Wedge strategy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

"Wedge strategy" (in inglese: Strategia del cuneo) è un piano d'azione politico e sociale prodotto dal Discovery Institute, il centro d'appoggio del movimento del disegno intelligente. La strategia è stata avanzata nel manifesto del Discovery Institute, noto come il Wedge Document,[1] che descrive un ampio programma sociale, politico e accademico il cui scopo finale era di «sconfiggere il materialismo [scientifico]» rappresentato dall'evoluzione, «invertire la soffocante visione materialistica del mondo e sostituirla con una scienza concordante con le convinzioni cristiane e teistiche»[2] e ad «affermare la realtà di Dio».[3] Il suo scopo è quello di "rinnovare" la cultura statunitense dando forma alla politica in modo che rifletta i valori cristiani conservativi.[4]

Il disegno intelligente è la credenza che alcune caratteristiche dell'universo e degli esseri viventi siano spiegate meglio da una causa intelligente, e non da un processo naturalistico come la selezione naturale. Implicita alla congettura del disegno intelligente è la ridefinizione della scienza e di come viene portata avanti. I proponenti della "wedge strategy" sono dogmaticamente in opposizione al materialismo,[5][6][7] naturalismo,[6][8] ed evoluzione,[9][10][11][12] e hanno preso a obiettivo la rimozione di ciascuna di queste dalla scienza e dal modo in cui viene condotta.[13][14]

