Waldenburgerbahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Waldenburgerbahn
Inizio Liestal
Fine Waldenburg
Stati attraversati Svizzera Svizzera
Lunghezza 13 km
Apertura 1880
Gestore Waldenburgerbahn
Scartamento 750 mm
Elettrificazione 1500 volt, =
Ferrovie

La Waldenburgerbahn (WB) (detta anche Waldenburgbahn) è una ferrovia a scartamento ridotto della Svizzera gestita dalla omonima impresa ferroviaria.

Waldenburgerbahn.jpg

Storia[modifica | modifica sorgente]

La costruzione della linea, tra Liestal nel Canton Basilea Campagna e Waldenburg, venne proposta in seguito all'arrivo a Liestal, nel 1858, della ferrovia Basilea - Olten che era stata costruita dalla Compagnia della Svizzera Centrale (Schweizerische CentralBahn). Il progetto era finanziato dai comuni interessati, dal Cantone di Basilea-Campagna e dalla Schweizerische CentralBahn.

Il 1º novembre 1880 la linea ferroviaria, a scartamento ridotto da 750 mm, venne aperta all'esercizio. La scelta di tale scartamento fu dettata dalla necessità di ridurre l'ingombro della sede ferroviaria per far correre la linea entro i limiti della carreggiata stradale esistente. Qualche anno prima della prima guerra mondiale si progettò un suo prolungamento e, contestualmente, il cambio di scartamento e l'elettrificazione ma tutto venne bloccato dallo scoppio del conflitto. Dal 1923 venne riadattata in sede propria. La linea venne elettrificata nel 1953.[1]. Nel 1985 venne rinnovato il materiale rotabile.

La linea è gestita dalla società Waldenburgerbahn AG. Serve a connettersi con i servizi ferroviari delle FFS nella stazione di Liestal. Attualmente è l'unica ferrovia svizzera rimasta con lo scartamento di 750 mm[2].

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Stazioni e fermate
Straight track
da Basilea
Head station Station on track
Liestal
Straight track Track turning left
per Olten
Station on track
Altmarkt
Station on track
Bad Bubendorf
Stop on track
Talhaus
Station on track
Lampenberg-Ramlinsburg
Station on track
Hölstein
Stop on track
Hölstein Sud
Stop on track
Hölstein Weidbächli
Stop on track
Hirschlang
Station on track
Niederdorf
Stop on track
Oberdorf Winkelweg
Station on track
Oberdorf
End station
Waldenburg

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fritz Bandi, Les Chemins de fer privés suisses, Éditions Avanti,1979
  2. ^ Buckley, Richard. Tramways and Light Railways of Switzerland and Austria, op. cit., p.119

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Richard Buckley, Tramways and Light Railways of Switzerland and Austria (2nd edition), p. 119, Gloucester, UK, Light Rail Transit Association, 2000. ISBN 0-948106-27-1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]