Volo United Airlines 232

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Volo United Airlines 232
Un DC-10 simile a quello coinvolto nell'incidente
Un DC-10 simile a quello coinvolto nell'incidente
Tipo di evento Incidente
Data 19 luglio 1989
Tipo Guasto ad un motore con distruzione dei sistemi idraulici di controllo del volo
Luogo Sioux City, Iowa
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Coordinate 42°24′29″N 96°23′02″W / 42.408056°N 96.383889°W42.408056; -96.383889Coordinate: 42°24′29″N 96°23′02″W / 42.408056°N 96.383889°W42.408056; -96.383889
Tipo di aeromobile McDonnell Douglas DC-10-10
Operatore United Airlines
Numero di registrazione N1819U
Partenza Aeroporto Internazionale Stapleton, Denver, Colorado
Scalo intermedio Aeroporto Internazionale O'Hare, Chicago, Illinois
Destinazione Aeroporto Internazionale di Filadelfia, Pennsylvania
Passeggeri 285
Equipaggio 11
Vittime 111
Feriti 172
Sopravvissuti 185
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America

Dati estratti da Aviation Safety Network[1]

voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il volo United Airlines 232 era un volo di linea della United Airlines tra Denver e Filadelfia, con scalo a Chicago. Il 19 luglio 1989, il McDonnell Douglas DC-10-10 che operava il volo si è schiantato durante un atterraggio di emergenza all'aeroporto di Sioux City dopo che il motore di coda si era parzialmente disintegrato e aveva provocato la rottura di tutti i sistemi idraulici di controllo del volo. Le vittime furono complessivamente 111.[1]

Dinamica dell'incidente[modifica | modifica sorgente]

Un'ora dopo la partenza da Denver, la ventola del motore di coda del DC-10 si disintegrò scagliando schegge in ogni direzione e recidendo tutti i circuiti idraulici del velivolo. Il Pilot Operating Handbook del DC-10 non prevedeva un triplice guasto dell'impianto idraulico considerando impossibile che accadesse.

Il capitano Al Haynes, il primo ufficiale William Records e il secondo ufficiale Dudley Dvorak con l'aiuto di Denny Fitch, un pilota che stava tornando a casa dal lavoro sul volo 232, cercarono di far atterrare l'aereo solo grazie alla loro esperienza di piloti. Gli unici controlli che rispondevano erano le manette dei motori uno e tre che Fitch gestì, ai comandi del capitano Haynes, per guidare l'aereo guasto verso Sioux City, tentando un atterraggio di emergenza.

Il velivolo atterrò sulla pista 22 del Sioux City Gateway Airport ed esplose causando la morte di 111 passeggeri ma, grazie al coraggio dei quattro uomini che riuscirono a pilotare l'aereo nonostante l'aereo fosse dichiaratamente impossibilitato a volare, altre 185 persone sopravvissero.

Danny Fitch morì nel maggio 2012 all'età di 69 anni a St. Charles, Illinois.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Aviation Safety Network, http://aviation-safety.net/database/record.php?id=19890719-1 . URL consultato il 26/08/2011.
  2. ^ (EN) Robert P. Mark, Pilot Hero of United Flight 232 Dies in ainonline.com, 21 maggio 2012. URL consultato il 28 maggio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]