vz. 58

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
vz. 58
Sa 58-JH01.jpg
Tipo Fucile d'assalto
Origine Cecoslovacchia
Impiego
Utilizzatori vedi utilizzatori
Produzione
Progettista Jiří Čermák
Date di produzione 1959 - presente
Numero prodotto oltre 920.000
Varianti vedi varianti
Descrizione
Peso primi modelli 2,91 kg
Lunghezza 845 mm (vz. 58-P), 636/845 mm (vz. 58-V)
Lunghezza canna 279 mm, 295 mm, 390 mm, 482 mm, 590 mm
Tipo munizioni 5,56 × 45 mm NATO, 9 × 19 mm, 7,62 × 39 mm
Azionamento a presa diretta di gas
Cadenza di tiro 800 colpi/min
Velocità alla volata 705 m/s
Tiro utile 400 m
Alimentazione caricatore da 30 colpi
Organi di mira metalliche, mirino a palo, diottra posteriore regolabile in elevazione e deriva

Modern Firearms.ru[1]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Il vz. 58 è un fucile d’assalto calibro 7,62 mm progettato e prodotto in Cecoslovacchia e entrato in servizio negli anni ’60 con la denominazione 7,62 mm Samopal vzor 58 (mitra modello 1958) come sostituto dei fucili vz. 52, vz. 24 e vz. 26. Esternamente il fucile ricorda il fucile d’assalto AK-47 sovietico, ma internamente il progetto sfrutta un pistone a corsa corta che non ha nessun punto in comune con il meccanismo impiegato dal fucile russo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Lo sviluppo dell’arma cominciò nel 1956. Capo del progetto era l’ingegnere Jiří Čermák, assegnato alla fabbrica Konstrukta di Brno. L’Unione Sovietica impose ai paesi aderenti al Patto di Varsavia di standardizzare il munizionamento militare con una sola cartuccia per tipo di arma, così il primo prototipo dell’arma, conosciuto come Koště, fu progettato appositamente per utilizzare la cartuccia sovietica intermedia 7.62 × 39 mm M43 e non la cartuccia standard della Cecoslovacchia (il 7,62 × 45 mm) utilizzato nel precedente vz. 52. Il fucile entrò in servizio nel 1958 e in un periodo di circa 25 anni ne sono stati prodotti oltre 920.000 esemplari, utilizzati dalle forze armate cecoslovacche, cubane e dalle forze armate di moltissimi paesi africani e asiatici.

Il vz. 58 venne prodotto in tre varianti principali:

  • vz. 58 P (Pěchotní – Fanteria): variante standard con calcio fisso in polimero (le versioni più vecchia presentano calci in legno).
  • vz. 58 V (Výsadkový – Paracadutisti): variante con calcio metallico ripiegabile sul lato destro dell’arma.
  • vz. 58 Pi (Pěchotní s infračerveným zaměřovačem – Fanteria con puntatori infrarossi): modello standard con castello superiore dotato di scina fissa per il montaggio del visore notturno NSP-2, bipiede anteriore ripiegabile e soppressore di fiamma conico.

Il successore del vz. 58 fu proposto solo negli anni ’90: il fucile d’assalto ČZ 2000, calibro 5,56 × 45 mm NATO, fu proposto come sostituto accettabile ma la mancanza di fondi impedì l’adozione dell’arma. Recentemente altri due fucili sono stati suggeriti come possibili sostituti: il fucile d’assalto ČZW-556 e la mitragliatrice leggera ČZW-762 che utilizzano sistemi di funzionamento più affidabili del ČZ 2000.

Dettagli tecnici[modifica | modifica sorgente]

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Il vz. 58 è un fucile operato a gas che impiega i gas di generati dalla combustione della polvere da sparo per riarmare l’arma. I gas che procedono lungo la canna vengono incanalati in un apposito condotto, posto sopra la canna di sparo, che termina in uno spazio cilindrico che contiene il pistone a corsa corta. Il vz. 58 non ha un regolatore di gas, per cui tutto il gas prodotto viene spinto contro la testa del pistone, spingendolo indietro con un’unica violenta spinta. Il pistone viene spinto all’indietro per soli 19 mm, dopodiché il blocco fissato al fondo del pistone impatta contro un fermo, il che impedisce qualunque ulteriore arretramento. Tra il fermo e il fondo del pistone si trova una molla che ritornando in posizione dopo la compressione operata dal pistone, riporta l’arma in posizione di sparo. Quando il pistone ha percorso 16 mm di spostamento la camera di sparo espelle tutti i gas rimanenti tramite due fessure praticate sul fondo e l’arma è di nuovo pronta a sparare.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il fucile utilizza un selettore a leva, che permette anche l’inserimento della sicura manuale. Il selettore è a tre posizioni:

