Wappingers Falls

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wappingers Falls
village
(EN) Wappingers Falls, New York
Wappingers Falls – Veduta
Localizzazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Flag of New York.svg New York
Contea Dutchess
Amministrazione
Sindaco Matthew Alexander
Territorio
Coordinate 41°35′57″N 73°55′55″W / 41.599167°N 73.931944°W41.599167; -73.931944 (Wappingers Falls)Coordinate: 41°35′57″N 73°55′55″W / 41.599167°N 73.931944°W41.599167; -73.931944 (Wappingers Falls)
Altitudine 47 m s.l.m.
Superficie 3,1 km²
Abitanti 4 929 (2000)
Densità 1 590 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 12590
Prefisso 845
Fuso orario UTC-5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Wappingers Falls
Sito istituzionale

Wappingers Falls è una località (village) degli Stati Uniti d'America, nella Contea di Dutchess nello Stato di New York. La cittadina è conosciuta turisticamente per le cascate del torrente Wappingers. Prende il nome dagli indiani Wappinger che hanno vissuto per secoli nel territorio che comprende l'attuale Contea di Dutchess e lungo il corso del fiume Hudson prima che vi arrivassero i coloni europei. Dista 251 miglia da Washington e 73 da New York.

Attualmente la popolazione di 4.929 abitanti (2.364 maschi e 2.565 femmine), è costituita da discendenti di ex emigranti europei nelle seguenti percentuali: 27,3 % da italiani, 20,5 % da irlandesi, 14,9 % da tedeschi, 5,6 % da inglesi e 3,7 % da americani. Il 3,2 % della popolazione è disoccupata mentre il 6,1 % è laureata o vanta diplomi professionali. È amministrata da un soprintendente e da un consiglio eletto dalla cittadinanza. Il suo territorio è per metà nel comune di Wappinger e per metà in quello di Poughkeepsie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Secondo le leggende locali, verso la fine del Seicento, Francis Rombout e Giulian Verplanck, mercanti di New York, comprarono con l'inganno il territorio dagli indiani Wappinger.

Romboult contrattò per tutta la terra che poteva vedere poi, come racconta la tradizione, furbescamente si arrampicò sulla cima del Monte Beacon. La sua concessione terriera includeva quel territorio che ora appartiene alla città di Beacon, di Wappingers Falls, Fishkill e East Fishkill e fu riconosciuta ufficialmente con un brevetto rilasciato dal re Carlo II d'Inghilterra nel 1685.

Nel 1840 il piccolo villaggio era diviso in due parti che occupavano l'insenatura del torrente: il lato orientale sorgeva attorno allo stabilimento “Franklindale” con una chiesa episcopale, una scuola, un grande mulino per la macinatura del grano e circa 30-40 case; il lato ovest denominato Ednamville sorgeva nelle immediate vicinanze di una grande fabbrica di cotone, una scuola e 30 case. Nel 1846 con la costruzione del ponte ferroviario sul fiume Hudson arrivarono i primi immigrati irlandesi e italiani.

Tra il 1860-'70 si aprì un periodo di grande sviluppo economico per il villaggio: fu fondato il primo giornale, la biblioteca pubblica, la scuola di Drake, le segherie di Johnson, e l'istituzione di Sweet Orr e di Company e ben 18 saloons. Nel 1785 assunse il titolo amministrativo di città.

Nel 1885 lo storico cotonificio “Franklindale” che impiegava oltre 130 operai veniva distrutto da un furioso incendio e nello stesso anno la fabbrica di pettini “Indipendent Comb Factory” con l'abolizione dei dazi doganali fu costretta a chiudere in quanto non più competitiva con l'intraprendente produzione tedesca. Fu meta predileta degli emigranti di Magasa alla fine dell'Ottocento.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gianpaolo Zeni, "En Merica!" - L'emigrazione della gente di Magasa e Val Vestino in America, Comune e Biblioteca di Magasa, Bagnolo Mella 2005;

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America