Werner Düttmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Werner Düttmann (Berlino, 6 marzo 1921Berlino Ovest, 26 gennaio 1983) è stato un architetto, urbanista e pittore tedesco.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Studiò architettura dal 1939 al 1948 alla Technische Hochschule (oggi Technische Universität) di Berlino, con un'interruzione dal 1942 al 1947 dovuta al servizio militare e alla conseguente prigionia. Suo maestro, negli studi e nella professione, fu Hans Scharoun.

Dal 1960 al 1966 Düttmann ricoprì la carica di direttore edilizio della città di Berlino Ovest; in questa veste firmò importanti progetti che ridisegnarono il volto di alcune zone cittadine dopo le distruzioni della seconda guerra mondiale.

Dal 1966 al 1970 fu professore alla Technische Universität; successivamente operò come libero professionista, spegnendosi nel 1983 a soli 62 anni d'età.

Werner Düttmann è considerato uno dei maggiori esponenti dell'architettura moderna del dopoguerra in Germania. La sconfitta delle sue idee architettoniche, criticate a partire dalla fine degli anni settanta, fu sancita dall'esposizione di architettura IBA 84, che introdusse i criteri della "ricostruzione critica" e del "rinnovamento urbano prudente".

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 806375 LCCN: n86147217