  • 1: fuoco semiautomatico, posto verso il calcio dell’arma.
  • S: sicura, posta nella posizione centrale del selettore.
  • 30: fuoco automatico, posto verso la canna dell’arma.

L’arma è alimentata con caricatori in alluminio da 30 colpi. Quando l’ultimo colpo viene esploso l’otturatore si blocca in apertura: la chiusura è operata tramite la pressione di un pulsante sul lato sinistro del castello, appena dietro l’alloggiamento del caricatore. Il porta otturatore presenta una guida che permette di ricaricare il caricatore dell’arma utilizzando le strip da 10 colpi della carabina SKS. Nonostante l’evidente somiglianza, i caricatori dell’AK-47 (e dei suoi derivati) non sono compatibili con quest’arma.

Organi di mira[modifica | modifica sorgente]

Il sistema di mira del fucile è costituito da un mirino anteriore regolabile e un mirino posteriore graduato da 100 a 800 mm (con scatti di 100 m).

Accessori[modifica | modifica sorgente]

Dal 2009 molte compagnie (come Neit Arms Inc. e North Eastern Arms) hanno cominciato a produrre diversi accessori per modernizzare l’arma. Gli accessori comprendono la leva di sgancio per il caricatore ambidestra, selettore di fuoco ambidestro, baionetta, cinghia per il trasporto, accessori per la regolazione del mirino anteriore dell’arma e diversi tipi di scine per il montaggio di ottiche o altri accessori.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Un Vz. 58 V
  • vz. 58 P: variante standard con calcio fisso in polimero.
  • vz. 58 V: variante con calcio metallico ripiegabile sul lato destro dell’arma sviluppata per l’equipaggio di carri e paracadutisti.
  • vz. 58 Pi: variante con scina integrata nel castello per il montaggio di visori notturno NSP-2, bipiede pieghevole e spegnifiamma conico.
  • Automatická puška (fucile automatico) AP-Z 67: versione sperimentale per il munizionamento 7,62 × 51 mm NATO sviluppata nel 1966.
  • Útočná puška (fucile d’assalto) ÚP-Z 70: versione sperimentale per il munizionamento 5,56 × 45 mm NATO sviluppato nel 1970.
  • Experimentální zbraň (arma sperimentale) EZ-B: versione sperimentale bullpup sviluppata nel 1976.
  • Ruční kulomet (mitragliatrice leggera) KLEČ: versione sperimentale con canna da 590 mm (simile a quella dell’RPK sovietico) sviluppata nel 1976.
  • Lehká odstřelovačská puška (fucile di precisione leggero) vz. 58/97: fucile di precisione sperimentale sviluppato dalla VTÚVM Slavičín.
  • Samopal (mitraglietta) vz. 58/98 Bulldog: variante per il munizionamento 9 × 19 mm Parabellum sviluppata dalla VTÚVM Slavičín.
  • CZH 2003 Sport: variante a solo colpo singolo per il mercato civile. Disponibile sia con canna standard (390 mm) che canna accorciata (295 mm). In Canada venne prodotta una versione in tiratura limitata per il mercato civile con canna lunga (490 mm).
  • CZ 858 Tactical: variante semiautomatica prodotta per il mercato civile canadese. Disponibile con canna standard (390 mm), accorciata (279 mm) o allungata (482 mm).
  • FSN Series: variante civile dell’arma. Disponibile con canna standard (FSN-01 da 390 mm) o accorciata (279 mm), calcio fisso o pieghevole a scelta dell’acquirente.
  • vz. 58 Sporter Series: carabine prodotte dalla Czech Small Arms, disponibili per i munizionamenti 5,56 × 45 mm e 7,62 × 39 mm.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Il Vz. 58 nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ SA Vz.58 assault rifle (Czechoslovakia / Czech Republic / Slovak Republic). URL consultato il 07 settembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra