Wendell Sailor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wendell Sailor
Wendell Sailor (Brisbane Broncos vs. St. George Illawarra Dragons 2008) 2.jpg
Wendell Sailor in un incontro di rugby a 13 nel 2008
Dati biografici
Nome Wendell Jermaine Sailor
Paese Australia Australia
Altezza 190 cm
Peso 106 kg
Carriera rugby a 13 Rugby union pictogram.svg
Federazione Australia Australia
Ruolo Tre quarti ala
Ritirato 2006
Attività di club
1994-2001 600px Bordeaux e Oro (V sul petto).svg Brisbane Broncos 189 (442)
2008-2009 600px Bianco Rosso e Oro (V sul petto).svg Dragons Catalans 33 (68)
Attività da giocatore internazionale
1994-2001 Australia Australia 21 (84)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2000
Carriera rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Federazione Australia Australia
Ruolo Tre quarti ala
Ritirato 2011
Attività di club¹
2002-2005 Reds Reds 47 (60)
2006 Waratahs Waratahs 8 (20)
Attività da giocatore internazionale
2002-2005 Australia Australia 37 (65)
Palmarès internazionale
Finalista RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2003
1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club di rugby a 15 si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Statistiche aggiornate al 21 novembre 2011

Wendell Jermaine Sailor (Sarina, 16 luglio 1974) è un rugbista a 13 e a 15 australiano, tre quarti ala in entrambe le discipline, delle quali fu internazionale; con l'Australia del XIII fu campione del mondo nel 2000, mentre negli Wallabies fu finalista alla Coppa del Mondo di rugby 2003; squalificato per due anni nel 2006 per un caso di doping mentre militava nei Waratahs, tornò a giocare nel 2008 nella disciplina a XIII per una stagione, prima del ritiro nel 2009.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sailor iniziò la carriera nel rugby a 13 e, a soli 19 anni, esordì nei Brisbane Broncos; nonostante il relativamente esiguo numero di incontri disputati (6, con 3 mete totali), si laureò campione 1993; dall'anno successivo e fino al 2001 fu titolare fisso dei Broncos e con essi vinse altri tre titoli australiani (nel 1997, 1998 e 2000).

Al suo attivo anche la vittoria nella World Club Challenge, sorta di Coppa Intercontinentale tra Emisfero Nord e Sud, conquistata sempre nelle file dei Broncos nel 1997.

Rappresentò a livello internazionale l'Australia del rugby a 13 dal 1994 al 2001 con 22 presenze e 21 mete, e si laureò campione del mondo nel 2000, risultando anche Man of the Match nella decisiva finale vinta contro i Kiwis della Nuova Zelanda[1].

Dopo la Coppa del Mondo a 13, con il contratto in scadenza nel 2001, si sparse la voce che Sailor fosse interessato a un ingaggio in Gran Bretagna in Super League (più in particolare per una tra Wigan, Leeds e Bradford), ma a farsi avanti fu la federazione di rugby a 15, la Australian Rugby Union, a proporre a Sailor un passaggio di disciplina; questi accettò, divenendo il primo professionista del XV australiano proveniente dal XIII[2].

Dal 2002 Sailor fu ingaggiato per la franchigia professionistica di rugby a 15 di Brisbane, i Reds, con cui esordì nel Super Rugby; il suo compenso fu di circa 700.000 AUD per anno[3].

Sempre nel 2002 giunse a vestire la maglia degli Wallabies, divenendo così internazionale per l'Australia in entrambe le varianti della disciplina; l'esordio fu a giugno di quell'anno contro la Francia; partecipò poi alla Coppa del Mondo di rugby 2003 che si tenne proprio in Australia, e nella quale la Nazionale giunse alla finale, persa contro l'Inghilterra.

Nel 2005 fu invitato dai Barbarians a disputare un match contro un XV inglese, nel corso del quale si mise in luce con due mete e una prestazione che lo fece segnalare tra i migliori in campo[4].

Nel 2006, terminato il contratto con i Reds, Sailor fu ingaggiato dagli Waratahs, franchise di Sydney con la maglia dei quali disputò il suo primo incontro proprio di fronte ai Reds.

Il 13 maggio 2006, proprio prima dell'ultima giornata del Super 14, fu reso noto che Sailor era stato sospeso a tempo indeterminato a causa di una positività alla cocaina[5]; un secondo riesame si rivelò positivo, e la difesa di Sailor di fronte al collegio disciplinare dell'Australian Rugby Union si basò sulla considerazione che la cocaina era stata assunta più di quattro giorni precedenti al prossimo incontro e che quindi non poteva essere considerata uno stimolante dell'attività sportiva[6]; la disciplinare ribatté che l'infrazione non consisteva nel tentativo di incrementare la prestazione, ma nell'avere assunto sostanze proibite per un professionista, e gli inflisse due anni di squalifica[6].

Scontata la squalifica biennale, nel 2008 Sailor tornò al rugby a 13, nelle file del St. George Illawarra Dragons, con il quale firmò un impegno per due stagioni[7]; il 12 novembre 2009, alla fine del contratto, annunciò il suo ritiro[8]; l'ultimo incontro assoluto è stato il match pre-campionato tra i migliori giocatori della National Rugby League e gli Indigeni australiani, tenutosi il 10 febbraio 2010[9].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) David Burke, Hello Sailor; Australia 40 New Zealand 12 in The Sunday Mirror, 26 novembre 2000. URL consultato il 10 novembre 2010.
  2. ^ (EN) Aussie coach warns rugby league bosses in BBC, 7 febbraio 2001. URL consultato il 10 novembre 2010.
  3. ^ 1001 Australians, op. cit., pag. 708
  4. ^ (EN) Sailor superb as Barbarians thrash England hopefuls in Australian Broadcasting Corporation, 29 maggio 2005. URL consultato il 10 novembre 2010.
  5. ^ (EN) Sailor stood down over doping, manager says in Australian Broadcasting Corporation, 14 maggio 2006. URL consultato il 10 novembre 2010.
  6. ^ a b (EN) Sailor sunk by naïve argument in News 24, 27 maggio 2006. URL consultato il 10 novembre 2010.
  7. ^ (EN) Dragons chance for Sailor in Fox Sports, 12 maggio 2008. URL consultato il 10 novembre 2010.
  8. ^ Goodbye Sailor: Wendell Calls it a Day in The Sydney Morning Herald, 12 novembre 2009. URL consultato il 10 novembre 2010.
  9. ^ (EN) All Star Game Serves as Goodbye Sailor in TV New Zealand, 9 febbraio 2010. URL consultato il 10 novembre 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 55998271