Walter Ruttmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Walter Ruttmann (Francoforte sul Meno, 28 dicembre 1887Berlino, 15 luglio 1941) è stato un regista tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ispiratosi alle teorie di Hans Richter, Walter Ruttmann divenne uno dei maggiori esponenti dell'avanguardia cinematografica tedesca e in tale ambito, con brillante ingegno di sperimentatore, tese ad affermare un cinema di immagini in stretto rapporto ritmico col sonoro.  I suoi primi film astratti "Opus I" (1921) e "Opus II" (1923) erano esperimenti di nuove forme di espressione cinematografica, e in essi si vede l'influenza dei primi lavori di Oskar Fischinger.[1]

Nel 1927 vede affiancarsi come aiuto regista Herbert Selpin, che poi diverrà a sua volta regista.

Pur presentando un esclusivo interesse formale, le sue opere rivelano tuttavia una sorprendente capacità di montaggio. Suo è Acciaio, del 1933, girato a Terni e unico film a soggetto di Ruttmann.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Lichtspiel Opus I (1921)
Lichtspiel Opus II (1922)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il linguaggio universale di Walter Ruttmann

Controllo di autorità VIAF: 54246262 LCCN: no90021074