Vuoto a rendere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una bottiglia di vetro vuota.

La locuzione vuoto a rendere indica che un contenitore (tipicamente bottiglie di vetro, ma anche in plastica PET[1]) una volta svuotato dev'essere reso al fornitore, così che possa essere riutilizzato (si arriva fino a 20 riutilizzi per le bottiglie in PET, 40 per quelle in vetro[1]). In genere, chi acquista il prodotto in vuoto a rendere paga un deposito che gli viene reso al momento della restituzione.

L'espressione contraria è vuoto a perdere, che indica invece che il contenitore non viene restituito e può essere gettato. I vuoti a perdere sono molto spesso usa e getta, sebbene alcune aziende producano contenitori in vuoto a perdere che possono essere riutilizzati: quelli della Nutella, ad esempio, vengono comunemente usati come bicchieri (o brocche per quelli di maggiori dimensioni) una volta svuotati[2].

Vantaggi[modifica | modifica sorgente]

Il concetto di vuoto a rendere è stato definito migliore sotto molti aspetti rispetto al vuoto a perdere, per questioni economiche, politiche ed ecologiche: secondo studi condotti dall'Ufficio federale dell'ambiente della Germania i vuoti a rendere sono significativamente meno inquinanti degli usa e getta[1]; l'ammontare dei rifiuti è ridotto del 96% per il vetro e dell'80% con la plastica[1]. Il riuso per 20 volte di una bottiglia di vetro comporta anche un risparmio energetico del 76,91%[3]. Il vuoto a perdere, invece, comporta maggior consumo di materie prime e di energia, e un maggiore inquinamento[3].

In accordo con tali studi, un'ordinanza tedesca del 1991 prevede che almeno il 72% dei contenitori prodotti dalle aziende siano vuoti a rendere[1]. In Danimarca, per le bibite, il vuoto a rendere in bottiglie di vetro è obbligatorio[4]. In Norvegia è utilizzato il vuoto a rendere per le lattine[4].

In Italia, nel 2005, i vuoti a rendere coprivano meno del 50% dei consumi, anche se si assiste ad una crescita di progetti volti a diminuire o eliminare gli usa e getta[1].

Altri significati[modifica | modifica sorgente]

L'espressione "vuoto a perdere" è entrata nel linguaggio quotidiano con il significato di una cosa di cui non ci si può disfare, un peso, una situazione d'impiccio. La stessa espressione è stata usata come titolo per il singolo Vuoto a perdere di Noemi, dall'album RossoNoemi e per la canzone omonima del gruppo alternative rock Zen Circus.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Andreas Schlumberger Cinquanta piccole cose da fare per salvare il mondo e risparmiare denaro, pag. 42-43.
  2. ^ Chiara Mauri Innovazione nel retailing nei prodotti per la casa, pag. 78.
  3. ^ a b Stefano Montanari Lo stivale di Barabba. L'Italia presa a calci dai rifiuti, pag. 212.
  4. ^ a b Paul A. Herbig Marketing interculturale, pag. 250.