Vonda N. McIntyre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vonda McIntyre)

Vonda Neel McIntyre (Louisville, 28 agosto 1948) è un'autrice di fantascienza statunitense.

Vonda ha iniziato la sua carriera di scrittrice frequentando agli inizi degli anni settanta il Clarion Science Fiction & Fantasy Writers' Workshop[1], un corso di sei settimane focalizzato sullo scrivere romanzi di genere fantascientifico e fantasy.

Già nel 1973 riceve il suo primo premio Nebula per il suo racconto Of Mist, and Grass and Sand che successivamente sarà ampliato fino a diventare il romanzo Il serpente dell'oblio (Dreamsnake, 1978), vincitore del premio Hugo e del Nebula come miglior romanzo.

Oltre a scrivere romanzi autonomi si è dedicata anche a scrivere storie ambientate negli universi di Guerre stellari e Star Trek. È stata lei a dare il nome Hikaru al signor Sulu, il famoso personaggio di Star Trek, nel suo romanzo Effetto entropia (The Entropy Effect, 1981). Il nome diventerà ufficiale solamente con il sesto film, Rotta verso l'ignoto (1991), dove lo scrittore Peter David convincerà il regista Nicholas Meyer a inserirlo nella pellicola[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(parziale)[3]

Romanzi non di serie[modifica | modifica wikitesto]

Starfarers[modifica | modifica wikitesto]

Star Trek - La serie originale[modifica | modifica wikitesto]

  • Effetto entropia (The Entropy Effect, 1981), traduzione di Silvia Ciaghi, Star Trek Serie Classica 1, Armenia Editore, 1993
  • La prima missione (Enterprise: The First Adventure, 1986), traduzione di Gloria Pastorino, Economica Tascabile 108, Fanucci Editore, 1999

Star Trek - I film[modifica | modifica wikitesto]

  • Star Trek: The Wrath of Khan, 1982 (libro 7)
  • Star Trek III: The Search for Spock, 1984 (libro 17)
  • Star Trek IV: The Voyage Home, 1986
  • Duty, Honor, Redemption, 2004 (raccolta delle tre trasposizioni letterarie)

Guerre stellari[modifica | modifica wikitesto]

  • La stella di cristallo (Star Wars: The Crystal Star, 1996), traduzione di Anna Feruglio Dal Dan, Superbestseller 549, Sperling Paperback, 1996

Raccolte di racconti[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Breaking Point, in Venture Science Fiction Magazine, 1970
  • Cages, in Quark/4, 1971
  • Only at Night, in Clarion, 1971; Fireflood and Other Stories, 1979
  • The Galactic Clock, in Generation, 1972
  • The Genius Freaks, in Orbit 12, 1973; Fireflood and Other Stories, 1979
  • Spectra, in Orbit 11, 1973; Fireflood and Other Stories, 1979
  • Ali (Wings, in The Alien Condition, 1973; Fireflood and Other Stories, 1979), traduzione di Roberta Rambelli, in Storie dello spazio esterno, Grandi Opere Nord 8, Editrice Nord, 1982
  • Of Mist, and Grass, and Sand, in Analog Science Fiction/Science Fact, ottobre 1973; Best SF of the Year 3, 1974; Nebula Award Stories 9, 1974; Women of Wonder, 1975; Looking Ahead, 1975; The Infinite Web, 1977; The Best of Analog, 1978; Dreamsnake, 1978; Fireflood and Other Stories, 1979; Arbor House Treasury of Modern SF, 1980; Constellations, 1980; The Analog Anthology #1, 1980; The Road to Science Fiction #4, 1982; The Science Fiction Hall of Fame, Volume IV, 1986; 6 Decades: The Best of Analog, 1986; Great Science Fiction of the 20th Century, 1987; The Best of the Nebulas, 1989
  • Recourse, Inc., in Alternities, 1974; Fireflood and Other Stories, 1979
  • The Mountains of Sunset, the Mountains of Dawn, in The Magazine of Fantasy and Science Fiction, febbraio 1974; Best Science Fiction Stories of the Year, 1975; Fireflood and Other Stories, 1979; Norton Book of SF, 1993
  • Screwtop, romanzo breve, in The Crystal Ship, 1976; The New Women of Wonder, 1978; Fireflood and Other Stories, 1979; Screwtop / The Girl Who Was Plugged In, 1989
  • Thanatos, in Future Power, 1976
  • The End's Beginning, in Analog Science Fiction/Science Fact, settembre 1976; Fireflood and Other Stories, 1979
  • Aztecs, in 2076: The American Tricentennial, 1977; Best SF of the Year 7, 1978; Fireflood and Other Stories, 1979; Nebula Winners 13, 1980
  • The Serpent's Death, in Analog Science Fiction/Science Fact, febbraio 1978; Dreamsnake, 1978
  • The Broken Dome, in Analog Science Fiction/Science Fact, marzo 1978; Dreamsnake, 1978
  • Marea di fuoco (Fireflood, in The Magazine of Fantasy and Science Fiction, novembre 1979; Fireflood and Other Stories, 1979; Best SF of the Year 9, 1980), traduzione di Roberta Rambelli, ne I mutanti, Grandi Opere Nord 9, Editrice Nord, 1983
  • Shadows, Moving, in Interfaces, 1980
  • Elfleda, in New Dimensions 12, 1981; Unicorns!, 1982
  • Looking for Satan, in Shadows of Sanctuary, 1981; Lythande, 1986
  • The Straining Your Eyes Through the Viewscreen Blues, in Nebula Winners 15, 1981
  • Transit, in Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, ottobre 1983
  • Malheur Maar, in Full Spectrum 2, 1989
  • Colletto d'acciaio (Steelcollar Worker, in Analog Science Fiction and Fact, novembre 1992), traduzione di Luigi Schenoni, ne L'ottavo giorno della creazione, Sonzogno, 1994
  • The Adventure of the Field Theorems, in Sherlock Holmes in Orbit, 1995
  • The Sea Monster's Song, in Odyssey, Issue 1, novembre/dicembre 1997
  • Una modesta proposta per la perfezione della natura (A Modest Proposal, in Nature, marzo 2005), traduzione di Piero Anselmi, ne L'altra faccia della realtà, Millemondi 48, Arnoldo Mondadori Editore, 2009
  • Little Faces, in The Year's Best Science Fiction Twenty-Third Annual Collection, 2006
  • Misprint, in Nature, luglio 2008
  • LADeDeDa, in Nature, marzo 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ex alunni del Clarion Workshop
  2. ^ Comics Buyer's Guide, nº 1614, marzo 2006, p. 10.
  3. ^ Bibliografia italiana di Vonda N. McIntyre in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 83986079 LCCN: n79076720