Warrior (combattimento fanteria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FV 510 Warrior
Warrior in ambiente desertico
FV 510 Warrior
Descrizione
Equipaggio 3 + 7 fanti trasportati
Dimensioni e peso
Lunghezza 6.3 m
Larghezza 3.03 m
Altezza 2.74 m
Peso 24 t
Propulsione e tecnica
Motore Perkins CV-8 Condor a 8 cilindri diesel
Potenza 550 hp
Trazione cingolata
Sospensioni barre di torsione
Prestazioni
Velocità 75
Autonomia 500
Armamento e corazzatura
Armamento primario 1 cannone da 30mm L21A1 Rarden,una mitragliatrice coassiale da 7,62mm
Armamento secondario 2 lanciafumogeni quadrupli
Corazzatura alluminio(dettagli secretati)

[senza fonte]

voci di carri armati presenti su Wikipedia

L'FV 510 Warrior è l'IFV standard del British Army, l'esercito del Regno Unito.

È uno dei più pesanti IFV attualmente in servizio, raggiungendo, in assetto da combattimento, e con le ultime migliorie alla protezione, facendo ricorso anche a protezioni del tipo Chobham, le 30 t nelle ultime versioni, distinguendosi per una grossa torretta biposto, fornita di un cannone Rarden da 30mm. La velocità massima è di 75 km/h, grazie a un generoso motore Perkins CV8 TCA, diesel con otto cilindri, in grado di erogare ben 550Hp. A bordo trovano posto tre membri dell'equipaggio e 7 soldati, che accedono all'interno tramite una porta posteriore.

Fin dall'inizio il Warrior non disponeva di feritoie per il tiro dall'interno con le armi leggere, in quanto la dottrina britannica prevedeva lo sbarco della squadra per combattere. La protezione, già molto buona in partenza, è stata progressivamente incrementata, con l'aggiunta, ad esempio, di protezioni aggiuntive Chobham, come il grosso cuneo anteriore o la pannellatura laterale, in modo da poter resistere ai colpi dei lanciarazzi della classe dell'RPG-7. La torretta è brandeggiata elettricamente, ma l'alzo è manuale. Sono disponibili buoni apparati di scoperta e tiro giorno/notte.

Il Warrior ha avuto il battesimo del fuoco durante la Prima guerra del Golfo e, successivamente, è stato impiegato estesamente nei Balcani. In Bosnia, grazie alle sue capacità incassatrici e alla potenza dell'armamento, era stato ribattezzato "la morte bianca", in ragione del fatto che i veicoli della missione ONU erano dipinti di bianco e, dopo infiniti ammonimenti ai contendenti, avevano iniziato a rispondere al fuoco. È stato adottato in 110 esemplari dal Kuwait nella versione Desert Warrior.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]