La strategia fu originariamente portata all'attenzione del pubblico quando il Wedge Document trapelò su Internet. La Wedge strategy governa le campagne del movimento del disegno intelligente coordinate dal Discovery Institute.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Wedge Document Discovery Institute, 1999.
  2. ^ Wedge Strategy, citato da Handley P. "Evolution or design debate heats up", The Times of Oman, 7 marzo 2005.
  3. ^ Phillip E. Johnson, Defeating Darwinism by Opening Minds, InterVarsity Press, 1997, p. 91-92.
  4. ^ «Obiettivi a cinque anni. Rinnovamento spirituale e culturale: movimenti di rinnovamento iniziano ad appropriarsi di elementi della teoria del disegno, e a ripudiare teologie influenzate dal materialismo; le maggiori confessioni cristiane difendono la tradizionale dottrina della creazione; seminari sul darwinismo individuano e ripudiano sempre più presupposti naturalistici; avanzamenti nei sondaggi d'opinione su questioni come la sessualità, l'aborto e la fede in Dio» Wedge Strategy Discovery Institute, 1999.
  5. ^ «Dal nostro punto di vista, il materialismo non è una posizione neutrale, scevra da principi e minimalista da cui partire nell'indagine. Piuttosto di tratta di una ideologia con uno scopo da raggiungere. Per di più, ha bisogno di una storia della creazione evoluzionistica che lo tenga a galla. Su basi scientifiche riteniamo quella storia della creazione come falsa. Inoltre, riteniamo che il programma ideologico che ne è derivato sia distruttivo per il discorso razionale. Le nostre preoccupazioni sono quindi interamente parallele a quelle degli evoluzionisti? In effetti, tutte le più grandi paure degli evoluzionisti riguardo a come sarebbe il mondo se noi avessimo successo si sono già verificate, dal nostro punto di vista, con il successo del materialismo e dell'evoluzione. Dunque, in quanto strategia per far sloggiare il materialismo e l'evoluzione, il termine "wedge" è giunto a denotare un movimento intellettuale e culturale che molti trovano congeniale.» William Dembski, Dealing with the backlash against intelligent design, 2004.
  6. ^ a b «Se comprendessimo la nostra epoca, sapremmo che dobbiamo affermare la realtà di Dio sfidando il dominio del materialismo e del naturalismo nel mondo della mente. Con l'aiuto di molti amici ho sviluppato una strategia per questo scopo... Chiamiamo questa strategia il "wedge"». Phillip Johnson, Defeating Darwinism by Opening Minds, 1997, pp. 91-92
  7. ^ «Il rovesciamento della materia nella fisica e nella biologia richiede un ritorno alle questioni sociali che sono trattate nella Rerum Novarum e nella Centesimus Annus. [...] Il grande corpo in disintegrazione del materialismo moderno adombra e istupidisce ancora la filosofia accademica e la cultura contemporanea, e i suoi fumi si spandono insidiosamente e pervasivamente attraverso i corridoi e sugli scaffali delle principali scuole di teologia». George Gilder, "The Soul of Silicon", The Acton Institute, 1º maggio 1997
  8. ^ «Il più serio sfidante della teologia negli ultimi duecento anni è stato il materialismo. Nella cultura occidentale, il naturalismo è divenuto l'atteggiamento comune di tutte le indagini serie. Dagli studi biblici, alla legge, all'istruzione, all'arte, alla scienza, alla comunicazione, ci si aspetta che l'indagine proceda solo sotto l'ipotesi del naturalismo. [...] Se completamente vittorioso, il Disegno Intelligente spodesterà non solo il Darwinismo, ma che l'eredità culturale del Darwinismo». William Dembski, "The Intelligent Design Movement".
  9. ^ «C'è un ritorno immediato per il disegno intelligente: distrugge l'eredità atea dell'evoluzione darwinistica. Il disegno intelligente rende impossibile essere un ateo intellettualmente soddisfatto. Ciò fornisce una spinta incredibile al disegno intelligente come strumento per l'apologetica, aprendo la questione-Dio a tutti gli individui che credono che la scienza abbia seppellito Dio». William Dembski, Commending President Bush.
  10. ^ «Dunque, in quanto strategia per far sloggiare il materialismo e l'evoluzione, il termine "wedge" è giunto a denotare un movimento intellettuale e culturale che molti trovano congeniale». William Dembski, Dealing with the backlash against intelligent design, 2004.
  11. ^ «Ma ci sono motivazioni più profonde. Credo su di un piano fondamentale, riguardo a ciò che mi spinge in queste cose, di ritenere che la gloria di Dio venga rubata da questi approcci naturalistici all'evoluzione biologica, alla creazione all'origine del mondo, all'origine della complessità e della diversità biologica. Quando si attribuiscono le meraviglie della natura a questi meccanismo materiali senza pensiero, la gloria di Dio viene rubata... E quindi questa è una guerra culturare. In fin dei conti voglio che Dio riceva il credito per ciò che ha fatto – e non ne sta ricevendo niente». Citazione di William Dembski in Jerry Coyne, "The Faith That Dare Not Speak Its Name", The New Republic, 11 agosto 2005.
  12. ^ «Lo scopo della "Wedge strategy" è di convincere la gente che il Darwinismo sia inerentemente ateo, spostando così il dibattito da "creazionismo" contro "evoluzione" a "esistenza di Dio" contro "non esistenza di Dio". Di lì la gente è introdotta alla 'verità' della Bibbia e alla 'questione del peccato' e, infine, 'portata a conoscenza di Gesù'». Phillip Johnson citato in Rob Boston, "Missionary man", Church & State, aprile 1999.
  13. ^ «Il Center for the Renewal of Science and Culture del Discovery Institute ha come scopo niente di meno che lo spodestamento del materialismo e delle sue eredità culturali. Riunendo grandi studiosi dalle scienze naturali a quelli dalle scienze umane e sociali, il centro indaga i modi in cui i nuovi sviluppi della biologia, della fisica e delle scienze congnitive sollevano seri dubbi sul materialismo scientifico e hanno riaperto le indagini per una ampia comprensione teistica della natura. [...] La teoria del disegno promette di invertire il dominio soffocante della visione del mondo materialistica e di sostituirla con una scienza consonante con le convinzioni cristiane e teistiche»; "The Wedge Document", Discovery Institute.
  14. ^ Phillip E. Johnson, Darwinism is Materialist Mythology, Not Science, DarwinReconsidered.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]