Walter Bianchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walter Bianchi
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 1994
Carriera
Squadre di club1
1981-1982 Cesena Cesena 0 (0)
1982-1983 Rimini Rimini 33 (0)
1983-1984 Brescia Brescia 9 (0)
1984-1985 Rimini Rimini 32 (0)
1985-1987 Parma Parma 68 (2)
1987-1989 Milan Milan 5 (0)
1989-1990 Torino Torino 18 (0)
1990-1991 Verona Verona 0 (0)
1991-1992 Cosenza Cosenza 27 (0)
1992-1994 Verona Verona 17 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Walter Bianchi (Aarau, 7 novembre 1963) è un ex calciatore italiano, di ruolo terzino.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Fu pupillo di Arrigo Sacchi che se lo è portato spesso nelle compagini da lui allenate. Ha giocato con Cesena (Serie A), Rimini (Serie C1), Brescia (Serie C1), Parma (Serie C1 e Serie B), Milan (Serie A), Torino (Serie B), Cosenza (Serie B) e Verona (Serie B).

La sua carriera fu caratterizzata da continui infortuni (e non solo alle gambe) al punto tale da subire 10 interventi chirurgici.[senza fonte] Ha esordito in Serie A il 13 settembre 1987 in Pisa-Milan (1-3), sotto la guida di Arrigo Sacchi. Con i rossoneri, ottenendo 5 presenze in campionato in due stagioni, ha vinto uno scudetto (1987-1988) e una Coppa dei Campioni (1988-1989).

Oltre alle 5 presenze in Serie A col Milan, ha totalizzato 98 presenze ed una rete in Serie B, ottenendo una promozione col Torino nella stagione 1989-1990 e una con il Verona nella stagione 1990-1991, sfiorandone un'altra con il Cosenza nella stagione 1991-1992 sotto la guida di Edy Reja.

Il 28 luglio 1992 Bianchi viene coinvolto in un incidente stradale con tutta la squadra dell'Hellas Verona, sulla strada verso il ritiro di Cles. Il pullman della squadra si scontra con una ruspa: nello scontro, Bianchi rimane gravemente ferito e cade in coma per diversi giorni, per poi riprendersi lentamente durante i seguenti mesi[1].

In seguito ha preso il patentino di allenatore professionista di 2ª categoria. Ha allenato il Foligno (salvandolo dalla retrocessione) e le giovanili del Gubbio (con cui ha vinto il campionato degli Allievi regionali 1998-1999 e vincendo il campionato Allievi sperimentali 1999-2000) e squadre di prima categoria come Semonte (che ha portato alla promozione dopo una stagione vinta a sei giornate dalla fine) e Cantiano, con il quale è retrocesso avendo preso in mano la squadra già ultima in classifica a metà campionato[senza fonte].

Dal 25 luglio 2011 è vice allenatore di Antonio Rocca alla guida dell'Italia Under-15.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Milan: 1987-1988
Milan: 1988

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Milan: 1988-1989

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da Meroni a Scirea, quando la strada è un pericolo mortale, Il Corriere della Sera, 4 agosto 1993, pag.25

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]