Lavoro e Giustizia Sociale - L'Alternativa Elettorale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da WASG)
Lavoro e Giustizia Sociale - L'Alternativa Elettorale
Arbeit und soziale Gerechtigkeit – Die Wahlalternative
Leader Jürgen Klute (2005)
Oskar Lafontaine (2005-2007)
Stato Germania Germania
Fondazione 22 gennaio 2005
Dissoluzione 2007 (confluito ne La Sinistra)
Sede Königswarter Straße
16 D-90762 Fürth
Ideologia Socialdemocrazia,
socialismo
Collocazione sinistra
Sito web w-asg.de

Lavoro e Giustizia Sociale - L'Alternativa Elettorale (in tedesco Arbeit und soziale Gerechtigkeit – Die Wahlalternative, WASG) è stato un partito politico tedesco.

Venne fondato nel 2005 da attivisti delusi "da sinistra" dalla coalizione rosso-verde di governo. Il 16 giugno 2007 WASG si fuse con il Partito della Sinistra per dare vita a La Sinistra. Nel momento in cui si unì poteva contare su circa 11.600 iscritti.[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il partito nacque dall'associazione "Wahlalternative Arbeit und soziale Gerechtigkeit", nata nel luglio 2004 da due gruppi principali: "Initiative Arbeit und soziale Gerechtigkeit" (Iniziativa Lavoro e Giustizia sociale), attiva soprattutto in Baviera e "Wahlalternative" (Alternativa elettorale), presente nei Länder nord-occidentali. Tali gruppi erano sorti in aperta opposizione all'Agenda 2010, un programma di riforme economiche e sociali enunciato dal cancelliere Gerhard Schröder nel marzo 2003, che venivano giudicate apertamente neoliberiste.

WASG corse per la prima volta alle elezioni della Renania Settentrionale-Vestfalia con il pastore Jürgen Klute come candidato di punta e un programma elettorale basato sul contrasto ai tagli nelle politiche sociali e alla tassazione favorevole nei confronti dei benestanti. In tale occasione raccolse circa 182.000 voti, pari a circa il 2,2% dei suffragi.

Il 18 giugno 2005 Oskar Lafontaine, già candidato Cancelliere e figura di spicco del Partito Socialdemocratico, entrò nel partito e venne candidato alle elezioni federali dello stesso anno nella Renania Settentrionale-Vestfalia dopo aver promosso l'alleanza tra WASG e Partito del Socialismo Democratico, erede del Partito Socialista Unificato di Germania, che proprio nel 2005 aveva cambiato nome in Partito della Sinistra.

Note[modifica | modifica wikitesto]