We Can't Dance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
We Can't Dance
Artista Genesis
Tipo album Studio
Pubblicazione 12 novembre 1991
Durata 71 min : 23 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Pop rock
Rock
Rock progressivo
Etichetta Atlantic Records (Usa)
Produttore Nick Davis & Genesis
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Dischi di platino 25
Genesis - cronologia
Album precedente
(1986)
Singoli
  1. No Son of Mine
    Pubblicato: 31 ottobre 1991
  2. I Can't Dance
    Pubblicato: 30 dicembre 1991
  3. Hold on My Heart
    Pubblicato: 6 aprile 1992
  4. Jesus He Knows Me
    Pubblicato: 13 luglio 1992
  5. Never a Time
    Pubblicato: 11 novembre 1992
  6. Tell Me Why
    Pubblicato: 8 febbraio 1993

We Can't Dance (1991) è il quattordicesimo album in studio dei Genesis. Sarà anche l'ultimo album in cui compare Phil Collins.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

We Can't Dance fu il primo album dei Genesis in cinque anni, dopo il successo internazionale di Invisible Touch del 1986. L'album, uscito come doppio LP e un solo CD, raggiunse la posizione n. 1 delle classifiche nella UK Albums Chart, in Germania, Svizzera, Austria, Olanda e Norvegia e la posizione n. 4 nella Billboard 200 ed in Svezia, la n. 5 in Nuova Zelanda e la n. 8 in Australia, vendendo diversi milioni di copie nel mondo (inclusi 4 milioni solo negli Stati Uniti). Dall'album vennero estratti diversi hits, tra i quali No Son of Mine, Hold on My Heart, I Can't Dance (prima posizione in Olanda e seconda in Austria) e Jesus He Knows Me. Altri singoli tratti dall'album furono Tell Me Why in Europa ed Inghilterra e Never A Time in America, tutti supportati da videoclip tranne l'ultimo.

Nonostante il cospicuo potenziale commerciale, We Can't Dance contiene tuttavia anche diversi pezzi lunghi, nella miglior tradizione del gruppo, cosa che rende l'album decisamente più valido del suo predecessore Invisible Touch, nel quale questo elemento era stato maggiormente trascurato. Sia Driving The Last Spike (dal toccante testo che racconta il sacrificio di tante vite umane per la costruzione delle ferrovie inglesi nell'Ottocento) che Fading Lights (uno dei migliori lavori della band, con il suo lungo inciso strumentale) superano infatti i dieci minuti di durata, mentre Dreaming While You Sleep (una storia il cui protagonista fugge dopo avere investito una donna) raggiunge i sette minuti e Living Forever ha nella sua seconda parte un'improvvisazione strumentale di rilievo.

Dopo la pubblicazione dell'album, il gruppo passò tre mesi - dal maggio all'agosto del 1992 - in tour negli stadi per promuovere l'album, con un'appendice nelle arene e teatri inglesi nell'autunno dello stesso anno - registrando il tutto esaurito nella maggior parte delle esibizioni, e dando ai fan l'ultima possibilità di vedere il gruppo prima dell'abbandono di Phil Collins e del tour della reunion del 2007.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La malinconica ballata Since I lost you fu scritta da Phil Collins per commemorare la morte del figlio di Eric Clapton, suo grande amico. Mai presentata dai Genesis in concerto, fu eseguita da Collins in occasione del suo concerto per la serie Storytellers nel 1997.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. No Son of Mine (Collins) - 6:39
  2. Jesus He Knows Me (Collins) - 4:16
  3. Driving the Last Spike (Collins) - 10:08
  4. I Can't Dance (Collins) - 4:01
  5. Never a Time (Rutherford) - 3:50
  6. Dreaming While You Sleep (Rutherford) - 7:16
  7. Tell Me Why (Collins) - 4:58
  8. Living Forever (Banks) - 5:41
  9. Hold on My Heart (Collins) - 4:38
  10. Way of the World (Rutherford) - 5:38
  11. Since I Lost You (Collins) - 4:09
  12. Fading Lights (Banks) - 10:16

(Nota: gli autori indicati tra parentesi sono riferiti ai testi, ma tutti i brani sono accreditati a Banks, Collins e Rutherford; . Bisogna comunque notare che il contributo maggiore alla composizione musicale si deve a Collins (dichiarato in una sua intervista del 2000[senza fonte]) poiché veniva da 2 anni di riposo compositivo mentre Mike e Tony avevano appena pubblicato i rispettivi album solisti).

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo