Vsevolod Ėmil'evič Mejerchol'd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francobollo russo commemorativo dedicato a Mejerchol'd (sulla sinistra) e a Stanislavskij (a destra)

Vsevolod Ėmil'evič Mejerchol'd (in russo: Всеволод Эмильевич Мейерхольд[?]; Penza, 9 febbraio 1874Mosca, 2 febbraio 1940) è stato un regista russo.

Esordisce come attore nella compagnia del Teatro d'Arte di Mosca guidata da Kostantin Sergeevič Stanislavskij e Vladimir Nemirovič-Dančenko per poi passare alla regia nell’ambito di una propria formazione che fa il giro dei piccoli teatri della provincia russa.

Nel 1905, già noto impresario teatrale decide di tornare a Mosca, al Teatro D'Arte, da Stanislavskij, il quale organizza una nuova compagnia diretta dallo stesso abile Mejerchol'd. Nasce così l'importante periodo del Teatro Studio di Mosca.

Segue un breve rapporto con l'attrice russa Vera Fëdorovna Kommisarževskaja che gli affida la propria compagnia a San Pietroburgo; in questa città Mejerchol'd lavora stabilmente fino allo scoppio della rivoluzione bolscevica dividendosi tra i due teatri imperiali, Aleksandriskij e Teatro Mariinskij, in cui porta in scena spettacoli di prosa (Don Giovanni o Il convitato di pietra di Molière, L'uragano di Aleksandr Nikolaevič Ostrovskij) e di teatro musicale (Tristano e Isotta di Richard Wagner, Elettra, Orfeo ed Euridice).

Nel 1917 lascia i teatri imperiali e lavora nella sezione teatrale del Commissariato per l’Istruzione. La sua poetica ne è profondamente condizionata: nel 1920 fonda a Mosca un nuovo teatro, il Teatr RSFSR 1 ("Teatro Mejerchol'd" dal 1923), e qui rivisita in chiave rivoluzionaria molti classici del teatro russo ed europeo (tra gli altri Albe di Verhaeren, 1920; Mistero-Buffo di Vladimir Majakovskij, 1921; Il revisore di Nikolaj Gogol', 1926; Che disgrazia l’ingegno di Griboedov, 1928; Dama delle camelie di Alexandre Dumas, 1934; 33 svenimenti da atti unici di Anton Čechov, 1935).

A lui si devono la ricerca e le regole nel campo della biomeccanica dell'attore che condizioneranno il lavoro dell'attore per sempre.

Negli anni trenta è sempre più nel mirino della critica ufficiale che lo accusa di trotskismo e di tendenze contrarie al realismo socialista e va incontro ai suoi anni più bui; la stampa lo attacca, i suoi spettacoli vengono vietati ed è sospeso l’avanzamento del suo progetto per la costruzione di un nuovo teatro.

Arrestato e torturato, muore fucilato nel 1940.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Vsevolod Ėmil'evič Mejerchol'd in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Controllo di autorità VIAF: 71394940 LCCN: n50029001