Ward Moore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ward Moore (Madison, 10 agosto 1903Pacific Grove, 29 gennaio 1978) è stato uno scrittore di fantascienza statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Ward Moore nacque il 10 agosto 1903 a Madison[1] nel New Jersey da genitori ebrei che si erano sposati nel 1902. Suo nonno era Joseph Solomon Moore (1821-1892), di origine tedesca, commerciante su commissione che scrisse diversi libri sulla questione tariffaria, e fu amico di Carl Schurz. Cinque mesi dopo la sua nascita a Madison, nell'immediata periferia di New York, i suoi genitori si trasferirono a Montreal, in Canada, dove aveva vissuto la famiglia di sua madre. Lì il giovane Moore seguì alcuni corsi di studio, ma senza alcuna continuità[1], diventando autodidatta.

Nel 1913 la sua famiglia tornò a New York. Durante questo periodo i genitori di Moore divorziarono, per poi risposarsi entrambi, ma suo padre morì nel 1916. Il secondo marito di sua madre e patrigno di Moore fu il noto jazzista tedesco Julian Fuhs. Moore frequentò a New York la De Witt Clinton High School, da cui venne espulso per la sua attività di pacifista durante la prima guerra mondiale (egli sostenne in seguito di aver abbandonato volontariamente la scuola al fine incominciare l'attività di scrittore). Frequentò quindi il Columbia College.

Moore affermò di aver trascorso diversi anni in vagabondaggio in giro per gli Stati Uniti, durante i primi anni venti. In seguito trovò lavoro come commesso in una libreria newyorkese[1], pubblicando alcune poesie su piccoli giornali. Verso la metà del decennio assunse la gestione di una libreria a Chicago, facendo amicizia con uno dei clienti del negozio, il giovane poeta Kenneth Rexroth. Moore appare nel libro di memorie di Rexroth An Autobiographical Novel come il folle poeta e scrittore di fantascienza boemo Bard Major. Rexroth affermò che Major apparteneva al Comitato Centrale del Partito Comunista di Milwaukee, espulso per deviazionismo trotzkista, ma la base reale di tali fatti, seppure esista, resta oscura.

Nel 1929 Moore si trasferì a Los Angeles, in California,[1], dove rimase a vivere per il resto della sua vita. Inizialmente lavorò in una fattoria, poi nell'edilizia e infine trovò impiego presso un cantiere navale[1].

A partire dal 1937 partecipò al Federal Writers Project della WPA, di cui il suo amico Rexroth era amministratore della sede di San Francisco. Durante la seconda guerra mondiale entrò nel campo dell'editoria, lavorando come ghost writer per conto terzi, oppure in proprio[1].

Il suo primo romanzo uscì nel 1942 con il titolo Breathe the Air Again[2] e racconta della lotta sindacale in California durante gli anni venti, all'inizio della Grande Depressione (la storia è raccontata da più punti di vista, e lo stesso Ward Moore appare brevemente come personaggio nel romanzo); il romanzo contiene numerosi elementi autobiografici e fu bene accolto dalla critica, ottenendo ampie e favorevoli recensioni. Il romanzo avrebbe dovuto essere il primo di una trilogia, ma i volumi restanti non furono mai pubblicati. Sempre nel 1942 Moore si sposò per la prima volta, con Lorna Lenzi, da cui ebbe sette figli. Durante gli anni quaranta scrisse recensioni di libri, articoli e racconti per un certo numero di riviste e giornali, tra cui Harper's Bazaar, il San Francisco Chronicle, Jewish Horizons e The Nation.

Il suo primo romanzo di fantascienza, Più verde del previsto (Greener Than You Think)[2][3], venne pubblicato da William Sloane Associates nel 1947. A partire dal 1950 fu redattore della rassegna di libri edita su Frontier, un mensile politico della West Coast simile a The Nation. Nei primi anni cinquanta iniziò a scrivere regolarmente per The Magazine of Fantasy and Science Fiction: amico degli editori della rivista con sede in California, Anthony Boucher e J. Francis McComas, divenne ben presto un popolare scrittore, tra i favoriti dei lettori della rivista. Mai terribilmente prolifico, i suoi racconti di fantascienza scritti nel corso degli anni cinquanta erano divertenti e ben fatti e godettero di buona accoglienza.

Nel 1953 l'editore Ballantine Books pubblicò il suo romanzo più famoso, Anniversario fatale (Bring the Jubilee),[2], un'ucronia ambientata al tempo della guerra di secessione americana, che vedeva i sudisti vincere la battaglia di Gettysburg[4], cambiando il corso della storia. Nell'agosto 1953 pubblicò su Fantasy and Science Fiction il racconto lungo Lot[5], cui seguì nell'ottobre 1954 Lot's Daughter[6]. Dai due racconti viene tratto nel 1962 il film post apocalittico Il giorno dopo la fine del mondo (Panic in Year Zero!), diretto e interpretato da Ray Milland[5].

Nel corso degli anni sessanta la sua produzione letteraria diminuì e i suoi ultimi due romanzi vennero completati con l'aiuto di collaboratori. Nel 1962 uscì a puntate sulla rivista Fantastic Stories of Imagination il suo ultimo romanzo di fantascienza, Joyleg[5][7], scritto a quattro mani con Avram Davidson. Nel 1965 si risposò con la scrittrice di fantascienza Raylyn Moore (nata Crabbe; 1928-2005). La coppia si trasferì a Pacific Grove, California, dove Moore morì il 29 gennaio 1978[5]. Il romanzo Caduceus Wild (inedito in Italia), scritto insieme a Robert Bradford, venne completato nel 1959, ma fu pubblicato solamente dopo la sua morte[5].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia essenziale

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marzio Tosello, Lo spettatore della storia in Urania Collezione, n.117, Milano, A. Mondadori editore, ottobre 2012, pp. 246-250.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Tosello 2012, p. 246
  2. ^ a b c Tosello 2012, p. 247
  3. ^ uscito per la prima volta in Italia su Urania n.875, Arnoldo Mondadori editore, Milano, 1981
  4. ^ combattuta tra il 1° e il 3 luglio 1863
  5. ^ a b c d e Tosello 2012, p. 248 , uscito su Fantasy & Science Fiction, agosto 1953
  6. ^ uscito su Fantasy & Science Fiction, ottobre 1954
  7. ^ uscito per la prima volta in Italia su Galassia n.140, Casa Editrice La Tribuna, 1971

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]