsel, regia di Josef Coenen (1921)
  • Das Medium, regia di Hermann Rosenfeld (1921)
  • Danton, regia di Dimitri Buchowetzki (1921)
  • La rotaia (Scherben), regia di Lupu Pick (1921)
  • Das Haus in der Dragonergasse, regia di Richard Oswald (1921)
  • Sturmflut des Lebens, regia di Paul L. Stein (1921)
  • Das ewige Rätsel, regia di Josef Coenen (1921)
  • Grausige Nächte, regia di Lupu Pick (1921)
  • Der Tanz um Liebe und Glück, regia di Wlly Zeyn (1921)
  • Der Roman der Christine von Herre, regia di Ludwig Berger (1921)
  • Lady Hamilton, regia di Richard Oswald (1921)
  • Zirkus des Lebens, regia di Johannes Guter (1921)
  • Die Beute der Erinnyen, regia di Otto Rippert (1922)
  • Othello, regia di Dimitri Buchowetzki (1922)
  • Die Nacht der Medici, regia di Karl Grune (1922)
  • Josef und seine Brüder, regia di Carl Froelich (1922)
  • Marquise von Pompadour, regia di Alfred Halm (1922)
  • La terra che brucia (Der brennende Acker), regia di Friedrich Wilhelm Murnau (1922)
  • Luise Millerin, regia di Carl Froelich (1922)
  • Nathan der Weise, regia di Manfred Noa (1922)
  • Der Graf von Essex, regia di Peter Paul Fellner (1922)
  • Alt-Heidelberg, regia di Hans Berendt (1923)
  • Il tesoro (Der Schatz), regia di Georg Wilhelm Pabst (1923)
  • Fridericus Rex. 3. Teil: Sanssouci, regia di Arzén von Cserépy (1923)
  • Der Menschenfeind, regia di Rudolf-Walther Fein (1923)
  • Du sollst nicht töten, regia di Fritz Hofbauer (1923)
  • Adam und Eva, regia di Friedrich Porges e Reinhold Schünzel (1923)
  • Der Puppenmacher von Kiang-Ning, regia di Robert Wiene (1923)
  • Zwischen Abend und Morgen, regia di Arthur Robison (1923)
  • Der Kaufmann von Venedig, regia di Peter Paul Felner (1923)
  • Fräulein Raffke, regia di Richard Eichberg (1923)
  • Der unbekannte Morgen, regia di Alexander Korda (1923)
  • Das alte Gesetz, regia di Ewald André Dupont (1923)
  • I.N.R.I., regia di Robert Wiene (1923)
  • Il gabinetto delle figure di cera (Das Wachsfigurenkabinett), regia di Paul Leni (1924)
  • Dekameron-Nächte (Decameron Nights), regia di Herbert Wilcox (1924)
  • Ein Sommernachtstraum, regia di Hans Neumann (1925)
  • Reveille, das große Wecken, regia di Fritz Kaufmann e George Pearson (1925)
  • La via senza gioia (Die freudlose Gasse) di Georg Wilhelm Pabst (1925)
  • Tartufo (Tartüff), regia di Friedrich Wilhelm Murnau (1925)
  • Eifersucht, regia di Karl Grune (1925)
  • Der Trödler von Amsterdam, regia di Victor Janson (1925)
  • Die Moral der Gasse, regia di Jaap Speyer (1925)
  • Die Dame aus Berlin, regia di Lorand von Kabdebo (1925)
  • Varieté, regia di Ewald André Dupont (1925)
  • Nanà (Nana), regia di Jean Renoir (1926)
  • Das Haus der Lüge, regia di Lupu Pick (1926)
  • I misteri di un'anima (Geheimnisse einer Seele), regia di Georg Wilhelm Pabst (1926)
  • Kreuzzug des Weibes, regia di Martin Berger (1926)
  • Maria, die Geschichte eines Herzens / Das graue Haus, regia di Friedrich Feher (1926)
  • Lo studente di Praga (Der Student von Prag), regia di Henrik Galeen (1926)
  • Überflüssige Menschen, regia di Aleksandr Razumnyi (1926)
  • Non si scherza con l'amore (Man spielt nicht mit der Liebe!), regia di Georg Wilhelm Pabst (1926)
  • Unter Ausschluß der Öffentlichkeit, regia di Conrad Wiene (1927)
  • Laster der Menschheit / Laster, regia di Rudolf Meinert (1927)
  • Da hält die Welt den Atem an / Maquillage, regia di Felix Basch (1927)
  • Die Hose, regia di Hans Behrendt (1927)
  • Der fidele Bauer, regia di Franz Seitz (1927)
  • Funkzauber, regia di Richard Oswald (1927)
  • Die Hölle der Jungfrauen, regia di Robert Dienesen (1927)
  • Il cerchio della morte (Die Todesschleife/Looping the Loop), regia di Arthur Robison (1928)
  • Sant'Elena (Napoleon auf St. Helena), regia di Lupu Pick (1929)
  • Il generale York (Yorck), regia di Gustav Ucicky (1931)
  • L'uomo senza nome (Mensch ohne Namen), regia di Gustav Ucicky (1932)
  • Campo di maggio (Hundert Tage), regia di Franz Wenzler (1935)
  • L'ultima passione (Burgtheater), regia di Willi Forst (1936)
  • La vita del dottor Koch (Robert Koch, der Bekämpfer des Todes), regia di Hans Steinhoff (1939)
  • Süss l'ebreo (Jud Süß), regia di Veit Harlan (1940)
  • Annelie, regia di Josef von Báky (1941)
  • Zwischen Himmel und Erde, regia di Harald Braun (1942)
  • Die Entlassung, regia di Wolfgang Liebeneiner (1942)
  • Paracelsus, regia di Georg Wilhelm Pabst (1943)
  • Prämien auf den Tod, regia di Curd Jürgens (1949)
  • Der fallende Stern, regia di Harald Braun (1950)
  • Sohn ohne Heimat, regia di Hans Deppe (1955)

Film o documentari dove appare Werner Krauss[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ernst Klee, Das Kulturlexikon zum Dritten Reich. Wer war was vor und nach 1945, ed. S. Fischer, Francoforte, 2007, p. 336.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • H. Ihering - Werner Krauß. Ein Schauspieler und das neunzehnte Jahrhundert. - Berlino, Vorwerk 8, 1997, ISBN 3-930916-15-0
  • G. Nickel, J. Schrön - «Wenn man einen Schauspieler braucht, muss man ihn auch vom Galgen schneiden». Die Spruchkammerakte Werner Krauß. - Göttinga, Wallstein 2003.
  • K. Loscher, K. Wandrey, F. Müller - Werner Krauß. Tragik eines Genies. - Bayreuth, 1984.
  • W.A. Greinert - Werner Krauß. Schauspieler seiner Zeit 1884 bis 1959. - Vienna, Universitas Verlag, 2009, ISBN 978-3-8004-1489-5.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 100913991 LCCN: no95054070