Walther Reinhardt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walther Reinhardt
Il generale Reinhardt (n. 2) in un discorso pubblico del 1919
Il generale Reinhardt (n. 2) in un discorso pubblico del 1919
24 marzo 1872 - 8 agosto 1930
Nato a Stoccarda
Morto a Berlino
Dati militari
Paese servito Flag of the German Empire.svg Impero tedesco
Forza armata Kaiserstandarte.svg Heer
Arma Fanteria
Anni di servizio 1891 - 1930
Grado Rank insignia of General of the Wehrmacht.svg Generale di Fanteria

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Walther Reinhardt (Stoccarda, 24 marzo 1872Berlino, 8 agosto 1930) è stato un militare tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Reinhardt iniziò la propria carriera militare nel 1891 entrando nel Grenadier-Regiment „Königin Olga“ (1. Württembergisches) Nr. 119 per poi essere promosso tenente dall'anno successivo. Nel 1904 divenne capitano dello staff generale, e tra il 1912 e il 1915, Reinhardt fu il primo ufficiale di stato maggiore nel XIII. (Königlich Württembergischen) Armee-Korps. Nel 1915, Reinhardt venne nominato capo di stato maggiore del medesimo corpo e nominato Maggiore. L'anno successivo divenne capo di stato maggiore dell'11. Armee di stanza in Macedonia per poi passare dal 1917 in Francia come Colonnello della 7. Armee. Dal 1918 diresse la smobilitazione del ministero della guerra prussiano per poi divenire l'ultimo ministro della guerra della Prussia nel 1919, servendo inoltre nel gabinetto imperiale tra il 13 febbraio ed il 1 ottobre 1919 senza diritto di voto. Per via dell'imminente firma del Trattato di Versailles e la cessione dei territori della Prussia orientale, Reinhardt fu tra coloro che proposero uno stato indipendente per quell'area con l'intento di conservare comunque l'area come patronato possibile dello stato tedesco, ma tale proposta non ebbe successo.

Durante gli scontri tenutisi a Berlino nel marzo del 1919, fu lui a ordinare l'arresto del generale Walther von Lüttwitz assieme a circa 250 marinai della Volksmarinedivision che portò poi alla morte di 29 di loro accusati di alto tradimento, accusa di cui si rese il principale artefice proprio il generale Reinhardt.

Dopo la firma del Trattato di Versailles, Reinhardt divenne uno degli artefici principali del cambiamento in campo militare del ruolo militare della Germania dopo la grande guerra. Dopo la dissoluzione del comando supremo dell'esercito il 4 luglio 1919 venne nominato da Gustav Noske il 20 agosto di quello stesso anno quale ministro della difesa e nuovo comandante in capo del Reichswehr. In questo contesto rinnovato di politica il 13 settembre 1919 Reinhardt si dimise da ministro in Prussia e nessun altro dopo di lui venne nominato a tale carica, venendo nominato anche Maggiore Generale.

Dimessosi da ministro della difesa per contrasti col nuovo governo, dopo le sue dimissioni divenne comandante della 5. Division. dal 1920 al 1924 venendo nominato Luogotenente Generale. Nel 1923 venne impiegato in Turingia per la soppressione di alcuni moti proletari e dal 1925 al 1927 fu comandante in capo al 2 gruppo di comando con sede a Kassel.

Morì a Berlino nel 1930.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze tedesche[modifica | modifica sorgente]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite con foglie d'alloro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite con foglie d'alloro
Cavaliere di IV Classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa
Commendatore con spade dell'Ordine di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore con spade dell'Ordine di Hohenzollern
Cavaliere di IV classe con corona e spade dell'Ordine al Merito Militare di Baviera (Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV classe con corona e spade dell'Ordine al Merito Militare di Baviera (Baviera)
Ufficiale con spade dell'Ordine reale di Alberto di Sassonia (Sassonia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale con spade dell'Ordine reale di Alberto di Sassonia (Sassonia)
Cavaliere dell'Ordine al Merito Militare del Württemberg (Württemberg) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito Militare del Württemberg (Württemberg)
Croce d'Onore dell'Ordine della Corona del Württemberg (Württemberg) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'Onore dell'Ordine della Corona del Württemberg (Württemberg)
Commendatore di II classe dell'Ordine di Federico (Württemberg) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di II classe dell'Ordine di Federico (Württemberg)
Dienstauszeichnung (Impero tedesco) - nastrino per uniforme ordinaria Dienstauszeichnung (Impero tedesco)
Cavaliere della Croce Anseatica di Amburgo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Croce Anseatica di Amburgo
Cavaliere della Croce Anseatica di Brema - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Croce Anseatica di Brema
Cavaliere di I classe con spade dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe con spade dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Mezzaluna di Ferro (Impero austro-ungarico) - nastrino per uniforme ordinaria Mezzaluna di Ferro (Impero austro-ungarico)
Commendatore dell'Ordine nazionale al merito militare (Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine nazionale al merito militare (Bulgaria)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 62344154 LCCN: n2004028522

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie