Walter M. Miller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Walter Michael Miller jr. (New Smyrna Beach, 23 gennaio 1923Daytona Beach, 9 gennaio 1996) è stato un autore di fantascienza statunitense.

È conosciuto principalmente per Un cantico per Leibowitz (A Canticle for Leibowitz), l'unico romanzo pubblicato mentre era in vita. In precedenza scrisse numerosi racconti brevi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Miller nacque a New Smyrna Beach in Florida. Frequentò le Università del Tennessee e del Texas e lavorò come ingegnere. Durante la seconda guerra mondiale fu arruolato nell'aeronautica come operatore radio e cannoniere di coda e partecipò a 53 missioni di volo sopra l'Italia e i Balcani. Prese parte al bombardamento dell'abbazia benedettina di Montecassino traendone un'esperienza particolarmente traumatica.

Fra il 1951, anno del suo esordio con Secret of the Death Dome, e il 1957 Miller pubblicò quarantuno fra racconti e romanzi brevi di fantascienza, vincendo il Premio Hugo nel 1955 per il racconto Il mattatore (The Darfsteller). Alla fine degli anni cinquanta unificò tre racconti in un romanzo dal titolo Un cantico per Leibowitz (A Canticle for Leibowitz) che fu pubblicato nel 1959.

Un cantico per Leibowitz è un romanzo post apocalittico, considerato nel suo genere un capolavoro; un ottimo esempio della fantascienza americana moderna, il quale nel complesso va a collocarsi anche al di là del romanzo prettamente fantascientifico. Vinse nel 1961 il Premio Hugo come miglior romanzo dell'anno. Il racconto è una potente meditazione sui cicli della storia del mondo e del Cattolicesimo romano come forza stabilizzatrice nel corso dei tempi bui. Miller divenne cattolico nel 1947. Dopo il successo di Un cantico per Leibowitz, Miller non pubblicò più alcun romanzo o racconto anche se negli anni sessanta e settanta furono pubblicate alcune raccolte dei suoi racconti. La radio americana NPR [1] (National Public Radio) produsse un adattamento del romanzo nel 1981.

Miller sposò Anna Louise Becker nel 1945 e la coppia ebbe 4 figli. Nei suoi ultimi anni si ritirò a vita solitaria evitando i contatti con altre persone inclusi i componenti della sua famiglia. Si suicidò nel 1996 dopo aver scritto gran parte del seguito di Un cantico per Leibowitz, intitolato Saint Leibowitz and the Wild Horse Woman, che fu completato da Terry Bisson e pubblicato l'anno successivo, nel 1997.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Racconti brevi[modifica | modifica sorgente]

  • Anybody Else Like Me? (1952)
  • The Big Hunger (1952)
  • Big Joe and the Nth Generation (1952)
  • Bitter Victory (1952)
  • Blood Bank (1952)
  • Cold Awakening (1952)
  • Command Performance (1952)
  • Conditionally Human
  • Crucifixus Etiam (1953)
  • The Darfsteller (1955)
  • Dark Benediction (1951)
  • Death of a Spaceman (1954)
  • Dumb Waiter (1952)
  • The First Canticle (1955)
  • Gravesong (1952)
  • The Hoofer (1955)
  • I, Dreamer (1953)
  • I Made You (1954)
  • Izzard and the Membrane (1951)
  • Let My People Go (1952)
  • The Lineman (1957)
  • The Little Creeps (1951)
  • Memento Homo (1954)
  • No Moon for Me (1952)
  • The Reluctant Traitor (1952)
  • Secret of the Death Dome (1951)
  • Six and Ten Are Johnny (1952)
  • The Song of Marya (1957)
  • The Song of Vorhu (1951)
  • The Soul-Empty Ones (1951)
  • The Sower Does Not Reap (1953)
  • The Space Witch (1951)
  • The Ties that Bind (1954)
  • The View from the Stars
  • The Will (1954)
  • The Yokel (1953)
  • Vengeance for Nikolai (1957)
  • Way of a Rebel (1954)
  • Wolf Pack (1953)
  • You Triflin' Skunk! (1955)

Antologie[modifica | modifica sorgente]

  • Conditionally Human (1962)
  • The View from the Stars (1965)
  • The Science Fiction Stories of Walter M. Miller, Jr. (1978)
  • The Best of Walter M. Miller, Jr. (1980)
    • Variant Title: Dark Benediction (2007)
  • Conditionally Human and Other Stories (1982)
  • The Darfsteller and Other Stories (1982)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ NPR

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia italiana di Walter M. Miller in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.

Controllo di autorità VIAF: 105150576 LCCN: n81120378