Watom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Watom
Geografia fisica
Localizzazione Papua-Nuova Guinea
Coordinate 4°07′S 152°04′E / 4.116667°S 152.066667°E-4.116667; 152.066667Coordinate: 4°07′S 152°04′E / 4.116667°S 152.066667°E-4.116667; 152.066667
Altitudine massima 320 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Papua Nuova Guinea Papua Nuova Guinea
Provincia Nuova Bretagna orientale
Distretto Rabaul
Cartografia
Mappa di localizzazione: Oceano Pacifico
Watom
LocationNewGuinea.png

[senza fonte]

voci di isole della Papua Nuova Guinea presenti su Wikipedia
Mappa dell'isola di Watom

Watom è un’isola appartenente a Papua-Nuova Guinea situata nel Mare di Bismarck, a circa 9 km al largo della penisola della Gazzella sull'isola della Nuova Bretagna. Amministrativamente, fa parte del distretto di Rabaul nella provicncia della Nuova Bretagna orientale.

Oggigiorno l'isola è disabitata, è quasi completamente coperta da foreste, non dispone di energia elettrica ed è visitata da pochissimi turisti ogni anno.

Watom's Wall, situato sulla costa settentrionale, è celebre tra gli amanti del 'diving' come magnifico punto per immersioni.[1]

Durante la Seconda Guerra mondiale, un contingente di circa 300 militari britannici furono internati dai giapponesi a Watom, dopo essere stati catturati a Singapore. Soli 17 sopravvissero.[2]

La cultura Lapita[modifica | modifica sorgente]

Nel 1909 un prete tedesco, padre Otto Meyer, che aveva fondato una missione sull'isola, ritrovò, dopo un uragano, dei cocci di ceramica decorata. I cocci furono portati al Musée de l'Homme di Parigi, ove restarono dimenticati per diverse decine d’anni.

Dopo la Seconda Guerra mondiale, alcuni archeologi scoprirono ceramiche simili su isole disperse su una vasta area che andava dalla Nuova Guinea alle isole Tonga e Samoa. Essi le denominarono "Lapita", dal nome di un sito in Nuova Caledonia. La datazione al radiocarbonio ha rivelato che i siti più antichi risalgono a circa 3500 anni fa (1500 a.C.).

I resti ritrovati a Watom debbono quindi essere considerati le prime testimonianze scoperte della cultura Lapita.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bob Halstead e Tim Rock, Diving & snorkeling Papua New Guinea, Lonely Planet, 1º agosto 1999, p. 116. ISBN 978-0-86442-776-2. URL consultato il 1º novembre 2011.
  2. ^ Pacific Wrecks - Watom Island

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Oceania Portale Oceania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Oceania